Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca esplora la dipendenza da Internet fra gli adolescenti ed i giovani

La ricerca è uno sforzo comune dall'università di RUDN, di KFU, dal Russo State University di educazione fisica, dagli sport, dalla gioventù e dal turismo, dall'università russa di Plekhanov di economia e da Irkutsk State University.

Uno scrutinio è stato condotto fra gli adolescenti ed i giovani hanno invecchiato 14-19 che ha riguardato le scuole secondarie e le istituzioni dell'insegnamento universitario.

Professore associato Regina Sakhieva, uno dei co-author della ricerca, spiegati, “possiamo individuare la dipendenza degli adolescenti dalle reti sociali, in cui ognuno può ritenere interessante e necessario. Molta gente diventa dipendente alla comunicazione nelle reti sociali e nella sostituzione delle relazioni in vivo con quei virtuali. Anche siete informato della vostra dipendenza, non siete sempre facile da liberarsela.„

Gli autori hanno scoperto che la maggior parte di quelle interrogata ha predisposizioni per dipendenza da Internet. Ciò comprende il controllo debole speso col passare del tempo online, sopra le loro proprie cronologie di attività e regolazione di priorità. Tuttavia, ancora possono limitare le loro attività online a favore della comunicazione faccia a faccia con gli amici ed altre attività quotidiane, quali gli studi.

Un programma della prevenzione di dipendenza è stato proposto come conseguenza dell'analisi del questionario. Il programma è puntato su che promuove l'esperienza, l'autoregolazione e l'autogestione sociali nello spazio di informazioni, pensiero critico per quanto riguarda il consumo contento. Il programma è stato provato e si rivelato essere efficace.

“Vediamo una soluzione nelle misure preventive applicate da tutti i partecipanti delle relazioni educative. Ecco perché i ricercatori hanno proposto l'orientamento psicologico e pedagogico delle polizze di prevenzione, compreso gli sforzi organizzativi per la prevenzione, i corsi speciali per gli insegnanti e gli psicologi e nuovi moduli e metodi di lavoro di prevenzione,„ ha concluso il Dott. Sakhieva.

Il programma è diviso in tre parti - motivazionali e le misure conoscitive, alle le misure orientate a pratica ed addestramento riflessivo e una pianificazione sistematica della sua entrata in vigore per il pubblico di 14 al 19enni.