Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati identificano il nuovo metodo di trattamento del dolore neuropatico in mouse

La nuova ricerca dall'College Londra di re ha rivelato un meccanismo precedentemente non scoperto della comunicazione cellulare, fra i neuroni e le celle immuni, nel dolore neuropatico.

Gli autori, che hanno pubblicato oggi i loro risultati nelle comunicazioni della natura, hanno identificato un nuovo metodo di trattamento del dolore neuropatico in mouse, in grado di essere più sicuri ed efficaci che i trattamenti correnti che comprendono gli opioidi e le droghe antiepilettiche.

Il dolore neuropatico è un tipo di dolore cronico che è causato solitamente da una lesione ai nervi, ma il dolore persiste lungamente dopo che la lesione ha guarito. Il dolore neuropatico può accadere dopo chirurgia o un incidente stradale, o in alcuni casi quando un arto è stato amputato.

Corrente le sole droghe disponibili per dolore neuropatico sono opioidi o farmaco antiepilettico. Gli opioidi, come morfina ed il tramadolo, sono altamente inducenti al vizio e NHS recentemente ha suscitato inquietudini circa la prescrizione di queste droghe, dovuto l'opioide overdoses più del raddoppiandosi nell'ultima decade. Negli Stati Uniti un opioide “epidemia„ recentemente è stato dichiarato dovuto il numero aumentante delle morti collegate a queste droghe. Al contrario, il farmaco antiepilettico non è inducente al vizio ma spesso è accompagnato da un'intera miriade di effetti secondari sgradevoli quali vertigini, fatica, la nausea e l'obesità.

Tuttavia, la gente con dolore neuropatico ha scelta pochissima quando si tratta di altre opzioni del trattamento perché la causa di dolore neuropatico è così capita male.

Facendo uso dei modelli del mouse e cellulari di dolore neuropatico gli autori hanno studiato un cluster dei neuroni nel ganglio di root dorsale (DRG), che fa parte dei neuroni sensoriali che svolgono un ruolo importante nelle informazioni di comunicazione di dolore al cervello. Hanno trovato che dopo la lesione del nervo, neuroni di dolore nelle particelle biologiche molto piccole rilasciate questa area che contengono microRNA-21. Queste particelle poi sono state prese circondando le celle immuni, infine piombo all'infiammazione locale ed al dolore neuropatico.

Gli autori hanno mostrato quello quando hanno bloccato i neuroni di dolore di DRG dal rilascio del microRNA-21 nelle particelle, questo hanno avuti un effetto antinfiammatorio ad un livello cellulare, che ha impedito il dolore neuropatico l'avvenimento in mouse. Il vantaggio di questo metodo è che queste particelle, contenenti gli agenti che bloccano microRNA-21, non si infiltrano nel cervello e non non piombo agli effetti secondari.

In esseri umani, un simile metodo potrebbe applicarsi ai neuroni di dolore del blocco dal rilascio del microRNA-21 nelle particelle, che avrebbero impedito il dolore neuropatico accadere. Se riuscito, questa sarebbe la prima droga per mirare al dolore neuropatico nelle aree specifiche senza effetti secondari, che è in forte contrasto con gli antidolorifici non specifici attualmente disponibili.

Fortunatamente, i simili trattamenti già trialed in malati di cancro che ricevono l'immunoterapia, facente la domanda ad altri termini come dolore neuropatico altamente fattibile.

Il professor Marzia Malcangio, autore senior dal centro di Wolfson per le malattie relative all'età all'istituto della psichiatria, della psicologia & della neuroscienza (IoPPN), l'College Londra di re, ha detto “se i nuovi trattamenti basati sui risultati di questo studiano, mirando a microRNA-21, potrebbe essere progettato per i pazienti con dolore che neuropatico questo potrebbe fornire un viale nuovissimo per il trattamento della droga. I nostri punti seguenti sono di esplorare se lo stesso meccanismo si applica ad altri stati cronici di dolore.„