Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le guide vaccino della cellula staminale proteggono i mouse dai numerosi cancri, ritrovamenti studiano

Un nuovo studio pubblicato nella cellula staminale delle cellule del giornale, condotta dagli scienziati dalla Stanford University, ha rivelato che quando i mouse del laboratorio sono stati iniettati con le cellule staminali pluripotent incitate inattivate (iPSCs), c'era una risposta immunitaria potente contro il polmone, il petto ed i cancri di interfaccia. Il vaccino egualmente ha impedito agli animali con i tumori eliminati di ricadere.

Credito: Foto Shutterstock.com di ci

i iPSCs possono essere ottenuti direttamente dalle celle adulte, che geneticamente sono riprogrammate per imitare la capacità delle cellule staminali embrionali di svilupparsi in qualunque tipo di cella nell'organismo.

Lo studio corrente ha compreso 75 mouse con differenti versioni del vaccino del iPSC ottenute dai iPSCs inattivati da irradiamento. In un periodo di 4 settimane, 70% dei mouse vaccinati iPSC completamente ha rifiutato le celle di cancro al seno recentemente iniettate, mentre 30% ha avuto tumori considerevolmente più piccoli. L'influenza del vaccino del iPSC egualmente è stata convalidata per i cancri polmonari e dell'interfaccia.

Joseph C. Wu, l'autore principale all'istituto cardiovascolare di Stanford ed all'istituto per biologia di cellula staminale e medicina a ricupero ha stabilito che tantissimi antigeni trovati sui iPSCs egualmente fossero trovati sulle cellule tumorali.

Quando il vaccino del iPSC è iniettato nei mouse del laboratorio, i loro sistemi immunitari sviluppano una risposta immunitaria antigeni ai iPSCs'. dovuto le simili caratteristiche delle cellule tumorali e dei iPSCs, gli animali sviluppano istantaneamente una risposta immunitaria contro cancro. Il sistema immunitario dei iPSCs' è il tasto per eliminare le celle del tumore.

L'efficacia dei vaccini anticancro è alta soltanto quando uno o più antigeni sono presentati nell'organismo per attivare i linfociti T helper o per produrre gli anticorpi che possono identificare e legare gli antigeni sulle superfici delle cellule tumorali.

Che cosa ci ha sorpresi più era l'efficacia del vaccino del iPSC nella riattivazione del sistema immunitario per mirare al cancro. Questo approccio può avere potenziale clinico di impedire la ricorrenza del tumore o di mirare alle metastasi distanti.„

Joseph C. Wu, Stanford University

Ci sono molto i pochi numero degli antigeni che possono essere presentati ad un momento specifico al sistema immunitario che è una di più grandi sfide delle immunoterapie del cancro. Lo studio corrente utilizza le celle di un animale per generare ad un vaccino basato iPSC del cancro che mira simultaneamente agli antigeni multipli di un tumore. La necessità di trovare l'antigene più ideale per mirare a in un tipo specifico di tumore è impedita usando gli interi iPSCs.

Lo studio corrente più di meno è esposto all'evasione immune dalle cellule tumorali con l'aiuto di un gran numero di antigeni tumorali presenti nei iPSCs. I ricercatori egualmente hanno introdotto i iPSCs con una particella del ripetitore-un di immunità di CpG chiamato DNA batterico che è stato considerato come sicuro nelle prove umane.

In futuro, i globuli di un paziente o l'interfaccia possono essere riprogrammati nei iPSCs ed essere eseguiti come vaccino anticancro o come ripetitore consecutivo dopo chirurgia, la radioterapia, o la chemioterapia.

Sorgente

https://www.eurekalert.org/pub_releases/2018-02/cp-scv020818.php