Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente diagnosticata con la schizofrenia o il disordine bipolare può realmente avere stato trattabile

I ricercatori a Houston metodista ritengono che un numero significativo della gente diagnosticata con la schizofrenia o il disordine bipolare possa realmente avere uno stato di sistema immunitario trattabile. Un nuovo studio della ricerca ha potuto avere un impatto significativo su milioni diagnosticati con la schizofrenia o il disordine bipolare, compreso molti senzatetto.

Lo studio è stato ispirato tramite la scoperta 2007 dell'encefalite anti--NMDA del ricevitore, una malattia che causa i sintomi simili alla schizofrenia o al disordine bipolare ma può essere trattato con i farmaci attuali di immunoterapia.

“Sospettiamo che un numero significativo della gente ha creduto per avere schizofrenia o disordine bipolare realmente avere un disordine del sistema immunitario che pregiudica i ricevitori del cervello,„ ha detto Joseph Masdeu, M.D., Ph.D., il ricercatore principale dello studio e un neurologo con l'istituto neurologico metodista di Houston. “Se vera, quella gente ha malattie che sono completamente reversibili - hanno bisogno appena di una diagnosi e di un trattamento adeguati di aiutarle di ritorno alle vite normali.„

Il sistema immunitario produce normalmente gli anticorpi per attaccare le sostanze non Xeros nell'organismo, quali i batteri. Quando questo trattamento va male, gli anticorpi sono prodotti che attaccano i ricevitori nel cervello, inducendo il ricevitore a smettere di ascoltare i segnali che sono inviati. Nei casi dell'encefalite anti--NMDA del ricevitore, gli anticorpi attaccano i ricevitori (NMDA) dell'N-metilico-D-aspartato nel cervello.

Le circostanze che inducono i ricevitori del cervello a smettere di funzionare correttamente sono confuse spesso la schizofrenia o il disordine bipolare perché queste malattie sono associate con una diminuzione nell'attività dei ricevitori di NMDA, che gestiscono come qualcuno pensa, prende le decisioni e percepisce il mondo intorno loro. I sintomi di disordine bipolare e della schizofrenia classica veduti nell'encefalite anti--NMDA del ricevitore e nelle simili circostanze comprendono le voci e la paranoia di audizione.

“Conosciamo che quasi 1 per cento della popolazione degli Stati Uniti - o più di 3,5 milione di persone - ha schizofrenia,„ Masdeu abbiamo detto. “Altri 2,6 per cento degli adulti americani hanno disordine bipolare. Che cosa non conosciamo è quanto di questi pazienti realmente hanno uno di questi disordini trattabili del sistema immunitario.„

Lo studio iscriverà 150 pazienti diagnosticati con la schizofrenia o il disordine bipolare e 50 genti in buona salute fra le età di 18 e di 35 chi sono disposti a subire un rubinetto spinale per raccogliere una piccola quantità di loro liquido spinale cerebrale, che sarà schermata per la presenza di anticorpi che attaccano NMDA ed altri ricevitori. Se gli anticorpi anormali sono scoperti, i ricercatori notificheranno al paziente o al badante, di modo che possono studiare la possibilità di interrogare il loro fornitore di cure mediche riguardo alle opzioni del trattamento, come usando le droghe attuali che potrebbero sopprimere la produzione degli anticorpi d'attacco.

Pianificazioni di Masdeu per usare i risultati di studio per sviluppare le prove più sensibili all'aiuto nella rilevazione degli anticorpi d'attacco. In primo luogo ha cominciato a ricercare le cause autoimmuni possibili della schizofrenia nel primi anni '2010 mentre lavorava agli istituti della sanità nazionali ed ai papiri pubblicati sull'oggetto. Masdeu ora sta collaborando con Josep Dalmau, M.D., Ph.D., che in primo luogo ha descritto come gli anticorpi possono attaccare i ricevitori di NMDA.