Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studi la prova di rapporti “di tendenziosità sistematica„ nella selezione dell'alcool dopo TBI

“Ha questo paziente che beve?„ È una domanda critica per gli infermieri neurochirurgici ed altri professionisti quando valuta i pazienti con il trauma cranico traumatico (TBI). Ma alcuni gruppi di pazienti di TBI sono meno probabili essere schermati per uso dell'alcool, compreso le donne ed i più giovani pazienti, rapporti uno studio nell'edizione di marzo del giornale di professione d'infermiera della neuroscienza, Gazzetta ufficiale dell'associazione americana degli infermieri della neuroscienza.

Gli approcci standardizzati sono necessari assicurare che ogni paziente con TBI subisca la selezione dell'alcool nel pronto soccorso (ED), secondo la nuova ricerca da Chong (sherry) Cheever, MSN, ANP-BC, candidato di PhD, del centro medico di Harborview, di Seattle e di Celestina Barbosa-Leiker, PhD, della Washington State University, Spokane.

Prova “di tendenziosità sistematica„ nella selezione dell'alcool dopo TBI

Il consumo dell'alcool è molto comune fra i pazienti con il trauma capo--gli studi precedenti hanno suggerito che a metà - due terzi dei pazienti con TBI stessero consumando l'alcool prima della loro lesione. Gli effetti dell'alcool possono avere un effetto principale sulla valutazione dello stato del paziente.

I pazienti con TBI che sono inebriati possono sembrare peggiorare dopo che sono trasferiti all'unità di cure intensive neurochirurgica (NICU). Se i professionisti di NICU sono ignari del consumo dell'alcool del paziente, possono sospettare “lo scenario peggiore„ di pressione intracranica aumentata e del herniation possibile del cervello.

Senza conoscenza della causa dell'agitazione e del peggioramento del paziente dello stato neurologico, la prova di sistema diagnostico supplementare è richiesta di confermare o eliminare se lo stato attuale è ritiro dell'alcool o un peggioramento della pressione intracranica aumentata. Se le prove confermano la pressione intracranica aumentata, l'ambulatorio urgente per alleviare la pressione sul cervello (craniectomy decompressive) è richiesto. “La selezione dell'alcool in ED fornisce informazioni cruciali che possono cambiare il percorso del trattamento se fosse conosciuto che i pazienti sono stati inebriati,„ i ricercatori scrive.

Hanno analizzato la prevalenza di ed i fattori connessi con la selezione dell'alcool nei pazienti in quasi 1.600 pazienti di TBI veduti ad ED di un centro di trauma del Livello I. Più di due terzi dei pazienti erano uomini; l'età media era di circa 49 anni per gli uomini e di 57 anni per le donne.

Ottanta per cento dei pazienti di TBI hanno subito la selezione del laboratorio per il consumo dell'alcool. Quello era superiore negli studi precedenti a riferire che di meno che la metà dei pazienti di trauma subiscono la selezione dell'alcool.

Ma alcuni gruppi di pazienti hanno avuti tariffe più basse della selezione dell'alcool. Le donne erano meno probabili essere schermate che gli uomini ed i più giovani pazienti erano meno probabili essere schermati che i pazienti più anziani.

La selezione dell'alcool era egualmente meno probabile per i pazienti nell'intervallo critico e delicato della severità di lesione, in base al disgaggio di lesione abbreviato standard (AIS); e per quelli nell'intervallo medio della risposta, in base al disgaggio del coma di Glasgow (GCS).

I risultati hanno suggerito che i punteggi del GCS e di AIS potessero essere distorti da mancanza di conoscenza dello stato dell'intossicazione del paziente. I ricercatori citano gli studi precedenti che riferiscono che i punteggi di AIS e del GCS possono migliorare significativamente dopo che i pazienti sono trasferiti al NICU, poichè i loro livelli di alcool diminuiscono.

La selezione dell'alcool era indipendente dalla prestazione di craniectomy decompressive urgente, o dalla lunghezza dei pazienti della degenza in ospedale. Gli autori notano alcune limitazioni del loro studio, compreso la mancanza di dati sulle ragioni per le quali la selezione dell'alcool non è stata realizzata in ED.

“Le donne, i più giovani pazienti ed i pazienti con i punteggi del GCS di media scadenza ed i punteggi unsurvivable e delicati di AIS potrebbero essere urtati da una tendenziosità sistematica per non condurre uno schermo dell'alcool basato su come i pazienti presenti ad ED,„ alla sig.ra Cheever ed al Dott. Barbosa-Leiker scrivono. Credono che i trattamenti aggiornati della valutazione di ED e gli strumenti della selezione siano necessari sormontare questa tendenziosità e raggiungere “ha mirato alla tariffa della selezione dell'alcool di 100 per cento per tutti i pazienti di trauma.„

Sorgente: https://wolterskluwer.com/