L'attenzione Parentale può essere fattore protettivo ad più a basso rischio di abuso di droga fra gli adolescenti

I Genitori che richiedono ai bambini di seguire le norme e tenere un occhio costante sulle loro attività, adoperantesi sapere dove sono, cui sono con e che cosa stanno facendo, corrono meno rischio di affronto dei problemi quando i loro bambini entrano nell'adolescenza, quale abuso dell'alcool e di altre droghe.

La probabilità di tali problemi diventa più piccola ancora quando, oltre al usando le norme ed a tenere un occhio vicino sui loro bambini, i genitori parlano con loro, spiega che cosa le norme sono per, sono presenti nelle loro vite quotidiane e sono complementari quando incontrano le difficoltà. Nella letteratura, questo stile di parenting è chiamato la risposta.

Il progetto di ricerca che ha prodotto questi risultati è stato condotto all'Università Federale di São Paulo (UNIFESP), esaminante 6.381 bambino invecchiato 11-15 in sei città Brasiliane. I risultati sono stati pubblicati appena nella Dipendenza della Droga e dell'Alcool del giornale.

“La conclusione chiave è che lo stile di parenting può essere un fattore protettivo o un fattore di rischio per il consumo di alcool e di altre droghe nell'adolescenza. Ciò significa che i programmi di prevenzione di abuso di droga applicati dai banchi non dovrebbero sollevare appena la consapevolezza dei bambini ma anche concentrarsi sulle abilità di parenting di addestramento,„ ha detto Zila Sanchez, il professor alla Facoltà di Medicina dell'università (EPM-UNIFESP) ed al ricercatore principale per il progetto, che è supportato dalle Fondamenta di Ricerca di São Paulo - FAPESP.

La raccolta di dati ha avuto luogo a 62 " public school " in Tubarão e in Florianópolis, Stato di Santa Catarina; São Paulo e São Bernardo fanno il Campo, Stato di São Paulo; Fortaleza, Stato di Ceará; e Brasília, nel Distretto Federale. Gli oggetti erano studenti della scuola primaria del ottavo-grado e settimo con un'età media di 12,5.

“Abbiamo scelto lavorare con gli scolari nei loro anni dell'adolescenza in anticipo per scoprire se lo stile di parenting già influenza l'abuso di sostanza all'inizio di adolescenza,„ Sanchez abbiamo detto. “Poiché la prevalenza di consumo è molto bassa quando sono così giovani, il nostro questionario ha chiesto se avessero utilizzato almeno una volta le droghe nell'anno prima.„

Incroci di Ricerca parentali e profili di uso della droga

Il questionario è stato amministrato dai ricercatori nell'aula senza la presenza di insegnanti per evitare l'inibizione e l'imbarazzo. I Partecipanti lo hanno completato stessi e lo hanno collocato anonimo in una busta marrone. Oltre ad uso della droga, egualmente ha chiesto notizie su come gli adolescenti hanno percepito i loro genitori (stile parenting), le condizioni socioeconomiche, il comportamento sessuale e la violenza del banco, tra altri argomenti.

Le risposte sono state analizzate durante la ricerca di PhD di Juliana Valente, con una borsa da FAPESP e un controllo da Sanchez.

Un modello statistico chiamato l'analisi latente della classe è stato usato per identificare tre gruppi con i simili reticoli di uso della droga. “Gli Astemi/in basso utenti„ erano il più prevalente, rappresentando 81,54% del campione, seguito “dagli utenti dell'alcool/bevitori di baldoria„ a 16,65%. “Utenti di Polydrug„, che hanno riferito utilizzando il tabacco, marijuana, cocaina, crepa e/o inhalants quale benzene o colla nell'anno prima come pure alcool, rappresentato 1,8%.

