Lo studio conferma le nanoparticelle del tatuaggio migra intorno all'organismo

Gli studi intrapresi da un gruppo degli scienziati dalla Germania e dalla funzione europea di radiazione di sincrotrone (ESRF), Francia, trovata che gli elementi che costituiscono i tatuaggi' inchiostrano lo sbraccio i linfonodi viaggiando dentro l'organismo nei moduli di nanoparticella e del micro.

© David Tadevosian/Shutterstock.com

Lo studio, pubblicato nei rapporti scientifici ieri ha fornito le prime prove analitiche del trasporto di parecchi impurità dell'elemento del tossico, pigmenti inorganici ed organici come pure caratterizzazione di profondità dei pigmenti ex vivo in tessuti tatuati per la prima volta.

In questa innovazione, due beamlines (stazioni sperimentali) di ESRF sono stati vitali - ID21 e ID16B.

Hiram Castillo, un autore dello studio dal ESRF ha spiegato la necessità di controllo della composizione chimica dei colori usati mentre tatuava. “Quando qualcuno vuole ottenere un tatuaggio, stanno spesso molto attenti nella scelta del salone in cui usano i aghi di stampa sterili che non sono stati usati precedentemente. Nessuno controlla la composizione chimica dei colori„.

Il fatto è che la gente ha limitato soltanto la conoscenza sulle impurità possibili presenti nella miscela di colore usata sull'interfaccia.

Tatui gli inchiostri, che principalmente sono fatti dei pigmenti organici, a volte egualmente consistono dei conservanti e degli agenti inquinanti quali cromo, nichel, cobalto o manganese.

Oltre a nero di carbonio, il biossido di titanio (TiO2) è la componente più comunemente usata in inchiostri del tatuaggio. È un pigmento bianco usato per creare le tonalità mescolandosi con i coloranti. TiO2 è egualmente una componente ampiamente usata in additivi alimentari, vernici e schermi di sole.

La guarigione in ritardo di accompagnamento con le elevazioni dell'interfaccia ed itching principalmente è collegata con i tatuaggi bianchi, che sono probabilmente una conseguenza di usando TiO2.

Il gruppo che gli scienziati inclusi dal ESRF, dall'università di Ludwig-Maximilians, dall'istituto federale tedesco per la valutazione del rischio e dal Physikalisch-Technische Bundesanstalt ha riuscito a individuare TiO2 quando entra nel tessuto.  

Le minacce potenziali dei tatuaggi precedentemente sono state studiate con l'analisi chimica in vitro degli inchiostri e dei sui prodotti di degradazione.

Bernhard Hesse, uno dei due autori principali dello studio ha commentato quello attraverso prova visiva della tintura dei linfonodi con il colore del tatuaggio, era evidente che i pigmenti dai tatuaggi avrebbero viaggiato ai linfonodi. Era la risposta dell'organismo nella pulizia del punto dell'entrata del tatuaggio.

Tuttavia, era sconosciuto che aveva viaggiato in un modulo nano, suggerente un comportamento differente dalle particelle ad un micro livello; poichè il modo da cui le nanoparticelle reagiscono non è conosciuto, potrebbe essere problematico, lui ha aggiunto.  

Con le misure di fluorescenza a raggi X su ID21, il gruppo poteva individuare TiO2 all'intervallo nano come pure micro nell'interfaccia e nell'ambiente linfatico. Hanno identificato una vasta gamma di particelle nell'interfaccia che spettavano a parecchi micrometri nella dimensione. Ma, soltanto le particelle nane sono state trovate per essere trasportate ai linfonodi. Ciò ha potuto provocare l'ingrandimento cronico e l'esposizione per tutta la vita del linfonodo.

Per valutare i cambiamenti biomolecolari che accadono nei tessuti ha individuato vicino alle particelle del tatuaggio, la spettroscopia anche usata di infrarosso di trasformata di fourier dei ricercatori.

Complessivamente, il gruppo potrebbe riferire la forte prova per sia migrazione come pure il deposito a lungo termine delle particelle tossiche che i pigmenti del tatuaggio nel corpo umano. Egualmente hanno fornito la prova per le modifiche conformazionali delle biomolecole che potrebbero essere associate con infiammazione cutanea ed altri pericoli di tatuare.

Dopo l'individuazione delle associazioni fra i beni strutturali e chimici dei pigmenti utilizzati nei tatuaggi, gli obiettivi del gruppo più ulteriormente per analizzare i campioni pazienti con gli effetti contrari.