Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori sono sovvenzionato di $2 milioni NIH per trovare se le maschere di protezione proteggono da inquinamento atmosferico

Molto persone in tutto il mondo, particolarmente in Asia, maschere di protezione di usura da proteggere da inquinamento atmosferico. Funzionano?

Sanjay Rajagopalan, MD, Herman Hellerstein, il professor di medicina cardiovascolare alla Scuola di Medicina di Case Western Reserve University ed al capo di medicina cardiovascolare al Centro Medico di Cleveland degli Ospedali Universitari, ha ricevuto gli Istituti Nazionali i $2 milioni della concessione di Salubrità per contribuire a scoprire se le maschere di protezione realmente proteggono da inquinamento atmosferico.

Rajagopalan servirà da ricercatore principale (PI) per un gruppo dei colleghi della Scuola di Medicina e degli Ospedali Universitari di Case Western Reserve University come pure dei ricercatori dall'Università di Pechino, dall'Università di Kentucky e dall'Università del Michigan, in uno studio internazionale - ASPIRI (Inquinamento Atmosferico: Strategie affinchè Intervento Personale Diminuiscano Esposizione di Inquinamento Atmosferico) - Degli effetti di inquinamento atmosferico sull'apparato cardiovascolare.

Nello studio, i ricercatori valuteranno la capacità delle unità di diminuire l'esposizione ad un agente inquinante di aria conosciuto come benissimo il particolato. Questo agente inquinante prende la forma delle particelle minuscole nell'aria, facente lo per sembrare nebbioso e diminuente la visibilità. La Respirazione dentro aumenta il rischio di malattia di cuore, di colpo, di cancro, di asma e di altri problemi respiratori.

Secondo un nuovo studio pubblicato nella Lancetta, circa 4,2 milione morti nel 2015 sono state attribuite ad inquinamento atmosferico, un aumento di venti per cento dal 1990. L'anno scorso, i ricercatori dall'Istituto di Effetti Sulla Salute A Boston hanno riferito che determinati giorni a Pechino o Delhi, il numero delle particelle fini nell'aria può essere dieci volte che cosa è considerato un livello sicuro.

La maschera globale di inquinamento atmosferico è una storia dei contrasti. Mentre l'aria in molte città Nordamericane ed Europee è lontano da puro, i loro problemi sono sminuiti dalle statistiche in Asia in cui i livelli di inquinamento atmosferico e delle complicazioni che risultano dall'esposizione costante stanno avendo conseguenze terribili.

“L'inquinamento atmosferico Mette milioni di persone, nel mondo intero, anche qui in America settentrionale, a rischio dei problemi sanitari seri,„ ha detto Rajagopalan. “Mentre la soluzione finale ad inquinamento atmosferico deve essere regolamento rigoroso, i miglioramenti sufficienti nella qualità dell'aria non stanno andando accadere in qualunque momento presto. Il Nostro nuovo studio esaminerà se le maschere di protezione conosciute come i respiratori N95 offrono nel frattempo l'efficace protezione.„

I respiratori, a differenza delle maschere chirurgiche generali dell'sciolto-installazione, sono destinati per raggiungere una misura molto vicina del facial. La designazione “N95„ significa che il respiratore blocca almeno 95 per cento di particelle di prova molto piccole.

Poiché i livelli di inquinamento atmosferico negli Stati Uniti e l'Europa ora sono generalmente troppo bassi per valutare adeguatamente i vantaggi degli interventi quali i respiratori N95, particolarmente in più piccole popolazioni, i ricercatori studieranno i pazienti di attacco di cuore in Cina, in cui i livelli elevati di inquinamento sono e pensati rimanere così per le decadi. Lo studio servirà da preludio ad un più grande studio di prova definitivo in Cina, in India e nel Brasile che esaminerà l'effetto di questo intervento in pazienti con la sindrome coronarica acuta.

“I risultati dal nostro studio potrebbero essere largamente applicabili a milioni di persone che sono esposti ordinariamente agli alti livelli di inquinamento atmosferico come pure agli ospiti alle impostazioni locali di alto-inquinamento,„ ha detto Rajagopalan.

Sorgente: http://casemed.case.edu/cwrumed360/news-releases/release.cfm?news_id=854