Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova il nuovo indicatore per individuare il cancro al seno interno

I nuovi studi intrapresi all'University College di Londra, Regno Unito, hanno trovato un nuovo indicatore che ha la capacità di contribuire a diagnosticare il cancro al seno interno i metodi attuali di fino a più iniziali un anno.

© petarg/Shutterstock.com

I risultati del gruppo di ricerca hanno indicato che in campioni di cancro al seno, una regione di reticoli anormali video EFC#93 chiamati DNA di metilazione del DNA. Significativamente, questi reticoli esistono in siero di sangue anche prima che il cancro diventi percettibile nel petto.

Secondo il professor Martin Widschwendter, l'autore corrispondente dello studio, lo studio fornisce per la prima volta la prova che gli indicatori di metilazione del DNA del siero come EFC#93 forniscono un indicatore altamente specifico che ha la capacità per individuare i cancri al seno interni fino a un anno prima della diagnosi corrente. “Questo può permettere al trattamento individualizzato, in grado di anche cominciare in assenza di prova radiologica nel petto,„ lui ha aggiunto.

La metilazione del DNA è il trattamento di aggiunta del gruppo metilico al DNA e questo trattamento pregiudica spesso l'espressione genica. La metilazione anormale del DNA è usuale in tumori umani e quando considera nello sviluppo del cancro al seno, i cambiamenti di metilazione accade molto presto.

Il gruppo soprattutto ha analizzato la metilazione nei campioni del siero di sangue di 419 pazienti di cancro al seno, quella del DNA EFC#93 si acquista a due momenti---(a) dopo chirurgia, cioè, prima dell'inizio di chemioterapia e (b) dopo il completamento della chemioterapia.

Hanno spiegato che la metilazione anormale del DNA in campioni acquistati prima della chemioterapia era un indicatore per l'indipendente povero di prognosi dalla presenza di celle di circolazione del tumore, che sono celle che hanno sparso dal tumore primario nel sangue o nel sistema linfatico e circolano attraverso l'organismo.

Per provare se EFC#93 può diagnosticare più presto le donne con una prognosi difficile, prima che il cancro diventasse rilevabile, il gruppo più ulteriormente ha analizzato i campioni del siero di 925 donne in buona salute, fra cui 229 donne hanno continuato a sviluppare interno e 231 hanno continuato a sviluppare il cancro al seno non fatale, all'interno del prime tre anni dopo che i campioni del siero sono stati prelevati.

Il professor Widschwendter ha commentato quel 43% delle donne che hanno continuato essere diagnosticate con cancro al seno interno entro 3-6 mesi di fornitura dei campioni del siero correttamente sono state identificate dalla presenza di metilazione del DNA EFC#93 in siero di sangue. Egualmente hanno identificato 25% delle donne che hanno acceso essere diagnosticate entro 6-2 mesi di dare i campioni e 88% delle donne che non hanno continuato a sviluppare la specificità del cancro al seno.

Egualmente ha detto che EFC#93 non ha identificato i cancri al seno non fatali alle fasi iniziali.

In confronto, la selezione di mammografia ha una specificità di 88-92% ma piombo alla sovra-diagnosi molto sostanziale, in modo da significa che i tumori sono individuati che non avrebbe causato mai alcuni sintomi clinici. Conforme ad ulteriore studio, facendo uso di DNA senza cellula come indicatore, come abbiamo fatto qui, è un modo promettere di prevenzione della questa emissione. “

Il professor Martin Widschwendter

Gli autori egualmente hanno precisato alcune limitazioni di studio, come una mancanza di campioni appropriati del siero, in cui i campioni non sono elaborati subito dopo che il sangue è catturato, o non sono raccolti in tubi speciali, o hanno un gran numero di DNA normale “di sfondo„ disgiunto dai globuli bianchi, che lo rende difficile identificare le piccole quantità di DNA del tumore.

Più ancora del professor Widschwendter spiegato quello rispetto ai brevi frammenti del DNA del tumore, il DNA normale presente in questi campioni emette solitamente un segnale molto più forte. Tuttavia, malgrado la grande contaminazione dei campioni basati sulla popolazione con DNA normale, il gruppo potrebbe osservare un chiaro segnale del DNA del tumore.

Ulteriori studi clinici sono necessari analizzare se le donne di EFC#93-positive con cancro che è inosservabile dalla mammografia potessero essere tratte giovamento dalla terapia anti-ormonale prima che il cancro diventi visibile nel petto.

Il gruppo corrente sta preparando un programma di ricerca senza cellula basato sulla popolazione su grande scala del DNA che può anche contribuire a rivolgere questo problema.