Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga approvata per trattare le infezioni parassitarie egualmente esercita l'effetto antitumorale sulle celle di EOC

I ricercatori nel Giappone e negli Stati Uniti trovano il ivermectin, una droga usata per uccidere i parassiti, sopprime lo sviluppo del tumore nel cancro ovarico epiteliale

I ricercatori di Osaka, in società con l'altro giapponese e gli scienziati degli Stati Uniti, riferiscono un nuovo obiettivo del gene, KPNB1, per il trattamento contro cancro ovarico epiteliale (EOC). EOC è la quinta causa principale delle morti in relazione con il Cancro in donne ed ha una prospettiva particolarmente torva sopra la diagnosi. Egualmente trovano che il ivermectin esercita un effetto antitumorale sulle celle di EOC interagendo con il gene KPNB1. Poiché il ivermectin già è approvato per trattare le infezioni parassitarie in pazienti, gli esperimenti per la sua efficacia in un regime anticancro è bassi costi significativamente previsti confrontati ai composti non provati della droga. Lo studio può essere atti dentro colti dell'Accademia nazionale delle scienze.

“EOC è una malattia provocatoria da trattare a causa della sua eterogeneità. Il tasso di mortalità è restato con calma per le decadi. Abbiamo bisogno di nuove droghe ed anche nuovi obiettivi della droga,„ dice il ginecologo Michiko Kodama di università di Osaka, che primo ha creato lo studio.

Per cercare i nuovi geni dell'obiettivo della droga per EOC, Kodama ha fatto due in vivo selezioni, uno shRNA basato e l'altro CRISPR/Cas9 basato. Vari sono stati trovati compreso ERBB2, ma perché ci sono già droghe che mirano a ERBB2 nell'uso clinico, ha sistemato la sua attenzione sul gene con il secondo più alto ordine nella selezione, KPNB1.

Kodama ha confermato che KPNB1 ha funzionalità coerenti di un oncogene, trovando che la sua sovraespressione ha accelerato significativamente la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule di EOC, mentre la sua inibizione ha indotto il apoptosis.

“Abbiamo trovato che attivazione KPNB1 ed inibizione ha avuto un effetto diretto sull'espressione dei fattori di apoptosis,„ dice.

Aggiungendo alla probabilità che questo gene ha un ruolo in EOC, ha trovato che la prognosi per i pazienti di EOC ha diminuito con il più alta espressione KPNB1.

“Questo non mostra KPNB1 è una causa di EOC, ma la mostra che potrebbe essere un obiettivo„, lei ha aggiunto.

È stato stimato che la droga che riposiziona catturasse un terzo del momento ed il costo affinchè una droga sperimentale ricevesse l'approvazione federale rispetto alla scoperta della droga. Di conseguenza, per trovare i candidati della droga che possono sopprimere i beni oncogenetic di KPNB1, Kodama ha cercato soltanto le droghe clinico-approvate, sistemantesi sul ivermectin.

“Ivermectin inibisce il trasporto nucleare di importin a/b-mediated. KPNB1 è un membro della famiglia di importin b,„ spiega, aggiungendo che questa famiglia include le proteine nel nucleo delle cellule.

Ha trovato che il ivermectin ha avuto effetti pro-apoptotic in celle di EOC, ma non se l'attività KPNB1 già fosse soppressa artificialmente. Inoltre, il ivermectin ha avuto un effetto sinergico una volta combinato con paclitaxel, la droga corrente preferita per il trattamento di EOC.

Poiché il cancro di EOC è eterogeneo, i migliori regimi terapeutici probabilmente comprenderanno una combinazione di droghe. Attraverso le selezioni complete per i mutanti e le droghe clinico-approvate, Kodama è promettente che la droga che riposiziona porterà tali regimi ai pazienti più velocemente.

“Non capiamo i meccanismi molecolari per l'effetto sinergico. Ivermectin e il paclitaxel sono stati nell'uso clinico per i parecchi decenni, che dovrebbero facilitare i test clinici,„ lei hanno detto.