Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il metodo novello permette ai ricercatori di vedere l'interazione delle cellule cerebrali a forma di stella in tempo reale

Un avanzamento dai neuroscenziati del UCLA ha potuto piombo ad una migliore comprensione dei astrocytes, una cellula cerebrale a forma di stella creduta di svolgere un ruolo chiave nei disordini neurologici come la malattia di Lou Gehrig, di Alzheimer e di Huntington.

Riferito in neurone, il nuovo metodo permette ai ricercatori di scrutare profondo dentro il cervello di un mouse e di guardare l'influenza dei astrocytes sopra la comunicazione delle cellule nervose in tempo reale.

In particolare, il gruppo del UCLA ha messo a fuoco sulla relazione con le sinapsi, le giunzioni dei astrocytes fra i neuroni che permettono loro di segnalarsi e trasportare i messaggi.

“Ora possiamo vedere come i astrocytes e le sinapsi stabiliscono il contatto fisico e determiniamo come queste connessioni cambiano nei disordini come la malattia di Huntington e di Alzheimer,„ abbiamo detto l'autore principale Baljit Khakh, un professore della fisiologia e della neurobiologia alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA. “Che cosa impariamo potrebbe aprire le nuove strategie per il trattamento delle quelle malattie, per esempio, identificando le interazioni cellulari che supportano la funzione normale del cervello.„

I neuroscenziati hanno provato per anni a misurare come i tentacoli dei astrocytes interagiscono con le sinapsi per eseguire le funzioni importanti del cervello. Finora, tuttavia, nessuno ha potuto sviluppare una prova adatta ad osservare il tessuto cerebrale adulto in mouse viventi

Nel metodo creato dal gruppo di Khakh, colori differenti del passaggio leggero tramite una lente per ingrandire gli oggetti che sono invisibili all'occhio nudo e ben più piccoli di quelli osservabili mediante tecniche più iniziali.

La nuova prova li ha permessi di osservare come le interazioni fra le sinapsi ed i astrocytes cambiano col passare del tempo come pure durante le varie malattie, in mouse modella.

“Sappiamo che i astrocytes svolgono un ruolo principale in come gli impianti di cervello ed egualmente influenzano la malattia,„ ha detto primo l'autore Chris Octeau, un collega postdottorale della fisiologia nel laboratorio di Khakh. “Ma come le celle compire queste mansioni è rimanere esattamente oscuro.„

È poco chiaro ogni quanto tempo i astrocytes stabiliscono il contatto con le sinapsi e come queste interazioni cambiare durante la malattia o come conseguenza dei tipi differenti di attività cellulari.

L'avanzamento del UCLA fornisce uno strumento potente che gli scienziati possono utilizzare per rivolgere queste domande.

“Questo nuovo strumento fa gli esperimenti possibili che stiamo volendo eseguire per molti anni,„ ha detto Khakh, un membro dell'istituto di ricerca del cervello del UCLA. “Per esempio, possiamo ora osservare come la lesione cerebrale altera il modo che i astrocytes interagiscono con i neuroni e sviluppano le strategie per indirizzare questi cambiamenti.„

Sorgente: http://newsroom.ucla.edu/releases/ucla-method-watching-brain-cells-interact-real-time