Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La clinica di Mayo lancia la nuova prova clinica che distingue IDDs dalla sclerosi a placche

La clinica di Mayo ha lanciato una prova clinica di first-in-the-U.S. che aiuterà i pazienti che recentemente sono stati diagnosticati con una malattia demyelinating infiammatoria (IDD) ma può essere incerta del disordine esatto. le malattie in relazione con neurologica pregiudicano comunemente il cervello, i nervi ottici ed il midollo spinale e questa nuova prova può distinguere l'altro IDDs quali il optica di neuromyelitis, l'encefalomielite diffusa acuta, la neurite ottica e la mielite trasversa dalla sclerosi a placche (MS).

Gli usi della prova vivono celle per identificare i pazienti che sono positivi per un anticorpo alla glicoproteina del oligodendrocyte della mielina (o “a MOG,„ in breve). Ma perché è questa proteina appiccicosa così importante? “

A partire dai nostri anni di ricerca, abbiamo imparato che se i pazienti verificano il positivo ad anticorpi di MOG, indica generalmente che non è ms classico,„ dice Sean Pittock, M.D., un neurologo della clinica di Mayo e Direttore del laboratorio di Neuroimmunology della clinica di Mayo. “E, più importante, alcuni trattamenti del ms sono stati riferiti per peggiorare la malattia dei pazienti diagnosticati con un IDD che non è sig.ra classica„

Opzioni di trattamento

“Mentre molto IDDs che imita la sclerosi a placche è raro, la diagnosi precoce corretta e tiene conto immunoterapia iniziale con i immunosoppressori, piuttosto che agenti dimodificazione che sono comunemente usati nella cura del ms,„ il Dott. Pittock dice.

I ricercatori egualmente hanno trovato che la persistenza dell'anticorpo di MOG è associata con le ricadute di malattia, così l'autorizzazione ricaduta-impedendo l'immunoterapia.

“Abbiamo imparato che se i pazienti sono positivi per gli anticorpi di MOG ed hanno un attacco (quale neurite ottica) e rimangono con insistenza positivi [per gli anticorpi di MOG] una volta provato sei - 12 mesi più successivamente, hanno un'più alta probabilità per una ricaduta,„ dice Andrew McKeon, M.B., B.Ch., M.D., un biochimico clinico e co-direttore del laboratorio del Neuroimmunology di Mayo. “Determinate droghe impediranno le ricadute di malattia e possono diminuire la progressione di inabilità, in modo da questi informazioni diagnostiche aiuteranno i fornitori di cure mediche ed i loro pazienti con le opzioni del trattamento.„

Chi dovrebbe essere provato?

Il Dott. Pittock dice che tutti i pazienti che presentano improvvisamente con la perdita della visione, l'edema significativo del disco, o la neurite ottica ricorrente dovrebbero studiare la possibilità di provare sia anticorpi a MOG che a AQP4.

Scoperto alla clinica di Mayo nel 2004, l'anticorpo aquaporin-4 (AQP4) era il primo biomarcatore connesso con le malattie demyelinating infiammatorie. “La prova AQP4 è una prova standard nella valutazione di tutto il paziente che subisce un workup del ms,„ dice il Dott. Pittock. “Ed ora, questo secondo anticorpo - MOG - sarà utile perché la presenza di anticorpi di MOG indica che un paziente non ha sig.ra„

Il Dott. McKeon acconsente ed aggiunge, “la combinazione di queste due prove - gli anticorpi di MOG e di AQP4 - tiene conto la valutazione più completa per i pazienti recentemente diagnosticati con le malattie demyelinating.„

Inoltre, si potrebbe pensare che perché il midollo spinale può essere influenzato con determinato IDDs che la prova è eseguito con liquido spinale, ma non è. “Soltanto il siero - sangue - è necessario,„ dice il Dott. McKeon. Perché? “Provare ad anticorpi di MOG o di AQP4 in liquido cerebrospinale (CSF) da solo mancheranno i pazienti positivi; quindi, la prova dell'anticorpo di MOG non è offerta sul CSF.„

Collaborazione con l'università di Oxford

I ricercatori di Mayo hanno lavorato estesamente con acque di Patrick, il Ph.D., co-direttore dell'università di laboratorio autoimmune di sistema diagnostico della neurologia di Oxford.

“Il laboratorio di Neuroimmunology della clinica di Mayo sta sviluppando questa prova negli Stati Uniti per tre anni,„ dice il Dott. Pittock. “Abbiamo collaborato con gli esperti all'università di Oxford in prova dell'anticorpo di MOG per ottimizzare la nostra analisi.„

Sia MOG che le prove AQP4 sono a disposizione dei pazienti e dei fornitori di cure mediche della clinica di Mayo universalmente attraverso i laboratori medici di Mayo, il laboratorio di riferimento globale della clinica di Mayo.