Il MTI assegna la concessione $25.000 allo scienziato Biologico del Laboratorio di MDI per ricerca periferica nella neuropatia

L'Istituto della Tecnologia del Maine (MTI) ha assegnato una concessione di $25.000 semi a Sandra Rieger, Ph.D., del Laboratorio Biologico di MDI per studiare la neuropatia periferica, una circostanza che causa il dolore, formicolante e l'intorpidimento nelle mani ed i piedi e le influenze i 20 - 40 milione Americani stimati.

La concessione di un anno permetterà che Rieger collabori con gli scienziati dall'Università di Nuova Inghilterra (UNE) in Biddeford, Maine, accertare di se composti precedentemente identificasse poichè impedire o piuttosto invertire la neuropatia periferica in zebrafish è egualmente efficace in ratti.

La ricerca in ratti, che sono mammiferi come esseri umani, è un punto importante nell'entrare i composti negli studi clinici umani. Corrente, nessun trattamento per la neuropatia periferica esiste, eccezione fatta per i sintomi quale dolore.

“Siamo messi a fuoco sulla scoperta e sviluppo di nuove terapie a ricupero della medicina,„ ha detto Kevin Sconosciuto, il Ph.D., Presidente Biologico del Laboratorio di MDI. “Costituendo un fondo per la ricerca della fase iniziale con potenziale commerciale quale Sandra Rieger, MTI sta giocando un settore biomedico in costruzione di Maine di ruolo critico e sta creando i nuovi impieghi di scienza e tecnologia.„

Le cause della neuropatia periferica comprendono la chemioterapia del cancro, il diabete, il trattamento antibiotico ed altre circostanze. Rieger studia la neuropatia periferica indotta da Taxol (paclitaxel), un agente comune della chemioterapia. Ha identificato due composti che hanno il potenziale di impedire o invertire la circostanza potenzialmente rendente non valida.

I composti che Rieger ha scoperto sono l'argomento di brevetto provvisorio registrato l'anno scorso al Laboratorio Biologico di MDI. La Parte della concessione del seme del MTI sarà usata per perseguire il brevetto completo per l'uso di questi composti.

“Siamo molto riconoscenti al MTI,„ Rieger ha detto. “Speriamo di commercializzare le nuove terapie per trattare dalla la neuropatia periferica indotta da chemioterapia in esseri umani. La ricerca in ratti è un punto seguente critico in quel trattamento. Con l'aiuto del finanziamento del MTI e dell'Università di Nuova Inghilterra, possiamo ora muoverci avanti con lo sviluppo di queste terapie.„

Rieger ha collegato la neuropatia periferica ad un aumento in MMP-13 (matrice metalloproteinase-13), un enzima che degrada il collageno, che tiene insieme l'interfaccia. La degradazione dell'interfaccia causa la degenerazione delle terminazioni nervose sensitive, che piombo alla neuropatia periferica. I composti Rieger scoperto inibiscono l'attività MMP-13.

Rieger egualmente recentemente ha ricevuto una concessione che ammonta a $1,8 milioni dall'Istituto Nazionale contro il Cancro per costituire un fondo per la continuazione lei studi in zebrafish. Che la concessione egualmente costituirà un fondo per uno studio di collaborazione con la Clinica di Mayo a Rochester, Minnesota, per verificare la pertinenza clinica dei suoi risultati nei pazienti di cancro al seno ha trattato con Taxol.

Sorgente: https://mdibl.org/press-release/maine-technology-institute-funds-mdi-biological-laboratory-scientist/

Advertisement