Il Programma di Riduzione di Riammissione dell'Ospedale collegato per aumentare di tassi di mortalità, studio trova

I responsabili della politica Federali cinque anni fa hanno introdotto il Programma di Riduzione di Riammissione dell'Ospedale per stimolare gli ospedali per diminuire le tariffe di riammissione di Assistenza Sanitaria Statale penalizzandole se non facessero. Una nuova analisi piombo dai ricercatori al UCLA e la Harvard University, tuttavia, trova che il programma può così essere messo a fuoco sulla conservazione degli alcuni pazienti dall'ospedale che i tassi di mortalità relativi stanno aumentando.

In uno studio di 115.245 beneficiari di Assistenza Sanitaria Statale di onorario per servizio a 416 ospedali, l'attuazione del programma di riduzione effettivamente è stata collegata ad una diminuzione nelle riammissioni ai 30 giorni dopo scarico e ad un anno dopo scarico fra la gente ospedalizzata per infarto. Ma egualmente è stata collegata ad un aumento nei tassi di mortalità fra questi gruppi di pazienti. Lo studio è stato pubblicato il 12 novembre in Cardiologia di JAMA.

“Con questo programma, Assistenza Sanitaria Statale penalizza finanziariamente circa due terzi degli ospedali degli Stati Uniti basati sulle loro 30 tariffe di riammissione del giorno,„ ha detto il Dott. senior Gregg Fonarow, il Professor dell'autore di Eliot Corday di Medicina e di Scienza Cardiovascolari alla Scuola di Medicina di David Geffen al UCLA ed ai codirettori della cardiologia. “Questi dati suggeriscono che egualmente abbiano incentivato le strategie che hanno nociuto involontario ai pazienti con infarto.„

L'analisi dei dati clinicamente raccolti conferma che cosa un'analisi dei dati di fatturazione precedentemente aveva suggerito -- che il criterio federale principale, applicato a norma della Legge Accessibile di Cura, è associato con un aumento nelle morti dei pazienti con infarto.

Facendo Uso dei dati dall'Associazione Americana del Cuore Ottenga Con Il programma dell'Errore del Linea guida-Cuore, un'iniziativa volontaria di miglioramento di qualità agli ospedali attraverso il paese come pure i dati di Assistenza Sanitaria Statale, tariffe della riammissione dei pazienti dell'infarto confrontati ricercatori, tassi di mortalità e caratteristiche, con le caratteristiche dell'ospedale, dal gennaio 2006 al dicembre 2014.

I risultati indicano un'inversione in una tendenza di decenni di un tasso di mortalità diminuente fra i pazienti con infarto, uno che i ricercatori conclusivi sono stati collegati all'attuazione del Programma di Riduzione di Riammissione dell'Ospedale.

Le tariffe diminuenti di riammissione cambiano il fatto quel morti pazienti -- l'ultimo risultato -- sono aumentato. Fonarow ha precisato: “Se un paziente muore, quindi quel paziente non può essere riammesso.„

I ricercatori non disputano che gli scopi del programma -- diminuendo il numero delle ri-ospedalizzazioni e di fare diminuire i costi al sistema sanitario -- sia positivo. Ma dicono che il criterio di diminuzione delle riammissioni è messo a fuoco troppo stretto sulla riammissione dei pazienti agli ospedali.

“Evitare le pene, ospedali ora ha incentivi per tenere i pazienti dagli ospedali più lunghi, possibilmente anche se precedentemente alcuni di questi pazienti sarebbero stati riammessi più presto per le ragioni cliniche,„ ha detto il primo Dott. Ankur Gupta, ricercatore cardiovascolare al Brigham e l'Ospedale delle Donne, Facoltà di Medicina dell'autore di Harvard. “Di Conseguenza, questo criterio di diminuzione delle riammissioni è puntato su che diminuisce l'utilizzazione per gli ospedali piuttosto che avendo un fuoco diretto sul miglioramento della qualità di cura paziente e di risultati.„

I ricercatori ora stanno studiando quali tipi di ospedali e di pazienti sono più commoventi dalla tendenza. Con Noncuranza, hanno scritto, il supporto di dati un riesame dell'uso del criterio per i pazienti con infarto.

“Il criterio dovrebbe mettere a fuoco su qualità migliorante incentivante e risultati paziente-centrati di quelli con infarto e non su un'utilizzazione disorientata metrica delle ri-ospedalizzazioni,„ Fonarow ha detto.

Sorgente: http://www.ucla.edu/