Il CBT offre l'alternativa apprezzata del trattamento per milioni che catturano gli opioidi per dolore cronico

Insegnando alle strategie dei pazienti meglio per fare fronte al dolore cronico, la terapia comportamentistica conoscitiva (CBT) è un'alternativa apprezzata del trattamento per milioni di Americani che catturano gli opioidi per dolore noncancer, secondo un articolo nel Giornale di Pratica Psichiatrica. Il giornale è pubblicato da Wolters Kluwer.

“La terapia comportamentistica Conoscitiva è un utile ed il metodo di trattamento empirico per i disordini di dolore che possono fare diminuire il ricorso all'eccessivo uso dei narcotici,„ scrive il DRS. Maometto Hassan Majeed dell'Ospedale di Natchaug, del Centro di Mansfield, dei Connett. e di Donna M. Sudak dell'Istituto Universitario di Drexel University di Medicina, Filadelfia. Discutono la prova che supporta l'uso di CBT evitare o diminuire l'uso degli opioidi per dolore cronico.

Il CBT Offre l'Efficace, Alternativa Più Sicura agli Opioidi per Dolore Cronico

L'uso Aumentante dei farmaci dell'opioide (a volte chiamato narcotico) trattare il dolore noncancer cronico è un contributore importante alla crisi dell'opioide degli STATI UNITI. Ma malgrado l'introduzione sul mercato e la prescrizione aggressive di questi antidolorifici potenti, c'è stato scarso effetto nella quantità e nella severità di dolore riferite dagli Americani negli ultimi dieci anni. “Non c'è prova che supporta l'uso degli opioidi per il trattamento di dolore cronico per più di un anno e l'uso cronico aumenta i rischi seri di uso improprio, di abuso, di dipendenza, di dose eccessiva e di morte,„ DRS. Majeed e Sudak scrivono.

Credono che il CBT sia un'alternativa importante agli opioidi per il trattamento di dolore cronico. Lo scopo di CBT è di aiutare i pazienti a cambiare il modo che pensano circa e che gestiscono il loro dolore. L'idea non è che il dolore (in assenza di danno di tessuto) “è tutto nel vostro capo„--ma piuttosto che tutto il dolore è “nella testa.„ I pazienti comportamentistici Conoscitivi di guide di terapia capiscono che il dolore sia un fattore di sforzo e, come altri fattori di sforzo, è qualcosa che possano adattarsi a e fare fronte a.

Gli Interventi possono comprendere l'addestramento di rilassamento, le attività piacevoli di programmazione, la ristrutturazione conoscitiva e l'esercizio guida--tutti nel contesto “di un empatico e della convalida„ della relazione con il terapista. Questi interventi “hanno il potenziale di alleviare l'intensità di dolore, di migliorare la qualità di vita e di migliorare la funzione fisica ed emozionale,„ secondo gli autori.

“La Terapia aiuta il paziente a vedere che i fattori emozionali e psicologici influenzano la percezione di dolore e di comportamenti che sono associati con avere dolore,„ DRS. Majeed e Sudak scrivono. “La Terapia… stabilisce le strategie conoscitive e comportamentistiche per aiutare i pazienti a fare fronte più con successo.„

Gli autori citano parecchi studi e recensioni originali recenti che supportano l'efficacia di CBT e di altri metodi alternativi per dolore cronico. Gli Studi suggeriscono che il CBT abbia un effetto “dall'alto in basso„ su controllo di dolore e sulla percezione degli stimoli dolorosi. Può anche normalizzare le riduzioni del volume della materia grigia del cervello, che sono pensate per derivare dagli effetti dello sforzo cronico.

La terapia comportamentistica Conoscitiva è moderatamente efficace nella diminuzione dei punteggi di dolore, mentre evitano o diminuendo i rischi dell'opioide di esageri, dipendenza, la dose eccessiva e la morte. Può essere usata come trattamento autonomo; congiuntamente ad altri trattamenti, compreso gli efficaci farmaci dell'non opioide; o come componente degli sforzi per diminuire le dosi dell'opioide richieste per gestire dolore cronico.

Purtroppo, il CBT ed altri trattamenti del nondrug sono sottoutilizzato dovuto la estraneità, la pressione di tempo, le domande pazienti, la facilità di prescrizione dei farmaci e le tariffe basse di risarcimento. DRS. Majeed e Sudak notano che l'investimento significativo delle risorse sarà necessario formare i professionisti ed ampiamente integrare l'uso di CBT nel trattamento cronico di dolore. Gli autori suggeriscono che la Commission del Presidente sulla crisi dell'opioide potrebbe costituire un fondo per tali programmi di formazione come strategia preventiva per porre freno l'abuso dell'opioide.

“C'è un'esigenza di uno spostamento di paradigma da un biomedical ad un modello biopsicosociale per l'efficaci trattamento di dolore e prevenzione di disordine di uso dell'opioide,„ osservazioni del Dott. Majeed. “L'uso Aumentato di CBT come alternativa agli opioidi può contribuire a facilitare il carico clinico, finanziario e sociale dei disordini di dolore sulla società.„

Sorgente: http://wolterskluwer.com/