La Nuova analisi di salubrità nei ritrovamenti dell'India aumenta di malattie non comunicative

Una nuova analisi di salubrità dello di stato da stato in India trova che oltre un cuore di due decadi e le circostanze polmonari come pure altre malattie non comunicative (NCDs), hanno sorpassato le malattie infettive, quali diarrea e la tubercolosi, come gli uccisori principali della nazione. Le dimensioni di questa differenza, tuttavia, variano significativamente fra gli stati della nazione 29 e sette territori del sindacato.

Lo studio, che copre fino al 2016 1990, egualmente conclude quello mentre il bambino e la malnutrizione materna è caduto sostanzialmente, questo rimane il fattore di rischio più pernicioso che causa la perdita di vita sana. Inoltre, le lesioni della strada ed i suicidi sono contributori principali alla morte fra i giovani, con una differenza quasi quadruplo nel suicidio valuta fra gli stati Indiani differenti.

“L'India è venuto un modo lungo, ma i nostri diversi preventivi di stato rivelano le diseguaglianze importanti di salubrità fra “le nazioni„ all'interno di questa nazione,„ ha detto il Dott. Lalit Dandona, il Professor Distinto alle Fondamenta di Salute pubblica dell'India a Nuova Delhi ed il Professor di Salubrità Globale all'Istituto per la Metrica di Salubrità e la Valutazione (IHME) all'Università di Washington. “Durante le due decadi scorse il Governo dell'India ha varato molti iniziative e programmi per indirizzare vari malattie e fattori di rischio. Tuttavia, questi dati indicano che che cosa fare finora non è abbastanza. Con la disponibilità dei risultati di stato specifici ora che identificano le malattie ed i fattori di rischio che hanno bisogno della maggior parte della attenzione in ogni stato, possiamo agire più efficacemente per migliorare la salubrità in ogni stato del paese. Ciò ha il potenziale di diminuzione delle diseguaglianze principali di salubrità osservate corrente fra gli stati e questa egualmente contribuirebbe a raggiungere i migliori risultati di salubrità per l'India complessivamente.„

Lo studio, pubblicato oggi nel giornale medico internazionale The Lancet, nota che la speranza di vita alla nascita è migliorato a partire da circa 60 anni nel 1990 a appena al disopra 70 anni nel 2016 per le femmine ed a partire da circa 58 anni a quasi 67 anni per i maschi. Tuttavia, fra gli stati, ci sono diseguaglianze di fino a 10 anni.

La perdita totale di vita sana da tutte le malattie e circostanze era insieme circa un terzo meno a persona in India nel 2016 rispetto a 1990. Tuttavia, il progresso è misto. La tariffa di carico di malattia attualmente è significativamente più alta negli stati in una fase meno avanzata di sviluppo, quali l'Assam, Uttar Pradesh ed altri stati nordici più difficili, rispetto a quelle nelle fasi più avanzate della nazione di sviluppo, quali il Kerala e Goa.

Inoltre, la qualità dell'acqua e gli stati di risanamento sono migliorato in questi ultimi 26 anni, ma rimangono fattori principali nella trasmissione di malattia e, tramite il confronto, il loro contributo al carico di malattia è 40 volte più a persona in India che in Cina.

L'inquinamento atmosferico egualmente è emerso come rischio sanitario crescente in India, che ha alcuna dell'aria più inquinante nel mondo. Mentre l'inquinamento atmosferico dell'interno è diminuito dal 1990, l'inquinamento all'aperto è aumentato da produzione di energia, dall'industria, dai veicoli, dalla costruzione e dalla masterizzazione residua.

I termini superiori in India che causa la perdita di salubrità sono (per severità): malattia di cuore ischemica, malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), diarrea, infezioni respiratorie più basse, colpo, anemia di ferro-carenza, complicazioni premature di nascita, tubercolosi, malattie sensitive dell'organo quali vista ed indebolimenti dell'udito, ferite della strada, suicidio, dolore al collo e lombo-sacrale e diabete.