“Il punto seguente era di vedere se gli stili di parenting fossero associati con qualcuno di questi profili di uso della droga,„ Sanchez ha spiegato. “A questo scopo, gli stili parenting sono stati analizzati in quattro gruppi differenti, conformemente alla propria valutazione degli adolescenti ed i criteri hanno stabilito nella letteratura scientifica.„

Sulla Base di un disgaggio di valutazione ampiamente usato negli studi dell'internazionale e convalidato nel Brasile, i profili parentali sono stati segnati secondo “il demandingness„, che si riferisce al grado a cui i genitori riflettono le attività dei loro bambini e le richiedono di seguire le norme e “la risposta„, per quanto riguarda il grado di sensibilità parentale ai bisogni dei bambini e di apertura al dialogo.

I Genitori con gli alti punteggi in entrambi i domini sono stati classificati come “autorevoli„. Quelli con gli alti punteggi in demandingness da solo sono stati classificati come “autoritario„. I genitori Rispondenti che nè ha riflesso le attività dei loro bambini nè la norma-conservazione richiesta sono stati considerati “indulgente„. Per Concludere, i genitori con i punteggi bassi in entrambi i domini sono stati classificati come “negligenti„.

In conformità con i risultati delle indagini eseguite in altri paesi, lo stile “autorevole„ era il più protettivo, seguito “dall'autoritario„ e dagli stili “indulgenti„. Come la nota dei ricercatori nell'articolo, genitori “negligenti„ ha messo gli adolescenti al maggior rischio di appartenenza alle due classi di tossicodipendente identificate dallo studio: utenti dell'alcool/bevitori di baldoria ed utenti del polydrug.

“Il fatto che uno stile “autorevole„ è più protettivo e uno stile “negligente„ è più rischioso è stato preveduto, ma là era disaccordo circa “l'autoritario„ e gli stili “indulgenti„ nella letteratura. Non era chiaro che era migliore. I risultati del nostro studio rinforzano l'idea che il demandingness, nel senso di del video e dell'uso più parentali delle norme, è uno stile che protegge gli adolescenti impedendo il consumo della droga,„ Valente ha detto.

Gli adolescenti Benestanti bevono la maggior parte

I ricercatori direzione specialmente dall'individuazione che la classe sociale più alta degli intervistati più probabili erano di appartenere al gruppo del bevitore di baldoria o di utenti del polydrug. Secondo Sanchez, questo risultato va in senso contrario rispetto a quelli delle indagini eseguite negli STATI UNITI e l'Europa, in cui la povertà è considerata un fattore di rischio per bere di baldoria e abuso di droga nell'adolescenza. D'altra parte, abbina i risultati degli studi precedenti sullo stesso gruppo d'età condotto nel Brasile.

“Questa è un risultato molto intrigante e manifestazioni che non possiamo includere semplicemente i dati per quanto riguarda i fattori di rischio e protezione per uso nei programmi di prevenzione qui senza catturare le differenze culturali in considerazione,„ Sanchez ha detto.

Per Valente, l'analisi statistica non ha supportato un collegamento fra gli stili differenti di parenting e le classi sociali specifiche perché gli stili di parenting si sono distribuiti uniformemente attraverso le parentesi di reddito domestico.

La raccolta di dati ha avuto luogo alla fine del 2014 come componente di un progetto costituito un fondo per dal Ministero Della Sanità Brasiliano, che ha incaricato i ricercatori di UNIFESP di valutare l'efficacia di un #Tamojunto chiamato programma di prevenzione di uso della droga in 62 banchi selezionati.

“Il programma è stato portato da Europa, in cui ha raggiunto i buoni risultati e si è adattato dal Ministero Della Sanità,„ Valente ha detto. “È stato destinato non appena per trasportare la conoscenza delle droghe agli adolescenti ma anche per sviluppare le abilità personali ed interpersonali. Qui nel Brasile, tuttavia, non abbiamo osservato l'efficacia basata sulla stessa metrica di in Europa.„

Secondo Sanchez, i dati analizzati durante il PhD di Valente ed usati come base per l'articolo pubblicato appena sono stati raccolti prima dell'implementazione del #Tamojunto di programma e non hanno relazione ai sui risultati.

Sorgente: http://www.fapesp.br/