Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rivela come l'orologio di organismo e l'ora possono influenzare le circostanze autoimmuni

Visioni di come l'orologio di organismo e le risposte immunitarie di influenza di ora sono rivelati oggi in uno studio pubblicato nelle comunicazioni principali della natura del giornale internazionale. La comprensione dell'effetto dell'interazione fra i cicli di 24 ore di giorno-notte ed il sistema immunitario può contribuire ad informare l'droga ottimizzazione delle strategie per alleviare la malattia autoimmune.

I ritmi circadiani o i ritmi di 24 ore sono generati dall'orologio di organismo, permettendo che noi anticipiamo e rispondiamo al ciclo di 24 ore del nostro pianeta. Mantenendo un buon orologio di organismo è creduto generalmente per piombo ai buona salute per gli esseri umani ed interrompendo il ritmo circadiano (per esempio, turni di notte di lavoro) è stato associato con le malattie immuni quale la sclerosi a placche; tuttavia, i collegamenti molecolari di fondo sono stati poco chiari.

Nel nuovo studio, i mulini del professor Kingston ed il Dott. Caroline Sutton della Trinity College Dublino ed il Dott. Annie Curtis di RCSI (istituto universitario reale dei chirurghi Irlanda) e dei colleghi indicano che le risposte immunitarie ed il regolamento dell'autoimmunità sono commoventi prima del giorno in cui la risposta immunitaria è attivata.

Facendo uso dei mouse come organismo di modello, indicano che un gene circadiano matrice, BMAL1, è responsabile della percezione e dell'agire sulle indicazioni del tempo de giorne per sopprimere l'infiammazione. La perdita di BMAL1, o l'induzione dell'autoimmunità al mezzogiorno invece della mezzanotte, causa l'encefalomielite autoimmune sperimentale più severa, che è essenzialmente un analogo della sclerosi a placche in mouse.

Professore dell'immunologia sperimentale a trinità, mulini di Kingston, ha detto: “Durante l'anno che il premio Nobel nella medicina ha ricevuto per le scoperte sui meccanismi molecolari che gestiscono il ritmo circadiano, i nostri risultati emozionanti suggerisca che il nostro sistema immunitario sia programmato per rispondere meglio all'infezione ed agli insulti incontrati ai tempi differenti nell'orologio di 24 ore. Ciò ha implicazioni significative per il trattamento delle malattie immune-mediate e che suggerisce che ci possano essere differenze importanti nella risposta di ora alle droghe usate per trattare le malattie autoimmuni quale la sclerosi a placche.„

Sebbene le indagini successive siano necessarie capire come modulare precisamente il ritmo circadiano o le indicazioni del tempo de giorne per immunità utile, i risultati in questo articolo servisce bene a ricordarci l'importanza “di conservazione del tempo„ quando si occupa del sistema immunitario.

Ricerchi il conferenziere nel dipartimento di molecolare e la terapeutica cellulare a RCSI, il Dott. Annie Curtis, ha detto: “Il nostro studio egualmente mostra come la rottura dei nostri orologi di organismo, che è abbastanza comune ora data il nostri stile di vita di 24/7 e reticoli irregolari di sonno e del cibo, può avere un impatto sulle circostanze autoimmuni.„

“Realmente stiamo cominciando a scoprire esattamente quanto importante i nostri orologi di organismo sono per salubrità e benessere.„