Svegliare le cellule staminali “addormentate„ nel cervello ha potuto migliorare la sua capacità di riparare la lesione

Dalla battuta Robertson, BSc

I ricercatori hanno identificato un nuovo tipo di cellula staminale che potrebbe amplificare la capacità del cervello di riparare il danno causato dal trauma cranico o dalla malattia.

Credito: Kateryna Kon/Shutterstock.com

Gli studi che sono stati intrapresi dagli scienziati alla fiducia di Wellcome/dall'istituto BRITANNICO di Gurdon ricerca sul cancro, Cambridge recentemente sono stati pubblicati nella scienza del giornale.

Il cervello è povero a ripararsi e un fuoco importante nella medicina a ricupero sta trovando i modi riparare il cervello che segue efficientemente ferite provocate dal colpo, dal trauma capo, dal morbo di Alzheimer o dall'invecchiamento, per esempio.

Può essere possibile raggiungere questa riparazione migliore, senza l'esigenza di chirurgia, mirando alle cellule staminali che risiedono nel cervello.

Queste celle possiedono la capacità unica di produrre i tipi differenziati multipli delle cellule all'interno del cervello, ma sono solitamente in uno stato di sonno “o inattivo„ citato come stasi. Di conseguenza, tutta la terapia a ricupero del cervello che potrebbe sfruttare il potenziale delle cellule staminali in primo luogo richiederebbe loro di essere svegliata da stasi.

Ora, lo studente Leo Otsuki di PhD ed il suo professor Andrea Brand del supervisore riferiscono la scoperta di un nuovo tipo di cellula staminale tranquilla nel cervello conosciuto come “una cellula staminale tranquilla G2„. Questa cellula staminale possiede il più alto potenziale a ricupero che le cellule staminali tranquille precedentemente identificate.

Considerevolmente, le cellule staminali tranquille svegliate G2 generano molto più rapidamente le cellule cerebrali chiave - neuroni e glia - di quanto le cellule staminali tranquille conosciute, suggerenti essi possono essere obiettivi desiderabili per progettazione della droga.

Il cervello non è buono a ripararsi, ma queste cellule staminali neo-scoperte suggeriscono che ci possa essere un modo migliorare la sua abilità. Queste cellule staminali sono in uno stato sospeso, ma una volta sveglio, hanno la capacità di generare le cellule cerebrali chiave.„

Il professor Andrea Brand, ricerca sul cancro Regno Unito

In uno studio della mosca di frutta o della drosofila, i ricercatori hanno identificato un gene citato come “tribbles„ che regolamenta selettivamente le cellule staminali tranquille G2. I ricercatori ritengono che le droghe con il potenziale di mirare ai tribbles potrebbero essere la risposta a svegliare le cellule staminali tranquille G2. Il punto seguente è di identificare le molecole del tipo di droga potenziali che bloccano questo gene, dice Otsuki.

“Crediamo che ci possano essere simili cellule staminali tranquille in altri organi e questa scoperta potrebbe contribuire a migliorare o sviluppare le nuove medicine a ricupero,„ aggiunge.

Sorgente: