La sopravvivenza delle vittime di arresto cardiaco migliora quando gli spettatori usano la terapia di scossa dell'VEA

La sopravvivenza da arresto cardiaco raddoppiato quando uno spettatore ha fatto un passo dentro per applicare un defibrillatore esterno automatizzato (AED) prima dei radar-risponditore di emergenza è arrivato, secondo la nuova ricerca nella circolazione del giornale dell'associazione americana del cuore.

Secondo l'associazione americana del cuore, dei più di 350.000 arresti cardiaci dell'fuori de ospedale che si presentano ogni anno negli Stati Uniti, più di 100.000 accadono fuori della casa. Di meno che la metà (45,7 per cento) delle vittime di arresto cardiaco ottengono la guida che immediata hanno bisogno di prima che i radar-risponditore di emergenza arrivino, in parte perché i servizi medici di emergenza catturano, in media, fra quattro e dieci minuti per raggiungere qualcuno nell'arresto cardiaco.

Un gruppo internazionale dei ricercatori ha esaminato 49.555 arresti cardiaci dell'fuori de ospedale che si sono presentati nelle città importanti del Canada e degli Stati Uniti. Hanno analizzato un sottogruppo chiave di questi arresti, quelli che si sono presentati in pubblico, sono stati testimoniati ed erano impressionabili. I ricercatori hanno trovato che quasi 66 per cento di queste vittime sono sopravvissuto a a scarico dell'ospedale dopo che una scossa consegnata da uno spettatore. I loro risultati hanno sottolineato che gli spettatori fanno una differenza critica sta assistendo le vittime di arresto cardiaco prima che i radar-risponditore di emergenza potessero ottenere alla scena.

Fra i risultati dello studio:

  • Gli spettatori hanno utilizzato un VEA in 18,8 per cento di questi casi.
  • Le vittime di arresto cardiaco che hanno ricevuto una scossa da un VEA a disposizione del pubblico hanno avute possibilità di sopravvivenza ben maggiori e che sono scaricate dall'ospedale che coloro che non ha fatto; 66,5 per cento contro 43 per cento.
  • Le vittime di arresto cardiaco che hanno ricevuto una scossa da un VEA a disposizione del pubblico che è stato amministrato da uno spettatore hanno avute 2,62 più alte probabilità di volte della sopravvivenza a scarico dell'ospedale e di 2,73 risultati più favorevoli di volte per il funzionamento confrontato alle vittime che in primo luogo hanno ricevuto una scossa dell'VEA dopo che i radar-risponditore di emergenza sono arrivato.
  • Le vittime che hanno ricevuto una scossa dell'VEA da uno spettatore (57,1 per cento) facendo uso di un'unità a disposizione del pubblico invece di dovere aspettare i radar-risponditore di emergenza (32,7 per cento) hanno avute la funzione quasi normale e migliori risultati.
  • Senza uno spettatore che usando la terapia di scossa dell'VEA, 70 per cento dei pazienti di arresto cardiaco sono morto o sopravvissuto a con la funzione alterata del cervello.

“Stimiamo che quello circa 1.700 vite siano salvate negli Stati Uniti all'anno dagli spettatori che usando un VEA,„ ha detto lo studio senior l'autore Myron Weisfeldt, M.D. “purtroppo, non abbastanza Americani sanno per cercare AEDs nei luoghi pubblici, né sono sono preparati su come usarli malgrado i grandi ed efficaci sforzi dell'associazione americana del cuore.

Secondo l'associazione americana del cuore (AHA), l'uso di un VEA è il terzo punto nella catena di arresto cardiaco della sopravvivenza. I primi due punti in una testimoniata in, arresto cardiaco dell'fuori de ospedale sono 1) alla chiamata 9-1-1 e 2) comincia la rianimazione cardiopolmonare immediata (CPR).

Una delle limitazioni dello studio è che ha esaminato soltanto l'uso dell'VEA dello spettatore senza considerare l'impatto combinato di chiamata del 9-1-1 e di iniziare il CPR immediato.

Durante l'arresto cardiaco, l'attività elettrica nel cuore è interrotta. Secondo l'associazione americana del cuore, ogni secondo conta perché senza CPR immediato, il cuore, il cervello ed altri organi vitali non stanno ricevendo abbastanza sangue ossigenato. Per ogni minuto senza CPR, la probabilità della morte aumenta di 10 per cento.

Sulla base dei risultati di studio, Weisfeldt ed il suo gruppo, compreso il merluzzo di Ross dello studente di medicina di John Hopkins dell'autore principale, vorrebbero vedere la maggior distribuzione di AEDs, compreso la fornitura della polizia dei defibrillatori, particolarmente nelle regioni dove cattura lungamente i radar-risponditore di emergenza per ottenere al paziente.

“Gli spettatori hanno il potenziale di salvare una vita,„ Weisfeldt sono continuato. “Questo dovrebbe essere un grande incentivo affinchè i funzionari di salute pubblica e gli spettatori si sforzi di avere AEDs usato su tutte le vittime di arresto cardiaco.„

L'associazione americana del cuore ha lanciato la sua iniziativa di formazione in materia di sicurezza del posto di lavoro nel 2017 con i risultati di indagine che complementano le comprensioni dello studio di Weisfeldt. L'indagine dell'associazione ha trovato che la maggior parte dei impiegati degli Stati Uniti non sono preparati trattare le emergenze cardiache nel posto di lavoro perché mancano dell'addestramento nel CPR e nel pronto soccorso. Infatti, la metà di tutti i lavoratori degli Stati Uniti (50 per cento) non può individuare l'VEA sul lavoro. Nell'industria di ospitalità, quel numero aumenta a due terzi (66 per cento). Più di 10.000 arresti cardiaci si presentano annualmente nel posto di lavoro.

“Pronto soccorso, necessità di addestramento dell'VEA e di CPR di trasformarsi in in parte di più grande cultura di sicurezza all'interno dei posti di lavoro,„ ha detto Michael Kurz, MD, presidenza dei sistemi dell'associazione americana del cuore del sottocomitato di cura e professore associato all'università di scuola di medicina dell'Alabama nel dipartimento della medicina di emergenza. “Certamente stiamo vedendo il più alto interesse pubblico in questo addestramento e la nostra campagna rivolge ai decisori in posti di lavoro ed agli spazi pubblici popolari quali le arene, i centri di forma fisica, gli hotel e le chiese per collocare AEDs nelle stesse posizioni come estintore.„