La ricerca evidenzia i vantaggi dal ripristino migliorato dopo il programma della chirurgia

I pazienti colorettali e bariatric della chirurgia tratti giovamento da un ripristino migliorato dopo il programma (ERAS) della chirurgia, lasciante l'ospedale più presto e richiedente meno opioidi di gestire il dolore, secondo la nuova ricerca presentata alla società americana degli anestesisti PRATICANO la riunione della GESTIONE 2018. Il documento e l'altra ricerca che è presentata, punto culminante come gli anestesisti del medico piombo il modo nel miglioramento dell'esperienza chirurgica intera per i pazienti - dalla decisione per avere chirurgia con scarico, ripristino e di là - per contribuire a migliorare i risultati e diminuire i costi.

- Il programma di ERE accorcia la degenza in ospedale: I programmi di ERE usano vari metodi per facilitare gli effetti di chirurgia e per facilitare il ripristino paziente iniziale. Sono un aspetto importante della casa chirurgica Perioperative (PSH), in cui l'esperienza chirurgica di un paziente completamente è coordinata e trattata come un continuum di cura. L'anestesiologia di provvidenza si associa a Charlotte, North Carolina ha confrontato i risultati di 621 paziente che subisce l'ambulatorio colorettale o bariatric che ha partecipato ad un programma di ERE ai dati storici prima dell'entrata in vigore delle ERE. I pazienti colorettali nel gruppo di ERE sono restato nell'ospedale i 2,05 giorni confrontati ai 4,5 giorni per i pazienti di non ERE. I pazienti di Bariatric nel gruppo di ERE hanno restato i .95 giorni contro 2,15 per i pazienti di non ERE. I pazienti in entrambi i gruppi di ERE hanno utilizzato significativamente meno opioidi dopo chirurgia che quelli nei gruppi di non ERE ed hanno avuti più brevi soggiorni nell'unità di cura dell'post-anestesia (PACU). I costi sono stati diminuiti da 20 per cento per caso fra i pazienti colorettali di ERE della chirurgia confrontati ai pazienti di non ERE. Il programma di ERE ha compreso i seguenti elementi: inizio preoperatorio di formazione di paziente nell'ufficio del chirurgo e più estesamente alla clinica di prova di preadmission, al carburatore che caricano la notte prima della chirurgia ed a tre ore prima della procedura, amministrante Alvimopan preoperatorio per riparare funzione delle viscere dopo chirurgia ed impiegante i metodi di dolore all'infuori degli opioidi compreso i blocchi piani addominali transversus per diminuire o eliminare gli opioidi dopo chirurgia. “I nostri risultati dimostrano i vantaggi degli anestesisti e dei chirurghi del medico che lavorano in collaborazione ai bassi costi e migliorano i risultati dei nostri pazienti,„ ha detto Vicki Morton, DNP, MSN, AGNP-BC, Direttore dei risultati di qualità e clinici ai soci di anestesiologia di provvidenza.

- La consultazione prechirurgica con lo specialista della medicina di dolore facilita l'ansia per i pazienti sicuri: La consultazione con uno specialista della medicina di dolore prima che l'ambulatorio possa aiutare i pazienti cronici di dolore e quelli con i problemi di abuso di sostanza ritengano meno ansiosi circa la loro gestione post-chirurgica di dolore, suggerisce un'università di studio del centro medico di Pittsburgh. Lo studio include 12 pazienti di fusione spinale che hanno consultato uno specialista di dolore dell'anestesista del medico prima di chirurgia. I pazienti l'uno o l'altro hanno avuti una cronologia di abuso di sostanza ed erano sulla terapia di manutenzione di dipendenza del paziente esterno, hanno avuti una cronologia di alto uso dell'opioide prima di chirurgia, o specificamente hanno richiesto una consultazione della clinica di dolore. Ciascuno ha incontrato l'anestesista del medico, che ha consultato il chirurgo ed il paziente per formulare una pianificazione per la gestione di dolore più appropriata dopo chirurgia. Quella pianificazione è stata divisa con lo specialista della medicina del pronto intervento o del dolore del paziente. I pazienti hanno riferito che più di meno sono stati sollecitati circa chirurgia, meno ansioso durante il periodo perioperative e di più sono stati soddisfatti con controllo di dolore dopo chirurgia. I ricercatori ritengono che questo metodo possa contribuire a fare diminuire la durata del soggiorno dell'ospedale che potrebbe bassi costi come pure a migliorare la soddisfazione paziente. “Alcuni di questi pazienti rifiutano di lasciare l'ospedale dopo chirurgia finché non ritengano che siano sul giusto regime di dolore e quindi restino più lungamente,„ ha detto Trent Emerick, M.D., M.B.A., Direttore di miglioramento di qualità e di innovazione, divisione cronica di dolore, nel dipartimento di anestesiologia all'università di centro medico di Pittsburgh. “Crediamo quello lavorando per affrontare queste emissioni prima che l'ambulatorio possa fare diminuire i costi mentre migliorando soddisfazione.„

- Valutare i pazienti per la debolezza prima di chirurgia ha potuto impedire i cattivi risultati: I pazienti più anziani di valutazione per la debolezza prima che abbiano chirurgia possono migliorare i risultati e dovrebbero fa parte della selezione prechirurgica dell'anestesia standard, dicono i ricercatori da salubrità di Beaumont, la quercia reale, Michigan. I ricercatori suggeriscono di usando un breve questionario per schermare per la debolezza, quali i criteri fritti di debolezza, poiché la debolezza può essere un preannunciatore indipendente delle complicazioni postoperatorie. Pazienti che sono identificati come delicato prima di chirurgia dovrebbero essere ottimizzati prima di subire la procedura con nutrizione, addestramento di resistenza, migliorante il bilanciamento e mobilità, consigliare e farmaci, la nota dei ricercatori. “Un 80enne sano non è gli stessi come 30enne sano, ma sono valutati spesso per chirurgia allo stesso modo,„ ha detto Laura Lepczyk, D.O., un residente clinico dell'anestesia a salubrità di Beaumont. “Più ulteriormente, un certo 80enni è forte e vibrante ed altri sia debole. Una valutazione di debolezza prima che l'ambulatorio possa aiutare i fornitori a determinare se un paziente è abbastanza forte per chirurgia e se non, contribuisce a determinare se la salubrità del paziente può essere ottimizzata per permettere alla procedura.„