La funzione epatica Unica dell'anfibio Sudamericano ha potuto aprire la strada per l'individuazione della maturazione alla cirrosi

La funzione epatica unica di un anfibio Sudamericano, annulatus di Siphonops, potrebbe aprire la strada a trovare una maturazione alla cirrosi devastante di stato del fegato, un nuovo studio pubblicato nel Giornale prestigioso dell'Anatomia riferisce.

I Ricercatori dall'Università di Surrey (REGNO UNITO), dall'Università Federale di São Paulo e dall'Istituto di Butantan nel Brasile hanno usato un esame innovatore delle cellule di fegato 3D per esplorare la funzione epatica di questo anfibio del tipo di serpente. Durante l'esame approfondito, è stato trovato che il fegato di annulatus di Siphonops produce i globuli durante la sua vita e riparte il collageno della proteina.

Secondo il Dott. Robson Gutierre, un morphologist ed autore principale di questo studio, l'anfibio Sudamericano ha celle di fegato molto uniche, conosciute come i melanomacrophages, che possono eliminare e ripartire il collageno come componente della sua funzione naturale. Nelle stesse specie, i melanomacrophages egualmente inghiottono naturalmente le cellule basofile, contribuendo a minimizzare l'infiammazione indesiderata ed a diminuire il tessuto della cicatrice che può piombo alla cirrosi.

La Cirrosi si presenta in risposta a danneggiamento del fegato. L'alcolismo Cronico, l'epatite o altre sostanze nocive possono promuovere la risposta della auto-riparazione nel fegato, pricipalmente rappresentata come alta produzione di formazione della cicatrice e del collageno (fibrosi). Mentre la cirrosi progredisce, le funzioni epatiche quali disintossicazione e pulizia del sangue, tra l'altro, diventano difficili.

Parecchie strategie del trattamento per la cirrosi sono state provate nel mondo intero, come il ritardo o rimozione dello stimolo di fondo che induce le cicatrici a formarsi. Altri trattamenti hanno esaminato la degradazione e/o la rimozione del collageno.

Co-author il Dott. Augusto Coppi, conferenziere in Anatomia Veterinaria e Stereologist all'Università di Surrey, ha detto: “La funzione epatica di questo anfibio, annulatus di Siphonops, può fornirci un'opportunità unica di risolvere una delle malattie più devastanti del fegato.

“Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche approfondite su come questa scoperta potrebbe essere tradotta in esseri umani, ma può avere il potenziale di alterarsi come osserviamo e trattiamo questa malattia. Siamo stupiti costantemente di natura e questi particolare e specie non-bene-studiate di anfibio potrebbero aiutarci a trovare un modo fermare o persino invertire la cirrosi epatica.„

Il Dott. Robson Gutierre dall'Università Federale di São Paulo ha detto: “L'abilità questa specie deve suddividere le sue difese naturali potrebbe anche fornire la comprensione in tolleranza di immunità, un meccanismo da cui il fegato può minimizzare le infiammazioni indesiderate. La tolleranza di Immunità può essere studiata in questo specie perché producono le celle pro-infiammatorie nel fegato ematopoietico durante la sua intera vita, senza sviluppare le infiammazioni croniche.„

La Cirrosi epatica deve essere diagnosticata presto e la causa trattata, ma il danno è invertito raramente. Verso la fine delle fasi, la cirrosi è pericolosa. Ogni anno più di 4,000 persone nel BRITANNICO muoiono dalla cirrosi e 700 persone stimate devono avere un trapianto del fegato ogni anno da sopravvivere a.

I Ricercatori continueranno ad esplorare come questo potrebbe essere tradotto in esseri umani.

Sorgente: https://www.surrey.ac.uk/mediacentre/press/2017/south-american-amphibian-could-potentially-hold-key-curing-cirrhosis