I ricercatori di TAGLIO esplorano le efficaci terapie nutrizionali per la malattia mitocondriale

Diserta in mitocondri, le strutture minuscole che alimentano le nostre celle funzionando come batterie biologiche, causano una schiera dei disordini complessi e spesso pericolosi che possono pregiudicare qualsiasi organi e sistemi. In assenza dei trattamenti convalidati e efficaci della droga, pazienti con la malattia mitocondriale catturi spesso vari vitamine e supplementi, sostanze che sono in gran parte unstandardized, non regolato ed infondato.

Gli esperti nella medicina mitocondriale propongono di rimediare a quella situazione, richiedente gli studi scientifici sistematici nelle celle ed in animali per gettare la base per i test clinici degli interventi nutrizionali precisi per i pazienti con le malattie di carenza di energia.

“Stiamo mirando a sollevare la barra per i trattamenti clinici,„ ha detto Marni J. Falk, il MD, direttore esecutivo del programma mitocondriale di frontiera della medicina all'ospedale pediatrico di Filadelfia (CHOP). Falk co-ha creato una nuova analisi degli interventi nutrizionali per i disordini mitocondriali pubblicati il 3 novembre nella rassegna annuale di patologia: Meccanismi della malattia. “I nostri obiettivi importanti erano di esaminare la prova scientifica di base per i composti già che sono utilizzati nei pazienti mitocondriali di malattia e di sostenere una struttura per rigorosamente la valutazione la loro sicurezza ed efficacia in questa popolazione.„

La recensione rappresenta lo sforzo di collaborazione dei co-author esperti da otto centri, compreso primo l'autore Adam J. Kuszak, PhD, dell'ufficio dei supplementi dietetici dell'istituto della sanità nazionale (NIH). Lo sforzo corrente si è sviluppato da una riunione di 2014 NIH messa a fuoco sullo sviluppare una base di prova per gli interventi nutrizionali nei disordini mitocondriali primari.

“La nostra analisi ha indicato chiaramente quanto più noi devono imparare circa sviluppare gli efficaci trattamenti nutrizionali per la malattia mitocondriale,„ ha detto il co-author Zarazuela Zolkipli-Cunningham, MBChBD, uno specialista neuromuscolare e medico di partecipazione nel programma mitocondriale di frontiera della medicina del TAGLIO. “C'è un grande spazio fra i composti che i pazienti ordinariamente stanno usando ed il grado a cui quei composti sono stati provati scientifico.„

Per esempio, Zolkipli-Cunningham ha indicato “una varietà sbalordente„ del coenzima la Q (10 CoQ)10 di supplemento, venduta sopra il contatore nelle diversi versioni e dosaggi. È commercializzato come antiossidante per diminuire il danno biologico dalle molecole reattive dell'ossidante.

Tuttavia, ha precisato, là non è prova definitiva per le indennità-malattia da CoQ10. Inoltre, non ci sono formulazioni standardizzate per questo supplemento, in modo dai pazienti possono ricevere gli ingredienti ampiamente varianti da un prodotto ad un altro. Una terza considerazione è che un supplemento dato può agire diversamente in un consumatore in buona salute che in una persona con un disordine mitocondriale, perché i difetti in mitocondri hanno vasti effetti sulla funzione cellulare. Per concludere, i supplementi possono agire molto diversamente attraverso i sottotipi differenti della malattia mitocondriale.

“Qualche cosa che pregiudichi la funzione cellulare biologicamente sta fungendo da droga, se la ottenete da una farmacia o da un negozio bio,„ ha detto Falk. “Tuttavia, a differenza dei farmaci di prescrizione, che molto attentamente sono regolamentati e standardizzati dagli Stati Uniti Food and Drug Administration, le vitamine, i supplementi dietetici e gli alimenti medici sono considerate nel nostro paese essere in una categoria regolatrice separata con i requisiti molto meno rigorosi. I loro standard di fabbricazione non sono come regolamentato strettamente ed i loro reclami sono limitati ad ottimizzare la salute pubblica generale, non a trattare le malattie specifiche. Così conosciamo molto di meno circa la loro sicurezza ed efficacia in pazienti.„

Nello studio corrente, gli autori esaminano i tipi principali di terapie nutrizionali utilizzate in pazienti con la malattia mitocondriale. Questi includono i micronutrienti, quali le vitamine e le sostanze in relazione con la vitamina come tiamina (B1), riboflavina (B2), acido nicotinico (B3, anche conosciuto come niacina) ed acido folico. Altre terapie nutrizionali includono gli agenti dimodificazione quali L-arginina, creatina e CoQ10, modulatori cellulari di segnalazione-via quali il resveratrol e le modifiche macronutrient quale la dieta ketogenic.

Avanzando verso le terapie nutrizionali più precise

Gli autori raccomandano che tutti gli interventi nutrizionali subiscano la prova rigorosa e dettagliano l'intervallo dei modelli del laboratorio disponibili per tali prove, compreso i sistemi specifici della coltura cellulare e gli animali da laboratorio: Vermi dei elegans del C., mosche di frutta, zebrafish microscopici e righe del mouse geneticamente costruite per modellare i moduli differenti delle malattie mitocondriali umane.

Gli studi preclinici in questi sistemi della coltura cellulare ed animali di modello del laboratorio, gli autori dicono, dovrebbero essere usati per avanzare i trattamenti precisi per i tipi differenti di malattie mitocondriali, collocanti la fase per i test clinici sia in bambini che in adulti.

Il programma mitocondriale di frontiera della medicina al TAGLIO già verifica le terapie potenziali in celle, vermi e zebrafish, con lo scopo per scoprire le terapie di precisione mirate a alla malattia genetica distinta che pregiudica ogni paziente. Partnering con i garanti esterni, il programma presto avrà quattro fasi attiva 2 o test clinici di fase 3 in corso nei pazienti mitocondriali di malattia. Il programma egualmente ora ha impiegato un dietista dedicato, possibilmente il primo dietista negli Stati Uniti messi a fuoco sullo sfruttamento di tutti gli aspetti di nutrizione per migliorare la salubrità in pazienti con le malattie mitocondriali.

“Poichè avanziamo verso la traduzione della ricerca piombo nelle terapie per provare nei test clinici individualizzati e paziente-centrati, noi dobbiamo mettere a fuoco sul miglioramento dei risultati di salubrità che sono significativi ai pazienti,„ ha detto Falk. I pazienti ciascuno hanno tipicamente il più comunemente più di dozzina sintomi, la debolezza di muscolo, fatica cronica, intolleranza di esercizio e problemi del bilanciamento--marchi di garanzia delle scarsità di energia che provengono dai mitocondri funzionanti male.

“La nostra casella degli strumenti è così tanto migliore di che cosa era i 20 anni disponibili fa,„ ha detto Falk, che attinge le tecnologie d'ordinamento di prossima generazione che hanno permesso ai ricercatori di identificare circa 300 geni differenti in cui ha ereditato la malattia mitocondriale di causa di mutazioni. Poi integra i vasti avanzamenti che sono stati fatti nella comprensione della biologia di come la disfunzione mitocondriale dalle cause genetiche differenti piombo alla malattia, insieme alle tecniche di laboratorio di avanguardia e ad un organico crescente dei sistemi-modello che possono ora essere sfruttati prontamente per dare la priorità alle strategie della precisione-medicina per provare nei test clinici. “Ma naturalmente, ancora abbiamo molto lavoro noi per sviluppare le terapie farmacologiche dimostrate e efficaci e nutrizionali per la diversa schiera della malattia mitocondriale.„

Sorgente: http://www.chop.edu/