I cervelli degli adulti più anziani del vantaggio dei video giochi Qualche 3D

Se siete fra 55 e 75 anni, potete volere provare a giocare i giochi della piattaforma 3D come Mario 64 Eccellente per evitare il danno conoscitivo delicato e forse anche per impedire il Morbo di Alzheimer.

quella è l'individuazione di uno studio Canadese nuovo dai professor Gregory Ad Ovest, Sylvie Belleville ed Isabelle Peretz della psicologia di Université de Montréal. Pubblicato in PLOS UNO, è stata fatta in collaborazione con il Institut universitaire de gériatrie de Montréal (IUGM), Benjamin Zendel Ricco dell'Università Commemorativa in Terranova e Véronique Bohbot del Centro di Ricerca dell'Ospedale della Douglas di Montreal.

In due studi separati, nel 2014 e in 2017, i giovani adulti nei loro anni venti sono stati chiesti di giocare i video giochi 3D di logica e dei puzzle sulle piattaforme come Mario 64 Eccellente. I Risultati hanno indicato che la materia grigia in loro ippocampo è aumentato dopo la formazione.

L'ippocampo è la regione del cervello soprattutto connesso con la memoria spaziale ed episodica, un fattore chiave nella salubrità conoscitiva a lungo termine. La materia che grigia contiene funge da indicatore per i disordini neurologici che possono accadere col passare del tempo, compreso danno conoscitivo delicato ed Alzheimer.

L'Ovest ed i suoi colleghi hanno voluto vedere se i risultati potessero essere ripiegati fra gli anziani in buona salute.

Esperimenti con gli anziani a casa

Il gruppo di ricerca ha reclutato 33 persone, le età 55 - 75, che sono state definite a caso a tre gruppi separati. I Partecipanti sono stati incaricati di giocare Mario 64 Eccellente per 30 minuti un il giorno, 5 giorni alla settimana, lezioni di piano della presa (per la prima volta nella loro vita) con la stessa frequenza e nella stessa sequenza, o di non eseguire alcun compito particolare.

L'esperimento ha durato sei mesi ed è stato condotto nelle case dei partecipanti, in cui le consoli ed i piani, se dal gruppo dell'Ovest, sono stati installati.

I ricercatori hanno valutato all'inizio gli effetti dell'esperimento ed alla conclusione dell'esercizio, sei mesi più successivamente, facendo uso di due misure differenti: test di performance conoscitivi e imaging a risonanza magnetica (MRI) per misurare le variazioni nel volume di materia grigia. Ciò ha permesso loro di osservare l'attività di cervello e tutti i cambiamenti in tre aree:

  • la corteccia prefrontale dorsolateral che gestisce la progettazione, il processo decisionale e l'inibizione;
  • il cervelletto che svolge un ruolo principale in controllo e bilanciamento di motore; e
  • l'ippocampo, il centro della memoria spaziale ed episodica.

Aumenti nella materia grigia

Secondo i risultati dei test di MRI, soltanto i partecipanti al gruppo del videogioco hanno veduto gli aumenti nel volume della materia grigia nell'ippocampo e nel cervelletto. La Loro memoria a breve termine anche migliore.

Le prove egualmente hanno rivelato gli aumenti della materia grigia nella corteccia e nel cervelletto prefrontali dorsolateral dei partecipanti che hanno catturato le lezioni di piano, mentre un certo grado di atrofia è stato notato in tutte e tre le aree del cervello fra quelle nel gruppo di controllo passivo.

Che meccanismo avvia gli aumenti nella materia grigia, particolarmente nell'ippocampo, dopo il gioco dei video giochi? “i video giochi 3-D impegnano l'ippocampo nella creazione della mappa conoscitiva, o una rappresentazione mentale, dell'ambiente virtuale che il cervello sta esplorando.,„ ha detto Verso Ovest. “Parecchi studi suggeriscono lo stimolo dell'attività funzionale di aumenti dell'ippocampo sia che della materia grigia all'interno di questa regione.„

Per Contro, quando il cervello non sta imparando le nuove cose, la materia grigia atrofizza mentre la gente invecchia. “Le buone notizie sono che possiamo invertire quegli effetti ed aumentare il volume imparando qualche cosa di nuovo ed i giochi come Mario 64 Eccellente, che attivano l'ippocampo, sembrano tenere un certo potenziale in quel rispetto,„ ha detto Verso Ovest. Belleville Aggiunto: “Questi risultati possono anche essere usati per determinare la ricerca futura su Alzheimer, poiché c'è un collegamento fra il volume dell'ippocampo ed il rischio di sviluppare la malattia.„

“Resta vedere,„ Ovest conclusivo, “se è specificamente attività di cervello connessa con la memoria spaziale che pregiudica la plasticità, o se è semplicemente un aspetto dell'apprendimento del qualche cosa di nuovo.„

Sorgente: http://nouvelles.umontreal.ca/en/article/2017/12/06/some-video-games-are-good-for-older-adults-brains/

Advertisement