I ricercatori creano il virus della chimera che permette che lo studio delle molecole tratti i cancri

I ricercatori da Instituto de Medicina Molecular (IMM) Lisbona hanno creato un virus della chimera che permette che lo studio delle molecole tratti i cancri causati tramite l'infezione umana di herpesvirus nei modelli dei mouse della malattia.

Ci sono parecchi tipi di herpesvirus capaci di infettare gli esseri umani, quale il herpesvirus del sarcoma del herpes simplex, della varicella, del citomegalovirus, di Epstein-Barr e di Kaposi. Una delle caratteristiche principali dei herpesviruses è la loro capacità di infettare i loro host per vita ed in una piccola percentuale di questa gente infine piombo a cancro.

I Cancri connessi con infezione virale di Kaposi hanno un tallone d'Achille: l'attuabilità delle loro cellule dipende direttamente dalla sopravvivenza del virus, in modo da significa che se il virus dovesse eliminarsi le cellule tumorali più non avrebbero proliferato, quindi il cancro sarebbe essiccato.

In collaborazione con un gruppo dal banco Harvard-Medico, i ricercatori piombo da Pedro Simas (IMM) e Kenneth Kaye (Harvard) hanno studiato una proteina del virus di Kaposi vitale per l'infezione di mantenimento. Senza questa proteina, chiamata LANA, il virus allenta la sua capacità di causare il cancro.

Il gruppo ha trovato che quando LANA è clonato in un virus simile a Kaposi, ma che infetta i mouse invece degli esseri umani, conserva la sua funzionalità. Ciò che trova sorpresa poiché è stato presupposto che in conseguenza della divergenza evolutiva fra l'essere umano ed altri virus animali, i geni che codificano per LANA non potrebbe essere passata.

Tuttavia, l'opera ora pubblicata in PlosPathogens, indicato che anche se ci sono più di 60 milione anni di divergenza evolutiva fra il herpesvirus umano del sarcoma di Kaposi ed il suo omologo del roditore, i meccanismi funzionali di LANA è conservata.

Questi risultati hanno permesso che i ricercatori creassero un virus della chimera: un virus del mouse con un gene virale umano che può essere usato per provare le molecole che inibiscono la proteina di LANA dell'essere umano in un modello animale della malattia, trattante non solo infezione virale umana di herpes ma anche i sui cancri associati. Queste molecole eventualmente saranno usate in futuro come droghe per trattare i linfomi virus-associati di Kaposi.

“Oltre al virus di Kaposi la stessa strategia sperimentale per creare i virus della chimera, precedentemente probabilmente teoricamente non vitali, può ora essere usata per altri virus che usano le proteine simili a LANA, quale il virus di Epstein-Barr che infetta più maggior di 90% della popolazione mondiale o del papillomavirus umano responsabile dei cancri cervicali,„ ha detto Pedro Simas.