Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Cancri possono essere individuati a più di piccola dimensione in petti con gli innesti, studio rivela

L'aumento del petto con gli innesti non interferisce con la capacità di individuare i cancri al seno successivi--infatti, i cancri possono essere individuati ad un più di piccola dimensione in petti con gli innesti, secondo uno studio nell'emissione di aprile di plastica e di chirurgia ricostruttiva®, il giornale medico ufficiale della società americana dei chirurghi plastici (ASP).

Ma la mammografia può essere meno probabile individuare i cancri in petti con gli innesti, secondo la ricerca da Michael Sosin, MD, dell'ospedale di Georgetown University di MedStar, di Washington, di DC e dei colleghi. Lo studio egualmente evidenzia alcune differenze nella diagnosi e nel trattamento del cancro al seno in donne che hanno avute aumento del petto, compreso un'più alta tariffa della mastetomia.

Cancri evidenti individuati a più di piccola dimensione in petti con gli innesti

I ricercatori hanno studiato 48 pazienti con cancro al seno che si sviluppa dopo l'aumento del petto, con un gruppo di 302 donne con cancro al seno che non ha avuto protesi del seno. Il tempo medio dall'aumento del petto alla diagnosi del cancro era di 14 anni. I dati sui due gruppi di pazienti sono stati analizzati per determinare se e come l'aumento del petto e la presenza di innesti hanno pregiudicato la rilevazione, l'organizzazione ed il trattamento di cancro al seno.

Alla diagnosi, i cancri erano significativamente più piccoli in donne con le protesi del seno: dimensione media 1,4 centimetri, confrontati a 1,9 centimetri in donne senza innesti. In pazienti di cui i cancri sono stati individuati dall'individuazione della massa evidente--dall'auto-esame del petto o dall'esame clinico--la dimensione di tumore media era 1,6 cm nel gruppo di aumento del petto contro 2,33 cm nel gruppo di confronto.

Tuttavia, la tariffa di rilevazione del cancro dai mammogrammi di selezione era più bassa per le donne con gli innesti: 77,8 per cento, confrontati a 90,7 per cento in petti senza innesti. I Cancri hanno teso ad essere diagnosticati in una fase precedente nel gruppo di aumento del petto, sebbene la differenza non fosse statisticamente significativa.

Lo studio egualmente ha trovato alcune differenze nella diagnosi e nel trattamento successivi del cancro al seno. Le donne con gli innesti erano più probabili subire la biopsia di excisional e meno probabile subire rappresentazione-ha guidato la biopsia del ago di stampa di memoria. Le donne nel gruppo di aumento del petto erano più probabili essere curate con la mastetomia, 73 contro 57 per cento; e meno probabile subire trattamento diconservazione, 27 contro 43 per cento.

La rilevazione del cancro al seno era inalterata dal tipo di protesi del seno (silicone contro ripieno di salina), o se l'innesto è stato collocato sopra o sotto il muscolo pettorale. C'era una certa prova per suggerire che la rilevazione mamografica fosse più probabile in petti con ripieno di salina contro degli gli innesti ripieni di silicone.

Ha stimato che 1 in 8 donne sviluppasse il cancro al seno durante le loro vite, mentre quasi 300.000 donne subiscono ogni anno l'aumento del petto. Gli studi hanno indicato chiaramente che le protesi del seno non aumentano il rischio di cancro al seno. Ma ci sono preoccupazioni continuate che impianta potrebbe piombo alla diagnosi in ritardo di cancro al seno.

I nuovi risultati suggeriscono che i cancri al seno siano probabili essere individuati alle più piccole dimensioni in donne che hanno subito l'aumento del petto--particolarmente per le masse evidenti individuate da auto-esame o da esame clinico.

Al contrario, schermare la mammografia può essere più probabile mancare i cancri in donne con gli innesti, malgrado l'uso delle tecniche mamografiche moderne destinate per aumentare la rilevazione.

Mentre le donne con gli innesti possono essere più probabili subire la mastetomia, gli autori notano quello il trattamento diconservazione rimane un'opzione per tali pazienti. Il Dott. Sosin commenta, “i nostri risultati possono avere implicazioni importanti per il paziente che consigliano per quanto riguarda la rilevazione di aumento e del cancro al seno del petto.„