La proteina speciale migliora la sopravvivenza e la funzione polmonare dei mouse con influenza, studio mostra

GM-CSF, una proteina che modifica la risposta immunitaria all'influenza, può anche contribuire a diminuire l'infiammazione del polmone ed a migliorare la sopravvivenza durante l'influenza, secondo i ricercatori di Penn State.

I ricercatori hanno studiato la sopravvivenza e la funzione polmonare dei mouse con influenza in laboratorio. Hanno trovato che i mouse che erano stati dati un gran numero una citochina speciale -- molecole che avvertono altre celle che c'è un'infezione o l'altro trauma nell'organismo -- GM-CSF chiamato, ha avuto la migliori sopravvivenza e funzione polmonare che gli altri mouse.

E. Scott Halstead, assistente universitario della pediatria all'istituto universitario di Penn State di medicina, ha detto i risultati -- pubblicato nella ricerca respiratoria del giornale -- suggerisca che GM-CSF potrebbe essere una strategia terapeutica potenziale per il trattamento dell'influenza.

“L'influenza può essere cattiva, che questa stagione di influenza è genere di mostra, in modo da stiamo provando sempre a trovare le nuove strategie per occuparci di,„ Halstead ha detto. “La ricerca precedente ha indicato che i mouse con i livelli elevati naturalmente di GM-CSF potrebbero essere protetti dall'influenza. Ma in questo studio, abbiamo dato ai mouse GM-CSF dopo che hanno ottenuto l'influenza, a cui è più simile quando un paziente si ammala e poi fate qualcosa aiutarle. Anche dopo che hanno ottenuto il virus, ancora ha aiutato.„

Mentre tutti i virus avviano una risposta di citochina nell'organismo, Halstead ha detto che l'influenza contribuisce a creare un impulso in un tipo chiamato interferone di citochina particolare di II, che può essere perché l'influenza può essere peggiore di altri tali virus come il rhinovirus o del virus respiratorio sinciziale (RSV). Il tipo interferone di II è associato con gli alti livelli di infiammazione nei polmoni.

Gli studi precedenti hanno dimostrato che i mouse sopportati con i livelli elevati di GM-CSF erano naturalmente protetti da influenza, ma i ricercatori hanno voluto sapere se presentando GM-CSF dopo che i mouse già hanno avuti l'influenza erano appena come efficace.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato i mouse sopportati con un gene speciale che li permette di creare GM-CSF in loro polmoni una volta dato la doxiciclina antibiotica. I tre giorni dopo avere dato loro l'influenza, i ricercatori hanno dato ai mouse una dose di doxiciclina, avviante la produzione di GM-CSF nei polmoni dei mouse.

“Poiché abbiamo aspettato fino al terzo giorno, l'esperimento ha creato un modello piacevole di un agente inalato come daremmo una persona con l'influenza,„ Halstead ha detto. “Solitamente, la gente che si ammala non andrà al medico quel primo giorno della malattia, in modo da ai noi ha voluto fare qualche cosa di simile con i mouse.„

I ricercatori hanno trovato che i mouse con GM-CSF hanno avuti una migliore possibilità di sopravvivenza che gli altri mouse. Ad un'post-infezione dei 13 giorni, 90 per cento dei mouse con GM-CSF erano ancora vivi contro 50 per cento dei mouse senza.

Halstead ha detto che egualmente hanno esaminato i macrofagi -- un tipo di globulo bianco ha trovato ai siti dell'infezione -- dai polmoni dei mouse. I ricercatori hanno ordinato i macrofagi nelle popolazioni differenti ed hanno studiato i geni i macrofagi prodotti facendo uso di una tecnica chiamata ordinamento di RNA.

“Inoltre abbiamo veduto che anche se GM-CSF è pensato per causare l'infiammazione, in questo studio, lo abbiamo veduto fare l'opposto,„ Halstead abbiamo detto. “Per qualsiasi ragione -- ancora dobbiamo capire il meccanismo -- ha soppresso la risposta a tipo interferone di II, che causa solitamente molta infiammazione nei polmoni. Il GM-CSF realmente stava abbattendo quella risposta.„

I ricercatori hanno detto che perché ancora hanno veduto il GM-CSF avvantaggiare i mouse parecchi giorni dopo che i mouse erano stati infettati con l'influenza, c'è potenziale per usando GM-CSF per trattare l'influenza e la polmonite in esseri umani.

“Molti anti--virals là fuori, come Tamiflu, possono arrendersi soltanto il primo giorno o due dell'infezione. Per lo più, prima che vediate il paziente, è troppo tardi per quei farmaci,„ Halstead ha detto. “Il nostro studio ha indicato che con GM-CSF, ci potrebbe essere una più grande finestra di tempo.„

Halstead ha detto che corrente sta lavorando con gli Stati Uniti Food and Drug Administration per convincere l'approvazione per cominciare un test clinico per verificare il trattamento nella gente con polmonite virale. Ha detto che gli studi futuri potrebbero anche esaminare i meccanismi dietro come GM-CSF sopprime la risposta a tipo interferone di II.