Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Reticoli di attività di cervello collegati ai risultati clinici raggiunti con DBS nei pazienti di distonia

La distonia pregiudica più di 500,000 persone attraverso Europa. Globalmente, è il terzo la maggior parte del disordine di movimento comune dopo la malattia del Parkinson ed il tremito essenziale. In pazienti con distonia, il bilanciamento fra le connessioni neurali eccitanti ed inibitorie, che è normalmente responsabile dei trattamenti “normali„ del movimento, è interrotto. Ciò provoca pazienti che avvertono i movimenti involontari, gli spasmi del muscolo e le contrazioni; nel caso di distonia cervicale, i sintomi pregiudicano i muscoli del collo.

Per la prima volta, i ricercatori dall'unità di disordini di movimento del dipartimento della neurologia hanno indicato che sia la severità di sintomo che i risultati clinici raggiunti con stimolo profondo del cervello (DBS) direttamente sono collegati ad un reticolo specifico di attività di cervello, che è trovata in pazienti con distonia isolata. In questi pazienti, attività di cervello oscillatoria dentro migliorata “nell'attività neurale ritmica della banda di teta„ - che si presenta ad una frequenza tra compreso 4 e 12 Hertz. Complessivamente 27 pazienti hanno ricevuto gli innesti bilaterali dell'elettrodo di DBS come componente di questo studio. Facendo uso del cervello stereotactic che mappa la tecnologia, questi sono stati impiantati nel internus di pallidus di globus (GPi), una regione all'interno dei gangli basali. Mentre l'efficacia clinica di questo trattamento è ben documentata e stimolo di GPi è conosciuto per essere capace di diminuzione dell'attività di un neurone aumentata, i meccanismi di fondo precedentemente erano rimanere irrisolti. Tutti pazienti studiati hanno esibito l'interazione tipica fra attività di cervello, la severità precedentemente risoluta di sintomo, la vicinanza dell'obiettivo ottimale di stimolo ed i risultati clinici.

Prof. il Dott. Andrea Kühn, del dipartimento di Charité della neurologia, piombo un gruppo dei ricercatori impegnati nello studio sui disordini di movimento e nell'uso ai dei trattamenti basati DBS. Finora, il suo gruppo ha registrato l'attività di cervello di più di 400 pazienti che subiscono il trattamento di DBS, analizzante tutti dati raccolti per i reticoli potenziali che correlano con i risultati della severità e del trattamento di sintomo. Facendo uso “di LEAD-DBS„, un tipo di software inizialmente sviluppato a Charité, i ricercatori ha usato questi dati per ricostruire un 3D-map delle ampiezze oscillatorie all'interno di un cervello virtuale. Ciò ha rivelato un aumento localizzato significativo nel reticolo pertinente di attività, che è stato trovato nell'area del cervello connesso con i migliori risultati del trattamento nei pazienti di distonia che subiscono DBS.

“I nostri risultati suggeriscono che le oscillazioni della banda di teta possano essere responsabili dei sintomi distonici e possono anche spiegare il meccanismo di atto di DBS come pure la posizione dell'obiettivo ottimale di stimolo in pazienti commoventi,„ spiega il Dott. Lupo-Julian Neumann dell'unità di disordini di movimento.

“Egualmente corrente stiamo studiando gli effetti a lungo termine di DBS su attività di un neurone. Siamo uno di alcuni centri nel mondo da agire in tal modo e corrente stiamo eseguendo uno studio separato che fa partecipare 15 pazienti con la distonia. La nostra ricerca è resa a grazie possibili ad un sistema innovatore di DBS, che continua a registrare l'attività di cervello dopo impianto,„ spiega prof. il Dott. Andrea Kühn, testa dei disordini di movimento unità e membro del consiglio d'amministrazione del cluster di NeuroCure di eccellenza.