Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio indica che gli acidi grassi omega-6 potrebbero proteggere dalla morte prematura

Hanno potuto gli acidi grassi omega-6 proteggervi dalla morte prematura? La risposta è sì, secondo una nuova università di studio orientale della Finlandia. Mentre proteggono dalla morte, gli acidi grassi omega-6 egualmente tengono le malattie cardiovascolari alla campata.

“L'acido linoleico è l'acido grasso poli-insaturo più comune omega-6. Abbiamo scoperto che il livello elevato dell'acido linoleico di sangue, più piccolo il rischio di morte prematura,„ dice il professor Jyrki Virtanen dell'aggiunta dall'università di Finlandia orientale, riferente i risultati nel giornale americano di nutrizione clinica.

Sebbene gli acidi grassi poli-insaturi omega-6 siano conosciuti per il loro effetto benefico sui livelli di colesterolo di sangue, è stato speculato che possono aumentare il rischio di parecchie malattie croniche promuovendo l'infiammazione di qualità inferiore, tra l'altro. Il ragionamento dietro questa speculazione è quello nel corpo umano, acido linoleico è convertito in acido arachidonico (anche un acido grasso omega-6) che, a sua volta, è convertito in vari composti dipromozione. Tuttavia, gli acidi grassi omega-6 egualmente aumentano la produzione dei composti antinfiammatori ed ecco perché è provocatoria determinare le associazioni dei fattori dietetici con il rischio di sviluppare la malattia soltanto mettendo a fuoco sui loro effetti sui fattori di rischio di malattia.

In corso all'università lo studio ischemico di fattore di rischio della malattia di cuore di Finlandia orientale, Kuopio, KIHD, ha determinato i livelli dell'acido grasso di sangue di 2.480 uomini fra 42 e 60 anni all'inizio dello studio, nel 1984-1989. Durante il seguito medio di 22 anni, 1.143 uomini sono morto delle cause in relazione con la malattia e le morti dovuto un incidente o altre ragioni si sono escluse dallo studio.

Quando i ricercatori hanno diviso i partecipanti di studio in cinque gruppi differenti basati al loro livello dell'acido linoleico di sangue, hanno scoperto che il rischio di morte prematura era 43% più in basso nel gruppo con il più ad alto livello, una volta rispetto al gruppo all'più a basso livello. Un'analisi più dettagliata delle cause della morte ha indicato che una simile associazione esiste per la morte dovuto le malattie cardiovascolari come pure per la morte dovuto una certa altra ragione che le malattie cardiovascolari o il cancro. Tuttavia, nessun'associazione è stata osservata per la morte dovuto cancro. Simili, sebbene leggermente deboli, le associazioni egualmente siano osservate per il livello dell'acido arachidonico di sangue. Un'altra individuazione significativa dello studio è che il risultato è molto simile indipendentemente da se i partecipanti di studio hanno sofferto dalle malattie cardiovascolari, dal cancro o dal diabete all'inizio dello studio.

Lo studio fa un backup i risultati dagli studi basati sulla popolazione più iniziali che hanno collegato un'più alta ingestione dietetica di acido linoleico e un livello elevato dell'acido linoleico di sangue ad un più piccolo rischio di malattie cardiovascolari e di diabete di tipo 2, senza aumentare il rischio di cancro, per esempio. L'associazione osservata di acido arachidonico con un rischio diminuito di morte è una nuova individuazione.

Il livello dell'acido linoleico di sangue è determinato dalla dieta di una persona e le sorgenti principali di acido linoleico sono oli vegetali, diffusioni impiante impianto, noci e semi. Tuttavia, la dieta di una persona pregiudicherà il suo livello dell'acido arachidonico di sangue soltanto un poco.