I ricercatori di IMB rivelano il mistero del trattamento di invecchiamento

I Ricercatori all'Istituto di Biologia Molecolare rivelano il mistero di perché invecchiamo

I Ricercatori all'Istituto di Biologia Molecolare (IMB) a Mainz hanno fatto un'innovazione nella comprensione dell'origine del trattamento di invecchiamento. Hanno identificato che i geni che appartengono ad un trattamento hanno chiamato autophagy, che è una delle celle la maggior parte dei trattamenti critici di sopravvivenza, promuovono la salubrità e la forma fisica in giovani vermi ma determinano il trattamento di invecchiare più successivamente nella vita. Questa ricerca pubblicata nei Geni & nello Sviluppo del giornale dà alcuna della prima chiara prova per come il trattamento di invecchiamento sorge come capriccio di evoluzione. Questi risultati possono anche avere più vaste implicazioni per il trattamento dei disordini neurodegenerative quale la malattia di Alzheimer, di Parkinson e di Huntington dove autophagy è implicato. I ricercatori indicano che promuovendo la longevità con la interruzione autophagy in vermi vecchi c'è un forte miglioramento nella salubrità di un neurone e successiva del corpo intero.

Ottenere vecchio è qualcosa che accada ad ognuno e quasi ogni specie su questo pianeta, ma la domanda è: dovrebbe? In una pubblicazione recente nei Geni & nello Sviluppo che del giornale “l'inibizione Di Un Neurone nominata del complesso autophagy di nucleazione estende la durata della vita nei elegans post-riproduttivi del C.,„ laboratorio di Dott. Holger Richly a IMB ha trovato alcuna della prima prova genetica che può porre questo problema per riposare.

Charles Darwin ha spiegato, la selezione naturale provoca le persone più adatte per un ambiente dato che sopravvivono per crescere e passare sopra i loro geni alla generazione seguente. Più fruttuoso un tratto è a promuovere il successo riproduttivo, più forte la selezione per quel tratto sarà. Nella teoria, questo dovrebbe provocare le persone con i tratti che evitano che invecchia poichè i loro geni potrebbero essere passati quasi continuamente sopra. Quindi, malgrado i fatti ovvi al contrario, dal punto di invecchiamento di evoluzione dovrebbe non accadere mai. Questa contraddizione evolutiva è stata dibattuta e teorizzato stata sopra dai 1800s. Era soltanto nel 1953 con la sua ipotesi di pleiotropia antagonistica (AP) che George C. Williams ha dato una spiegazione razionale per come invecchiare può sorgere in una popolazione con evoluzione. Williams ha proposto che la selezione naturale arricchisse i geni che promuovono il successo riproduttivo ma conseguentemente trascura i loro effetti negativi sulla longevità. D'importanza, questo è soltanto vero quando quegli effetti negativi si presentano dopo l'inizio della riproduzione. Essenzialmente, se una mutazione genetica provoca più prole ma accorcia la vita che è benissimo. Ciò è perché ci possono essere più discendenti che continuano i geni dei genitori in un tempo di scarsità compensare. Di Conseguenza, col passare del tempo questo la pro-forma fisica, mutazioni di pro-invecchiamento attivamente è selezionata per ed il trattamento di invecchiamento è duro collegato nel nostro DNA. Mentre questa teoria è stata provata matematicamente e le sue implicazioni dimostrate nel mondo reale, la prova reale per i geni che si comportano dentro quale il modo sta mancando di.

Questa prova ora è arrivato secondo Jonathan Byrne, autore del co-cavo del documento: “La teoria evolutiva di invecchiare appena spiega così piacevolmente tutto ma mancava della prova reale che stava accadendo in natura. L'Evoluzione diventa cieca agli effetti delle mutazioni che promuovono invecchiare finchè quegli effetti danno dei calci a soltanto dentro dopo che la riproduzione ha cominciato. Realmente, invecchiare è una svista evolutiva.„ E continua: “Questi geni di AP non erano stati trovati già perché è incredibilmente difficile da lavorare con gli animali già vecchi. Eravamo i primi per capire come fare questo su vasta scala. Relativamente da un piccolo schermo, abbiamo trovato sorprendente un grande numero dei geni che sembrano funzionare ad un modo antagonistico.„ Gli studi Precedenti avevano trovato i geni che incoraggiano l'invecchiamento mentre ancora sono essenziali per lo sviluppo, ma i 30 geni i ricercatori di IMB trovati rappresentano alcuno del primo invecchiare di promozione trovato specificamente soltanto nei vecchi vermi. “Visto Che abbiamo analizzato soltanto 0,05 per cento di tutti i geni in un verme questo suggerisce che ci potrebbero essere molto di questi geni là fuori da trovare,„ Byrne indicato.

