Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli esperti approvano le raccomandazioni per le trasfusioni di sangue restrittive

Analizzando i dati dai test clinici ripartiti con scelta casuale che confrontano gli approcci di trasfusione di sangue, gli esperti in Johns Hopkins, con i colleghi alla clinica di Cleveland ed al centro medico di NYU Langone, approvano le raccomandazioni per le trasfusioni di sangue che diminuiscono l'uso di sangue migliorare la sicurezza ed i risultati pazienti. Pubblicando questa settimana nella medicina interna di JAMA, il rapporto egualmente fornisce una guida di howto per varare un programma paziente della gestione di sangue.

“Riassumendo, non c'è vantaggio nel fare una trasfusione più sangue che necessario ed alcuni test clinici realmente mostri il danno ai pazienti,„ dice Steven Frank, M.D., professore di anestesiologia alla scuola di medicina di Johns Hopkins University. “Tutto questo fa è rischi di aumento e costo senza aggiungere vantaggio,„ aggiunge.

Come definito dalle linee guida attuali e dai test clinici esaminati, il rapporto rinforza queste raccomandazioni:

  • I pazienti adulti stabili, compreso i pazienti criticamente malati, con i livelli dell'emoglobina di 7 g/dL o più su non dovrebbero essere fatti una trasfusione.
  • I pazienti che subiscono l'ambulatorio ortopedico o cardiaco, o i pazienti con la malattia di cuore di fondo con i livelli dell'emoglobina di 8 g/dL o più su non dovrebbero essere fatti una trasfusione.
  • I pazienti che sono stabili e non attivamente sanguinare dovrebbero essere fatti una trasfusione con una singola unità di sangue e poi essere rivalutati.

I test clinici che sono stati esaminati hanno confrontato il cosiddetto liberale contro le trasfusioni di sangue restrittive. Le trasfusioni liberali sono quelle date ai pazienti con 9 - 10 grammi di emoglobina per un decimo di di litro, o decilitro, del volume di sangue, mentre le trasfusioni restrittive sono quelle date ai pazienti con 7 - 8 grammi per decilitro. Molti dei test clinici esaminati da questo gruppo hanno usato il numero dei pazienti che sono morto all'interno dei 30 - alla post-trasfusione della finestra dai 90 giorni come misura di risultato paziente.

Dei più di 8.000 pazienti inclusi in otto test clinici che sono stati esaminati, non c'era differenza nella mortalità fra le trasfusioni liberali o restrittive. Un test clinico ha trovato una mortalità aumentata connessa con la trasfusione liberale e l'avvenimento dei coaguli di sangue è stato aumentato di gruppo liberale in uno studio che ha fatto partecipare i pazienti traumatici del trauma cranico.

“Queste raccomandazioni non si applicano ai pazienti con la sindrome coronarica acuta, la trompocitopenia severa e l'anemia dipendente cronica, compreso la cellula falciforme, perché non abbiamo veduto abbastanza prova per i pazienti con queste circostanze,„ dice Frank.

Il gruppo egualmente ha trovato che le più grandi prove ripartite con scelta casuale hanno diminuito la quantità di sangue usata da 40 - 65 per cento. All'inizio di quest'anno, franco ha riferito i risultati di un progetto quadriennale per applicare un programma della gestione di sangue attraverso il sistema di salubrità di Johns Hopkins, diminuendo uso di sangue da 20 per cento e salvando più di $2 milioni sui costi in un anno.

“Poichè i membri del valore alto praticano Alliance accademico, riconosciamo l'importanza di promozione delle raccomandazioni basate a prova per la trasfusione. La nostra analisi fornisce la prova per rassicurare i fornitori che la pratica restrittiva della trasfusione realmente migliora la qualità e la sicurezza di cura paziente, mentre rendendo le riduzioni sostanziali della spesa di sanità ed aumentando l'offerta di sangue per i pazienti con spurgo pericoloso,„ dice Frank.