L'Urbanizzazione e l'invecchiamento piombo ad aumentare gli stati di salute sfavorevoli relativi alle malattie non comunicative in tutti gli stati. Le cause più a crescita rapida del carico di malattia durante gli ultimi 26 anni erano il diabete (tariffa aumentata di 80%) e malattia di cuore ischemica (su 34%). Più di 60% delle morti, circa 6,1 milioni, nel 2016 erano nel 1990 dovuto NCDs, su circa 38%.

Anche gli stati con i simili livelli di sviluppo hanno evidenziato le differenze vistose nelle tariffe della morte e della malattia da un certo NCDs principale. Per esempio, il Punjab ha le tariffe molto più alte della morte prematura e dell'affezione dovuto il diabete e la malattia di cuore ischemica, ma tariffe più basse dovuto COPD confrontato a Himachal Pradesh vicino, malgrado i due stati entrambi che sono ad un livello avanzato.

Similmente, Uttar Pradesh ha le tariffe molto più alte dovuto COPD e la tubercolosi, ma tariffe più basse dal colpo confrontato similmente a Madhya Pradesh, malgrado entrambi gli stati che sono ad una fase iniziale di transizione epidemiologica. Queste differenze sono dovuto le variazioni nelle esposizioni ai fattori di rischio come pure ad altri fattori determinanti.

L'Urbanizzazione è responsabile delle morti e della perdita aumentanti di salubrità dalle lesioni della strada nella maggior parte dei stati dal 1990, evidenziando la mancanza di politica nazionale completa per la prevenzione di lesione. La Strada danneggia era più alta nel Jammu e Kashmir, con le tariffe della morte prematura e della malattia quasi tre volte più superiore a quella di Meghalaya. Il carico del suicidio era più alto in Tripura, con le tariffe quasi sei volte superiore a in Nagaland.

“I Più Grandi e sforzi organizzati, di supporto dalle maggiori risorse umane finanziarie e, sono necessari gestire il carico crescente di NCDs e lesioni,„ ha detto il Dott. Dandona.

Altri rischi altamente evitabili, quali le diete alte in sale ed in basso in verdure e frutta, ipertensione, ricche in colesterolo ed alto indice di massa corporea, stanno contribuendo al carico crescente delle malattie non comunicative. Insieme, hanno rappresentato nel 2016 quasi un quarto di salubrità difficile - sopra due volte quello dal 1990.

Altri risultati del documento includono:

  • La tariffa della mortalità under-age-5 è caduto sostanzialmente dal 1990 in tutti gli stati; tuttavia, c'era una differenza più quadruplo fra l'alto ed il basso che eseguono gli stati.
  • Del carico totale di malattia nel 1990, 61% era dovuto le malattie comunicative, materne, neonatali e nutrizionali; ciò caduta nel 2016 a 33%.
  • C'era nel 2016 nel 1990 un aumento corrispondente nelle malattie non comunicative a 55%, rispetto a 31%.
  • Le Lesioni sono aumentato nel 2016 da 9% del carico totale nel 1990 a 12%.
  • Le malattie non comunicative Importanti sono aumentato in tutto l'India, compresi le malattie cardiovascolari, il diabete, salute mentale e disordini neurologici, cancri, disordini osteomuscolari e malattia renale cronica.

“Lo studio ed il nostro rapporto relativo di criterio hanno implicazioni significative di criterio per i funzionari della sanità Indiani, hanno detto il Dott. Christopher Murray, il Direttore di IHME. “Questa ricerca è il punto di molti anni di lavoro e rappresenta un punto di partenza da cui, speriamo, nuove iniziative sarà diventata per migliorare le vite e le sussistenze di molte genti dell'India delle 1,3 miliardo.„

Sorgente: http://www.healthdata.org/news-release/comprehensive-health-study-india-finds-rise-non-communicable-diseases