Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini con alto BMI sottovalutano più spesso la loro dimensione corporea

La stima la vostri propri dimensione corporea e peso può essere difficile. Risulta che questa è vera non solo per gli adulti, ma anche per i bambini.

È ben noto che le persone severamente di peso scarso - come quelli con anoressia - hanno una tendenza a sopravvalutare la loro propria dimensione ed a pensarle sono grasse anche se non sono.

Ma le persone di peso eccessivo hanno il problema opposto, in quanto tendono a sottovalutare la loro propria dimensione. Quello può renderlo difficile affrontare l'emissione ed intraprendere le azione necessarie per raggiungere un organismo più sano.

“Per metterlo semplicemente, in primo luogo dobbiamo riconoscere che abbiamo un problema prima che possiamo fare qualcosa. Ciò egualmente si applica ai genitori: se non riconoscono che i loro bambini hanno un problema del peso, non cercheranno la guida per,„ dice il professore associato Silje Steinsbekk all'università norvegese di instituto di scienza e tecnologia (NTNU) della psicologia.

Steinsbekk è il primo autore di uno studio da NTNU che studia come i bambini percepiscono la loro propria dimensione corporea. I risultati ora sono stati pubblicati nelle frontiere online del giornale in psicologia.

Lo studio è basato sui dati dal progetto di ricerca norvegese Tidlig Trygg i Trondeim, uno studio basato sulla popolazione longitudinale che esamina il rischio ed i fattori protettivi che contribuiscono ai bambini psicologici ed alla salubrità sociale.

Il progetto ha continuato con quasi mille bambini ed i loro genitori ogni due anni da quando i bambini avevano quattro anni.

I ricercatori egualmente stanno studiando che fattori promuovono le abitudini di buona salute e che cosa contribuisce allo sviluppo dell'obesità, dell'inattività e delle abitudini alimentari difficili.

“Abbiamo studiato come i bambini hanno stimato la loro propria dimensione corporea ed abbiamo confrontato questo a come i loro preventivi hanno cambiato le età 6 - 8 ed invecchiano 8 - 10. Egualmente abbiamo esaminato che cosa potrebbero spiegare gli sviluppi,„ diciamo Steinsbekk.

I bambini sono stati indicati sette maschere delle ragazze e dei ragazzi con l'indice di massa corporea conosciuto e sono stati chiesti quale maschera ha guardato il la maggior parte loro. I ricercatori poi hanno calcolato la differenza in BMI fra la figura identificata dai bambini ed il proprio BMI dei bambini ha basato su altezza e su peso misurati.

“Quel modo, abbiamo ottenuto una misura di quanto grande la differenza fra la dimensione corporea reale e la dimensione corporea stimata era,„ diciamo Steinsbekk.

È importante notare che l'età ed il genere devono essere considerati quando valuta se i bambini sono di peso eccessivo o obesi. Per questo motivo, i servizi sanitari hanno sviluppato gli standard differenti per la calcolazione se un bambino è di peso eccessivo o obeso.

I più grandi bambini hanno sottovalutato il più spesso
Generalmente, i ricercatori hanno trovato che i bambini hanno sottovalutato più spesso di quanto sopravvalutato la dimensione del loro organismo, sebbene la maggioranza effettuasse le valutazioni accurate. I ragazzi erano più probabili sottovalutare la loro propria dimensione corporea che le ragazze.

“Egualmente abbiamo trovato che il BMI più alti dei bambini, di più sottovalutassero col passare del tempo la loro dimensione,„ Steinsbekk diciamo.

I più grandi bambini hanno sottovalutato così la loro dimensione corporea più ed hanno mostrato un grado aumentato di sottovalutazione col passare del tempo (cioè 6 - 8 e 8 - 10 anni).

Tuttavia, questo può presentare alcuni vantaggi.

“È ragionevole immaginare che sottovalutare vi protegga dal riconoscimento che il vostro organismo è più grande di volete e quello può essere abbastanza pratico,„ dice Steinsbekk.

Per esempio, sappiamo che quella gioventù di peso eccessivo ed obesa che ha una percezione corretta della loro dimensione corporea sia più probabile essere depresso. Persone che sono grandi e la conoscono problemi più psicologici di rapporto.

“Il rifiuto può essere un meccanismo di difesa favorevole, ma può anche essere un ostacolo a fare i cambiamenti necessari,„ dice Steinsbekk. “Per i bambini, il riconoscimento dei genitori del problema è che cosa è il più importante. I genitori sono quei che debbano procedere agli adeguamenti necessari per promuovere i buona salute.„