Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti del colpo e le loro famiglie hanno bisogno del supporto più emozionale, lo studio suggerisce

Medici che si occupano dei pazienti severi del colpo devono tenere conto dei loro bisogni psicologici e contribuire a preparare le famiglie per la possibilità che non possono recuperare, uno studio suggerisce.

I pazienti e le loro famiglie avvertono le sensibilità debilitanti di perdita e l'incertezza che segue un colpo importante che urta sulla loro qualità di vita, i risultati mostra.

I risultati, dalle interviste di ripetizione effettuate oltre sei mesi, egualmente indicano che i professionisti di sanità non dovrebbero lanciare a partire dalle discussioni sensibili circa la morte.

Lo studio dalle università di Edimburgo e di Glasgow ha seguito i pazienti in Scozia nel corso di un anno che segue un modulo severo del colpo. La personale che dispensa le cure del personale e della famiglia di sanità egualmente è stata intervistata.

Più della metà dei pazienti nello studio sono morto entro sei mesi dell'ammissione all'ospedale. Le famiglie hanno riferito che - malgrado l'ad alto rischio della morte - la cura è stata messa a fuoco eccessivamente sul ripristino fisico con poca attenzione alle esigenze emozionali o sul preparato della morte.

Una personale che dispensa le cure che ha partecipato allo studio e di cui il padre è morto dal colpo severo, ha detto: “Se ci avessero detto la grandezza del colpo fin dalla prima visita che dell'ospedale avremmo fatto diversamente le cose, piuttosto che spingendo per qualcosa che non stesse andando mai accadere.„

Mentre tanti pazienti con il colpo principale muoiono entro sei mesi, i ricercatori suggeriscono che la cura dovrebbe riflettere la possibilità della morte e dell'inabilità.

Egualmente dicono che il ripristino dovrebbe comprendere i principi di cura palliativa per indirizzare l'emozionale, sociale e spiritual - come pure il fisico medica - bisogni dei pazienti.

Il colpo rappresenta più di sei milione morti all'anno universalmente.

Lo studio è pubblicato nel giornale medico canadese di associazione ed è stato costituito un fondo per dall'ufficio principale dello scienziato, parte delle direzioni scozzesi di salubrità di governo.

Il professor Scott Murray dell'università di istituto di Usher di Edimburgo di scienza e dell'informatica di salubrità della popolazione, che piombo lo studio, ha detto: “È un fatto triste che molta gente con un colpo severo muore, malgrado assistenza medica eccellente e veloce. Mentre speriamo per un buon ripristino, i parenti ed i pazienti anche dovrebbero essere supportati nella preparazione affinchè il peggio le aiutino per mettere a fuoco su qualità di vita.„

Il professor Gillian Mead, del centro per le scienze di cervello cliniche all'università di Edimburgo, ha detto: “Il colpo accade improvvisamente ed i pazienti possono affrontare la morte o la sopravvivenza con l'inabilità principale. Il personale deve avere conversazioni sensibili con i pazienti e la famiglia per scoprire i loro punti di vista e da acconsentiree sui quali trattamenti sono appropriati. Ciò è un argomento importante di istruzione e formazione per ognuno nel gruppo del colpo.„