I progressi tecnologici in biosensori hanno potuto diminuire la diffusione di infezione HIV

1,8 milione di persone acquistano ogni anno il HIV, con l'organizzazione mondiale della sanità stimanti che 1 in 5 persone che vivono con il HIV non realizzi che sono infettati. Di conseguenza, le strategie per la diagnosi precoce più veloce e sono importanti quanto mai da limitare la diffusione del HIV.

Scale cronologiche per la diagnosi di a dell'infezione trasmessa sessualmente -, clamidia, via la prova di punto-de-cura e centralizzata (sorgente: La genetica dell'atlante).

Corrente, la prova più comune per il HIV cerca una risposta immunitaria cercando gli anticorpi che l'organismo produce in risposta all'infezione. Tipicamente, un campione di sangue è prelevato dal paziente e poi è inviato ad un laboratorio per questa prova, che cattura intorno ad una settimana. Tutti i risultati positivi poi sono confermati da una seconda prova.

Alternativamente, nella risorsa ha limitato le impostazioni in cui l'infrastruttura non è a disposizione per effettuare tali prove, unità laterali di flusso (che somigliano ai test di gravidanza casalinghi) può essere usato per fare una diagnosi iniziale.

Il problema con la prova per gli anticorpi (la risposta immunitaria) è che può produrre i falsi negativi quando la prova è effettuata prima che la risposta immunitaria abbia accaduto. Richiede intorno 4 settimane affinchè l'organismo generi gli anticorpi al HIV, chiamate “il periodo di latenza„, quindi le prove non possono essere effettuate prima di questo tempo. Il consiglio è di aspettare 3 mesi per catturare un test HIV.

La maggior parte del modo rapido ed affidabile di rilevazione del HIV è di cercare il materiale genetico del HIV direttamente nel sangue, facendo uso di un trattamento chiamato PCR (reazione a catena della polimerasi). Ciò presenta il vantaggio di bisogno necessario aspettare così molto tempo dopo l'esposizione, essendo usando dopo i soltanto 3 giorni. Tradizionalmente questo trattamento, conosciuto come i sistemi diagnostici molecolari, è stato eseguito in un laboratorio dal personale formato. I progressi tecnologici recenti tuttavia hanno portato la possibilità di conduzione dei sistemi diagnostici molecolari dal laboratorio ed accanto al paziente alla punto-de-cura.

Ciò fa parte di più ampia tendenza relativa al campo dei biosensori che sta subendo uno spostamento alla punto-de-cura, un settore stimato per valere da ora al 2027 ~$33 miliardo. la prova di Punto-de-cura può essere definita come prova che cattura al di sotto di un'ora su un dispositivo portatile (ricerca di IDTechEx). Ciò significa che i campioni più devono essere prelevati e non inviati ad un laboratorio per l'analisi e poi i risultati retroagiti per il trattamento di seguito.

la prova di Punto-de-cura ha specialmente valore alto nella diagnosi sessualmente - delle infezioni trasmesse, dove una diagnosi rapida può in modo dimostrabile diminuire la diffusione dell'infezione. I numerosi studi intrapresi negli Stati Uniti stimano che quel ~40% di tutti i pazienti che presentano ad una clinica di salubrità sessuale non sono contattabili una volta vanno, significando che la diffusione dell'infezione continua - neppure fra coloro che sta cercando la diagnosi ed il trattamento.

Con l'arrivo dei sistemi diagnostici molecolari di punto-de-cura, le prove per le infezioni quale il HIV ed altre malattie infettive possono essere effettuate mentre aspettate. Il trattamento può quindi essere dato immediatamente a richiesta, notevolmente diminuendo la diffusione probabile dell'infezione.

I biosensori rapporto della ricerca di IDTechEx per Punto-de-Cura che prova 2017-2027 dà un'analisi completa delle tendenze relative importanti al campo dei biosensori medici e quota le nuove tecnologie e le unità che sono probabili essere altamente perturbarici al servizio in vitro di sistemi diagnostici.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    IDTechEx Ltd. (2019, June 24). I progressi tecnologici in biosensori hanno potuto diminuire la diffusione di infezione HIV. News-Medical. Retrieved on April 04, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20180307/Technological-advances-in-biosensors-could-reduce-spread-of-HIV-infection.aspx.

  • MLA

    IDTechEx Ltd. "I progressi tecnologici in biosensori hanno potuto diminuire la diffusione di infezione HIV". News-Medical. 04 April 2020. <https://www.news-medical.net/news/20180307/Technological-advances-in-biosensors-could-reduce-spread-of-HIV-infection.aspx>.

  • Chicago

    IDTechEx Ltd. "I progressi tecnologici in biosensori hanno potuto diminuire la diffusione di infezione HIV". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20180307/Technological-advances-in-biosensors-could-reduce-spread-of-HIV-infection.aspx. (accessed April 04, 2020).

  • Harvard

    IDTechEx Ltd. 2019. I progressi tecnologici in biosensori hanno potuto diminuire la diffusione di infezione HIV. News-Medical, viewed 04 April 2020, https://www.news-medical.net/news/20180307/Technological-advances-in-biosensors-could-reduce-spread-of-HIV-infection.aspx.