Lo studio rivela la mancanza di accesso alle medicine essenziali in India

La ricerca ha rivelato la mancanza scioccante di accesso alle medicine essenziali in India, malgrado migliaia che sono approvate nel tentativo di generare il più ampia disponibilità.

Ricercatori all'università di Newcastle, Regno Unito ed in Mumbai, India che pubblica nel

Questo studio ha valutato l'uso razionale - quelle droghe indicate per essere sicuro ed efficace con prova concreta - e una disponibilità di sei medicine essenziali in 124 farmacie private nello stato della maharashtra, India.

Nella teoria, la concorrenza all'interno di vasto servizio dell'India per i farmaci generici dovrebbe assicurare che le medicine essenziali siano disponibili in punti di vendita privati ad una gente dei prezzi possano permettersi. Tuttavia, lo studio ha trovato che malgrado essere prodotti approvati multipli quotati nei database dell'India, pochi c'era disponibile in farmacie private ad una gente dei prezzi potrebbe permettere.

L'autore principale, il Dott. Colin Millard dall'istituzione universitaria di Newcastle di salubrità e dalla società ha detto: “Che cosa sta preoccupandosi è quello malgrado gli sforzi per aumentare la disponibilità attraverso la concorrenza del mercato là rimane accesso insufficiente alle medicine essenziali.

“Abbiamo trovato che le marche multiple di medicine selezionate sono quotate nei database professionali e commerciali - imbattendosi in migliaia - eppure soltanto una piccola frazione era disponibile in farmacie private.„

Migliaia di medicine hanno approvato, eppure pochi disponibili

I ricercatori hanno esaminato le droghe disponibili per sei bisogni di salubrità del terreno comunale: artemisinin (malaria), lamivudina (HIV/AIDS), rifampicina (controllo di TB), ossitocina (salute riproduttiva), fluoxetina (salute mentale) e metformina (diabete). Lo studio ha trovato che per ciascuna delle medicine c'erano prodotti approvati multipli quotati nei database indiani, 2186 nel totale.

Hanno trovato che soltanto la metformina era facilmente disponibile in 91% delle farmacie studiate seguite da rifampicina che era presente dentro appena sopra la metà delle farmacie (64,5%). Le altre quattro medicine erano disponibili a metà meno.

Inoltre, le medicine erano egualmente disponibili nelle combinazioni della dose fissa (FDCs), dove due o più droghe si combinano in un rapporto dell'insieme in un modulo d'una sola dose, solitamente una compressa o una capsula. Ci sono preoccupazioni in India sopra la sicurezza e l'efficacia di questi prodotti. Nel 2007, l'ente che competente indiano la centrale droga l'organizzazione standard di controllo (CDSCO) ha vietato 294 FDCs che erano stati approvati dalle autorità statali ma mai non aveva ricevuto l'autorizzazione centrale; nel 2012 i 45 più ancora FDCs sono stati ritirati.

Il Dott. Millard aggiunge: “L'ad alto livello dei prodotti approvati disponibili sul servizio indiano egualmente solleva le questioni circa uso razionale della medicina, quello è è essi che sono utilizzate nelle combinazioni pericolose?„

Gli autori richiedono un esame delle marche disponibili, catturante nei livelli di considerazione di vendita e di motivi per approvazione e la messa in opera di un database centralizzato dei prodotti farmaceutici registrati.

Sorgente: http://www.ncl.ac.uk/press/articles/latest/2018/01/drugavailabilityinindia/