Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I nuovi risultati sottolineano la necessità di presentare gli alimenti solidi agli infanti al momento apportuno

Il primo studio su un gruppo del nazionale-rappresentante di infanti degli Stati Uniti riferirà che più della metà dei bambini corrente sono presentati agli alimenti complementari, cioè, alimenti o bevande all'infuori di latte materno o della formula, più presto di dovrebbero essere. I bambini che mai sono stati allattati o non allattato stati per più di meno di quattro mesi erano più probabili da essere presentato troppo presto agli alimenti. Questi risultati sono riferiti nel giornale dell'accademia di nutrizione e della dietetica e sottolineano la necessità di presentare gli alimenti al momento apportuno per ottenere la maggior parte del vantaggio da latte materno o dalla formula.

“Presentare i bambini agli alimenti complementari troppo presto può indurrli a perdersi le sostanze nutrienti importanti che vengono dalla formula dell'infante e del latte materno. Per contro, presentandoli agli alimenti complementari troppo tardi è stato associato più successivamente con le carenze del micronutriente, allergie e diete più difficili nella vita,„ principale inquirente spiegato Chloe M. Barrera, MPH, divisione di nutrizione, attività fisica e l'obesità, centro nazionale per la prevenzione della malattia cronica e promozione della salute, il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, Atlanta, GA.

Le raccomandazioni correnti stipulano che gli infanti dovrebbero essere presentati agli alimenti complementari a circa sei mesi dell'età. Analizzando i dati indagini nazionali dell'esame di salubrità dalle 2009-2014 e di nutrizione (NHANES), i ricercatori hanno valutato l'ingestione di cibo di 1482 bambini invecchiati sei - 36 mesi, riunita durante le interviste della famiglia con il proxy del bambino, tipicamente un genitore. L'indagine ha chiesto come gli infanti anziani erano quando in primo luogo sono stati alimentati qualche cosa all'infuori di latte materno o della formula. Ciò include il succo, il latte della mucca, l'acqua di zucchero, gli alimenti per bambini, o niente altro che l'infante potrebbe essere dato, anche l'acqua.

Questa analisi indica che soltanto un terzo (32,5%) dei bambini negli Stati Uniti è stato presentato agli alimenti complementari al periodo raccomandato di circa sei mesi; 16,3% sono stati presentati agli alimenti complementari prima di quattro mesi, 38,3% ai mesi four-five e 12,9% a sette o più mesi dell'età. Questi dati contribuiscono a capire lo stato corrente dei pratiche alimentari infantili negli Stati Uniti.

Durante gli ultimi 60 anni, le raccomandazioni affinchè quando presentino gli alimenti complementari sono cambiato drammaticamente. Le 1958 linee guida hanno suggerito gli alimenti solidi nel terzo mese, gli anni 70 hanno portato una mora fino a dopo quattro mesi e gli anni 90 hanno spinto l'introduzione di alimento solido fuori in sei mesi. Queste raccomandazioni cambianti hanno influenzato molti studi di esperienza su nutrizione infantile, la maggior parte di cui mostrano una mancanza generale di aderenza alle linee guida professionali correnti, qualunque essi possono essere. Il ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti (usda) ed il ministero dei servizi sanitari e sociali (HHS) corrente stanno emanando le prime linee guida dietetiche federali per i bambini al di sotto di due anni, per essere rilasciati nel 2020.

“Gli sforzi per supportare i badante, le famiglie ed i fornitori di cure mediche possono essere necessari assicurare che i bambini degli Stati Uniti stiano raggiungendo le raccomandazioni sulla sincronizzazione dell'introduzione dell'alimento,„ Chloe commentato Barrera ed i suoi co-ricercatori dal CDC. “L'inclusione dei bambini sotto due nelle 2020-2025 linee guida dietetiche per gli Americani può promuovere il messaggio coerente di quando i bambini dovrebbero essere presentati agli alimenti complementari.„