Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Hippotherapy simulato ha potenziale di migliorare la qualità di vita per i bambini con paralisi cerebrale

Hippotherapy robot assistito, un tipo di terapia che simula il movimento ripetitivo e ritmico di un cavallo, ha il potenziale di migliorare il controllo e la qualità di vita di circuito di collegamento per i bambini con paralisi cerebrale, secondo scienza presentata questa settimana all'associazione della riunione annuale accademica di fisiatri a Atlanta.

“Per i bambini con paralisi cerebrale, hippotherapy è uno di tipi più efficaci di terapie e può contribuire a migliorare il bilanciamento, la resistenza, resistenza ed infine funzione e qualità di vita,„ dice la presentazione l'autore del Justin Burton, MD; Direttore di co-programma e medico pediatrico della medicina di ripristino al centro nazionale per il ripristino dei bambini alla rete nazionale di ripristino di MedStar. “Purtroppo, l'accesso è limitato perché ci sono relativamente pochi siti, spesso con l'attesa lunga quota e non può essere coperto da assicurazione. Il mio collega nella medicina pediatrica di ripristino, il Dott. Olga Morozova ed io hanno iniziato questo studio perché abbiamo voluto migliorare l'accesso a e portare i vantaggi di hippotherapy ad un centro medico urbano.„

DRS. Burton e Morozova, insieme con Dott. Kevin Cleary e un gruppo dei bioengineers e dei terapisti fisici nello sceicco Zayed Institute per innovazione chirurgica pediatrica al sistema nazionale della salubrità dei bambini, sviluppati di recente un simulatore di equitazione per i bambini con le inabilità neurologiche ed osteomuscolari. Il simulatore mette a fuoco sull'aumento della capacità di un bambino di mantenere il controllo del suo torso, che è la memoria (o circuito di collegamento) dell'organismo. Comprende una piattaforma di moto, un cavallo del carosello e un sistema di tracciamento. Il gruppo egualmente ha sviluppato una visualizzazione di realtà virtuale, che simula un'equitazione lungo un pilastro. Questa visualizzazione permette che il bambino giochi mentre monta il cavallo.

Per collaudare il simulatore, i ricercatori hanno iscritto cinque volontari sani. Ai volontari sono stati invitati in primo luogo a completo una prova di sbraccio. Ulteriormente, i ricercatori hanno notato la loro capacità di gestire i loro torsi con una misura di controllo di circuito di collegamento. I volontari poi avevano simulato le sessioni di terapia. Una volta che questi volontari sani completassero con successo la terapia simulata, due pazienti con paralisi cerebrale - un ragazzo di sette anni e una ragazza di nove anni - hanno completato la stessa misura della prova di sbraccio e di controllo di circuito di collegamento prima del collaudo del simulatore.

Durante il hippotherapy simulato, tutti i partecipanti hanno avuti un riscaldamento di cinque minuti sotto la supervisione di un terapista fisico. Durante il riscaldamento, il terapista fisico ha fornito le indicazioni tattili per incoraggiare il circuito di collegamento dritto che posiziona e per appropriarsi le reazioni di equilibrio.

Dopo il riscaldamento, i partecipanti hanno passato verso due giochi differenti. In primo luogo sfidato la capacità di ogni bambino di gestire la sua posizione mentre tenendo il loro cavallo in mezzo al pilastro. La seconda cacciagione ha lavorato a controllo di circuito di collegamento, alla capacità prevedere i movimenti ed alla capacità di spostare il suo peso per gestire il cavallo. Questa cacciagione ha forzato i partecipanti mettere a fuoco tutto soppesato mentre completava più di un compito per volta.

Dopo i giochi, i ricercatori hanno lavorato con ogni partecipante per guidare senza supporto dell'ente superiore come pure incoraggiante loro per raggiungere per i giocattoli o per dare i alto-pifferi per spingere i limiti di controllo di circuito di collegamento.

Tutti partecipanti allo studio di fattibilità - i cinque volontari sani ed i due pazienti con paralisi cerebrale - quattro completati hanno simulato le sessioni di terapia. Come valutazione iniziale, i ricercatori hanno paragonato indietro la variazione di angolo fra un volontario sano ed un paziente a paralisi cerebrale. Dopo che il quarto ha simulato la sessione di terapia, il controllo di circuito di collegamento dei due pazienti e lo spostamento del peso sono sembrato migliorare. Ancora, i pazienti con paralisi cerebrale sono sembrato essere peso che si sposta in un modo più simile ai volontari sani.

Come punto seguente, il gruppo del Dott. Burton sta cominciando ad iscrivere i pazienti - età da quattro a 10 - ad un test clinico. “Crediamo i pazienti che hanno buon controllo capo ma incontriamo difficoltà con resistenza del circuito di collegamento e/o il controllo di circuito di collegamento trarrebbe giovamento la maggior parte da questa terapia,„ dice.

Sorgente: http://www.physiatry.org/