La prova per invecchiare determinato da evoluzione non era la sola sorpresa che il documento avesse in memoria, secondo Thomas Wilhelm, l'altro autore del co-cavo del documento. “Che Cosa era il più sorprendente era che cosa elabora quei geni è stato compreso dentro.„ Non il contenuto per fornire appena la prova mancante per un puzzle di 60 anni, Wilhelm ed i suoi colleghi ha continuato a descrivere che cosa un sottoinsieme di questi geni fa nei elegans del C. e come potrebbero determinare il trattamento di invecchiamento. “Questo è dove i risultati realmente ottengono affascinanti,„ ha sottolineato il Dott. Holger Richly, il ricercatore principale dello studio. “Abbiamo trovato una serie di geni coinvolgere nella regolamentazione autophagy, che accelerano il trattamento di invecchiamento.„ Questi risultati sono sorprendenti effettivamente poichè il trattamento di autophagy è un trattamento di riciclaggio critico nella cella e solitamente è richiesto per vivere una vita completa normale. Autophagy è conosciuto per diventare più lento con l'età e gli autori di questa manifestazione di carta che sembra completamente deteriorarsi in più vecchi vermi. Dimostrano quello che interrompono i geni chiave nell'inizio del trattamento permettono che i vermi vivano più lungamente rispetto a lasciare funzionare paralizzato. “Questo potrebbe forzarci ripensare le nostre idee circa uno dei trattamenti più fondamentali che esistono in una cella,„ Pienamente spiegati. “Autophagy è quasi sempre ha pensato a mentre utile anche se sta funzionando a mala pena. Invece indichiamo che ci sono conseguenze negative severe quando ripartono e poi siete più ricco oltrepassandolo tutti insieme. È AP classico: in giovani vermi, autophagy sta lavorando correttamente ed è essenziale per raggiungere la scadenza, ma dopo che riproduzione che comincia funzionare male inducendo i vermi ad invecchiare,„ lui è continuato.

In una rivelazione definitiva, Pienamente e nel suo gruppo potevano tenere la carreggiata la sorgente di pro segnali ad un tessuto specifico, vale a dire i neuroni di longevità. Inattivando autophagy nei neuroni di vecchi vermi potevano non solo prolungare la vita dei vermi ma hanno aumentato drammaticamente la salubrità totale dei vermi. “Imagine che raggiunge il punto a metà strada nella vostra vita e che ottiene una droga che lascia voi come si adatta ed il cellulare mentre qualcuno metà della vostri età e voi anche vive lungo-che è che cosa è come per i vermi,„ ha detto Thomas Wilhelm. “Spegniamo autophagy soltanto in un tessuto e l'intero animale ottiene una spinta. I neuroni sono molto più sani nei vermi trattati e pensiamo che questo tenga i muscoli ed il resto dell'organismo nella buona forma. Il risultato netto è un'estensione di 50 per cento di vita.„

Mentre gli autori ancora non conoscono il meccanismo esatto che induce i neuroni a restare più sani per lungamente, questo che trova potrebbe avere ampie implicazioni. “Ci sono molte malattie di un neurone connesse con autophagy disfunzionale quale la malattia di Alzheimer, di Parkinson e di Huntington. È che questi geni autophagy potrebbero rappresentare un buon modo contribuire a conservare l'integrità di un neurone in questi casi,„ Thomas Wilhelm elaborato possibile. Mentre qualsiasi trattamento sarebbe molto lontano, presupporre tali risultati potrebbe essere ricapitolato in esseri umani che offre una speranza allettante per potere da impedire la malattia ed ottenere più giovane e più sano mentre agisce in tal modo.

Sorgente: http://www.uni-mainz.de/presse/aktuell/2595_ENG_HTML.php