Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il microbiome dell'intestino può promuovere il cancro del pancreas inducendo la soppressione immune

Riga inferiore: Il caricamento batterico era significativamente più alto nei campioni pancreatici del tumore dai pazienti con l'adenocarcinoma duttale pancreatico rispetto al tessuto pancreatico dalle persone normali e negli studi facendo uso dei mouse, eliminare “i cattivi„ batteri sicuri ha rallentato la crescita di cancro del pancreas, soppressione immune invertita e upregulated la proteina immune PD1 del controllo.

Giornale in cui lo studio è stato pubblicato: Scoperta del Cancro, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana.

Autori: George Miller, MD, HL del professor di Pachter nei dipartimenti di chirurgia e biologia cellulare alla scuola di medicina di New York University; Deepak Saxena, PhD, professore associato nel dipartimento di scienza di base e biologia Craniofacial all'istituto universitario di New York University di odontoiatria.

Sfondo: “Il microbiome dell'intestino è stato studiato in molti cancri differenti, compreso fegato e cancro colorettale ed è indicato alla progressione del cancro di influenza,„ ha detto Miller. “Poiché il pancreas è remoto dall'intestino, è considerato un organo sterile e ci non sono stati molti studi che esaminassero il ruolo del microbiome dell'intestino nel cancro del pancreas.„

Come gli studi sono stati intrapresi e risultano: I ricercatori egualmente hanno paragonato i campioni fecali da 32 pazienti all'adenocarcinoma duttale pancreatico con i campioni fecali da 31 persona normale ed hanno trovato che la composizione batterica dei malati di cancro era distinta da quella delle persone normali. “La composizione batterica era più diversa nei campioni fecali che dai malati di cancro,„ Miller celebre.

“Il dysbiosis [squilibrio] nel microbiome dell'intestino può potenzialmente essere usato come biomarcatore per definire una popolazione ad alto rischio,„ Saxena celebre. Fra gli sforzi più abbondanti dei batteri trovati nei pazienti di cancro del pancreas erano Proteobacteria, Bacteroidetes e Firmicutes.

Negli studi del mouse, il gruppo ha dimostrato che i batteri spostano dall'intestino al pancreas durante il cancro del pancreas. Con ulteriori studi, i ricercatori hanno mostrato che quello eliminare questi batteri facendo uso del trattamento antimicrobico ha rallentato la progressione di cancro del pancreas ed ha abbassato il carico del tumore da circa 50 per cento. Questo trattamento egualmente ha pregiudicato la differenziazione a cellula T, piombo all'infiltrazione a cellula T aumentata nel tumore ed alla riduzione della popolazione mieloide-derivata delle cellule (MDSC) del soppressore. Il trattamento antimicrobico egualmente ha provocato l'espressione aumentata di PD1 celle su T di CD8+ e di CD4+ all'interno dei tumori.

La rintroduzione di batteri in mouse trattati antimicrobici ha invertito la protezione del tumore ed ha diminuito l'immunizzazione dei tumori, suggerente che il microbiome promuovesse l'adenocarcinoma duttale pancreatico inducendo la soppressione immune nel tumore.

I ricercatori egualmente hanno trovato che quella combinare il trattamento antimicrobico con un'immunoterapia anti-PD1 ha provocato l'attivazione a cellula T migliorata di CD8+ e di CD4+ in mouse, suggerenti che una tal combinazione fosse un'opzione potenziale del trattamento per l'adenocarcinoma duttale pancreatico.

Il gruppo sta preparando lanciare un test clinico per verificare una combinazione di antibiotici (ciprofloxacina e metronidazole) e di anticorpo anti-PD1 in pazienti con l'adenocarcinoma duttale pancreatico.

Le osservazioni degli autori: “Siamo stati sorpresi vedere che i campioni di tessuto pancreatici umani hanno avuti un microbiome attivo,„ abbiamo detto Saxena. “Ed abbiamo trovato che che non solo è là batteri nel pancreas ma il caricamento batterico è significativamente più alto nel tessuto del cancro del pancreas confrontato al tessuto normale del pancreas.„

“I nostri studi indicano che i batteri possono servire entrambi come biomarcatori del rischio aumentato per cancro del pancreas come pure gli obiettivi terapeutici potenziali,„ ha detto Miller. “Crediamo che quella mirare al microbiome in pazienti con cancro del pancreas possa rendere ad immunoterapia efficace.„

Saxena ha notato, “cancro del pancreas è una malattia molto aggressiva con un tasso di sopravvivenza quinquennale di misero 8,2 per cento. Prolungare la vita di questi pazienti manipolando il microbiome e decelerando la progressione del tumore sarebbe un passo avanti significativo nella gestione della questa malattia micidiale.„

Limitazioni: Una limitazione dello studio è la piccola dimensione del campione usata per gli studi umani del cancro del pancreas. Come celebre da Miller, identificante i batteri utili che potrebbero potenzialmente essere utilizzati per rallentare la progressione del rischio di diminuzione o del cancro del pancreas è importante negli studi futuri.