Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio di UGA mette a fuoco sul alimentare infantile sicuro nella regolazione di post-disastro

Come conseguenza di un disastro naturale, le famiglie spostate affrontano una serie di difficoltà che possono piombo a salubrità difficile ed a nutrizione. In queste circostanze, i bambini e le madri sono particolarmente vulnerabili, ma i loro bisogni alimentanti unici sono trascurati spesso negli sforzi di aiuto in caso di catastrofe.

Un nuovo studio dall'università di Georgia evidenzia la necessità per i gruppi di aiuto umanitario di essere preparato in infante sicuro e giovani nei protocolli dell'alimentazione dei bambini, seguenti il terremoto 2015 nel Nepal, che ha ucciso quasi 9,000 persone ed ha danneggiato quasi mezzo milione case.

I ricercatori hanno viaggiato a parecchi campi della rilocazione di terremoto sei mesi dopo il terremoto, dove hanno intervistato le nuove madri circa le loro esperienze che alimentano i loro bambini. Il gruppo era particolarmente interessato in come allattare è stato supportato nei campi.

L'allattamento al seno esclusivo è riconosciuto come il modulo più sicuro di alimentare infantile per i bambini sotto 6 mesi. Il latte materno è una sorgente completa di nutrizione, tiene il bambino idratato e fornisce il supporto di sistema immunitario naturale, che è determinante per salubrità infantile negli stati spesso ammucchiati delle protezioni di post-disastro.

L'alternativa che alimenta con la formula può essere pericolosa per i bambini e l'organizzazione mondiale della sanità si pronuncia contro distribuzione di formula di massa delle emergenze. Ma il gruppo ha trovato che i radar-risponditore di emergenza stavano distribuendo la formula senza supporto di lattazione o di valutazione.

“Incontrollato, la distribuzione untargeted di formula è molto pericolosa,„ ha detto Sara E. DeYoung, un assistente universitario di criterio di integrità e della gestione nell'istituto universitario di UGA della salute pubblica e autore principale sullo studio. “Nella regolazione di post-disastro in cui avete gente vivere nei campi della rilocazione, non c' è solitamente accesso ad acqua pulita o non si appropria le offerte per pulire e sterilizzare le bottiglie.„

I biberon possono essere contaminati facilmente con i batteri, piombo alle conseguenze e perfino alla morte serie di salubrità per gli infanti.

“Purtroppo, è un problema sfrenato nel contesto di post-disastro,„ ha detto DeYoung. “I gruppi portano la formula e la passano ad ognuno senza chiedere e poi le madri hanno questa percezione che nutrito artificialmente è la cosa da fare perché stanno ricevendo la formula in loro pacchetti umanitari.„

L'allattamento al seno esclusivo è molto comune negli stati uniti soltanto 19 per cento confrontati alla media globale di 40 per cento e di 70 per cento nel Nepal.

La gente benintenzionata negli Stati Uniti dona spesso la formula di bambino senza sapere che alimentare di formula può causare il danno.

“Vuole aiutare perché i bambini sono così vulnerabili,„ li ha detti DeYoung, “ma sia solo male informato.„

DeYoung sottolinea la necessità per le organizzazioni di risposta di emergenza di supportare alimentare sicuro, particolarmente quando allattare è la norma culturale, poichè è nel Nepal.

“L'intervento semplice e di bassa tecnologia state chiedendo alle madri, siete che allattate? Se dicono sì e sta andando bene, non dia loro la formula,„ ha detto e se la formula è necessaria, la formazione ed il supporto appropriati deve esistere assicurare la nutrizione e la sicurezza del bambino.

Sorgente: https://news.uga.edu/study-focuses-safe-infant-feeding-disaster/