L'obiettivo del sud dei ricercatori ha subito una mutazione la proteina per combattere il carcinoma della prostata

I ricercatori del sud stanno esplorando come una proteina mutata implicata nel carcinoma della prostata svolge un ruolo nello sviluppo della malattia e se tiene un tasto per migliorare i risultati del trattamento.

La ricerca mette a fuoco su una proteina chiamata SPOP e come il suo modulo mutato interagisce con la risposta di danno del DNA, una rete delle vie cellulari che funziona senza sosta nel tentativo di riparare i fili nocivi del DNA ed impedire i cambiamenti potenzialmente nocivi.

I risultati potrebbero indicare un nuovo obiettivo terapeutico o un biomarcatore che predice indipendentemente da fatto che un determinato corso del trattamento consegnerà i vantaggi per un paziente di carcinoma della prostata, secondo il Dott. BO Xu, M.D., il Ph.D., il collega distinto e la presidenza dell'instituto dell'oncologia alla ricerca del sud.

“Nel migliore dei casi, la nostra speranza è che questi risultati informano in qualche modo i medici per diagnosticare e curare meglio i pazienti,„ ha detto Joshua fritto, un ricercatore che lavora nel laboratorio di Xu. “Infine, quello è lo scopo di ogni ricercatore di biologia del cancro. Vogliono informare meglio i medici.„

Fritto è preveduto per fare una presentazione circa il progetto il 17 aprile all'associazione americana della riunione annuale 2018 della ricerca sul cancro (AACR) in Chicago. Il AACR è la più grande organizzazione scientifica nel mondo messo a fuoco su ogni aspetto di ricerca sul cancro di alta qualità e innovatrice.

“MEDICINA DI PRECISIONE„

Xu ha detto che lo studio è significativo perché il carcinoma della prostata è il modulo più comune di cancro maligno in uomini americani e circa 20 per cento dei pazienti hanno mutazioni in questa proteina particolare.

“Uno dei nostri scopi è di capire come queste mutazioni pregiudicano la risposta terapeutica di un paziente e determinare se possiamo approfittare di queste mutazioni come biomarcatore per identificare i pazienti che sono più probabili trarre giovamento da radiazione o dalla chemioterapia,„ Xu abbiamo detto.

Ulteriormente, il gruppo di ricerca del sud sta provando a determinare se le interazioni della mutazione con altre proteine potrebbero esporre come amplificare l'efficacia di radiazione e chemioterapia per i pazienti con lo SPOP non mutato, ha detto.

“Potremmo potere mirare che l'interazione per imitare la mutazione in modo dal paziente avrebbe tratto giovamento più dal trattamento,„ a Xu abbiamo detto.

“Questa è medicina di precisione, l'oncologia di precisione, in base ad informazioni genetiche.„

RISPOSTA DI DANNO DEL DNA

Fritto ha detto che lo SPOP - appena uno di parecchie mutazioni connesse con carcinoma della prostata - ha catturato l'attenzione del gruppo di ricerca del sud perché la prova ha indicato che le celle di carcinoma della prostata con lo SPOP mutato erano aumentato aumenti e perdite cromosomici ha confrontato ai tumori senza.

“Quello piombo noi credere che ci potrebbe essere una certa partecipazione alla risposta di danno del DNA e quello è dove la nostra competenza è,„ ha detto fritto, uno studente postuniversitario nella biologia del cancro all'università di Alabama a Birmingham che sta lavorando al progetto per quattro anni.

Malgrado gli avanzamenti, il progresso è necessario contro carcinoma della prostata.

I 165.000 nuovi casi stimati di carcinoma della prostata sono diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti, secondo l'associazione del cancro americana. La malattia è annualmente responsabile di intorno 30.000 morti, rendendogli la seconda causa principale della morte del cancro in uomini americani.

Fritto ha detto che i medici ed i pazienti di carcinoma della prostata potrebbero trarre giovamento da un biomarcatore basato sulla mutazione di SPOP che migliore dirige il corso del trattamento.

la terapia della Androgeno-privazione, per esempio, fa parte corrente del trattamento di prima linea di carcinoma della prostata, ha detto. Ma la terapia ormonale può avere effetti secondari indesiderabili e non funziona per tutti i pazienti.

“Volete risparmiare i trattamenti dei pazienti che sono più di meno di efficace e migliorato loro in quei che conosciate stanno andando lavorare il più bene,„ fritto ha detto. “La chemioterapia e la radiazione possono essere dure, in modo da se possiamo risparmiare i pazienti dall'un trattamento inutile sembrante, che sarebbe migliore.„

Sorgente: https://southernresearch.org/news/southern-research-targets-mutated-protein-battle-prostate-cancer/