Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La dieta altamente proteica diminuisce il rischio di morbo di Alzheimer, ritrovamenti della ricerca

Una dieta alta in alimenti ricchi di proteine quali carne ed i legumi diminuisce il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer, la nuova ricerca dall'Edith Cowan University ha trovato.

I ricercatori dal banco dell'ECU delle scienze di salubrità e mediche hanno esaminato le diete di 541 australiano ed hanno misurato i livelli di amiloide beta (Aβ) nel loro cervello, che è un precursore al morbo di Alzheimer.

Hanno trovato che i partecipanti con i livelli elevati di proteina nella loro dieta erano meno probabili avere alti livelli di Aβ nel loro cervello, diminuenti il loro rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Spinta del cervello

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi basati sulla loro assunzione della proteina.

Hanno trovato che quelle con il più alto consumo, intorno a 118g al giorno, erano 12 volte meno probabili da avere alti livelli di Aβ che quelle nel gruppo del consumo più basso, che mangiasse soltanto 54g al giorno.

Il Dott. Binosha Fernando del ricercatore del cavo ha detto che questo era lo studio mai visto per esaminare la relazione fra il consumo di proteine e Aβ.

“La ricerca dimostra chiaramente che più proteina è mangiata più basse le probabilità che qualcuno ha di avere un alto carico di Aβ sul cervello, che corrisponde ad un più a basso rischio di sviluppare Alzheimer in futuro,„ lei ha detto.

Ricerca del collegamento

Il Dott. Fernando ha detto che era ancora sconosciuto che cosa stava determinando la relazione fra assunzione ad alta percentuale proteica e Aβ basso.

“Una possibilità è che gli studi precedenti la hanno indicato che una dieta altamente proteica è associata con pressione sanguigna più bassa,„ hanno detto.

“L'ipertensione è un fattore di rischio per sia il morbo di Alzheimer che la malattia cardiovascolare. Egualmente conosciamo quello aumenti di sviluppo della malattia cardiovascolare il vostro rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.„

Il Dott. Fernando ha detto che il punto seguente era più ulteriormente di esaminare che genere di ruolo, genetica, età e fattori metabolici giocano nella relazione fra il consumo di proteine ed il morbo di Alzheimer.

Ottenere abbastanza proteina

La proteina è trovata in prodotti animali come manzo, maiale, l'agnello, le uova, il pesce ed il pollame come pure in alimenti impianti impianto come i legumi, interi, le noci ed i cereali.

Quantità di alimenti in comune della proteina:

Alimento

Proteina per 100g

Pollo

30g

Manzo (bistecca)

26g

Sgombro (tonno rosso)

30g

Lenticchie

10g

Fagioli di pinto

20g

Arachidi

26g

Latte

3.4g

Formaggio (cheddar)

25g

Sorgente: Ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti

“Per ottenere l'effetto protettivo che abbiamo dimostrato, dovete mangiare circa 120g di proteina ogni giorno, che non è„ il Dott. troppo duro Fernando ha detto.

“Per esempio, se faceste un'insalata mista di sgombro e del fagiolo per pranzo, per 100g del pollo e l'insalata il pranzo e snacked su una manciata di arachidi durante il giorno, stavate ottenendo molto vicino ad abbastanza proteina di abbassare le vostre probabilità di avere un alto carico di Aβ nel vostro cervello.„

Fuoco di stile di vita

Il centro dell'ECU per eccellenza per la ricerca e la cura del morbo di Alzheimer egualmente recentemente ha identificato la depressione e la difficoltà che dormono come fattori di rischio potenziali per il morbo di Alzheimer.

Il centro egualmente corrente sta studiando se una combinazione della curcumina della spezia e dell'olio di pesce può potenzialmente ritardare l'inizio del morbo di Alzheimer.