Lo strumento novello predice con successo i risultati per il cancro polmonare

I ricercatori hanno usato i dati di open source per sviluppare uno strumento personale di valutazione del rischio che può predire i risultati del trattamento e di tasso di sopravvivenza fra i pazienti con il cancro polmonare della fase iniziale.

Credito: Mopic/Shutterstock.com

Lo strumento usa un comitato di 29 geni extracellulari (ECM) della matrice che i ricercatori trovati sono stati espressi anormalmente nel tessuto del tumore del polmone.

Il modo tradizionale di ottimizzazione del cancro è stato misure “di un'una dimensione tutto l'„ approccio, ma sebbene due genti possano avere lo stesso tipo di cancro, la malattia può ancora manifestarsi e progredire in un modo che è unico a ciascuno determinato.

Il professor Lim Chwee Teck (dipartimento dell'autore di studio di assistenza tecnica biomedica, università nazionale di Singapore) dice che più ricercatori imparano più circa la variabilità del tumore (eterogeneità), più probabile è che la medicina personale si trasformerà in in una realtà.

Quando la medicina di precisione incontra i grandi dati, il suo potenziale è ancora maggior. Con l'aumento degli sforzi comuni globali nella divisione dei dati su grande scala, potevamo esplorare i dati genomica attraverso i tipi multipli del cancro attraverso i vari database.„

Il professor Lim Chwee Teck

Come riportato nelle comunicazioni della natura, l'esame dei database aperti ha rivelato l'ampia eterogeneità del tumore in termini di espressione genica del ECM fra i malati di cancro del polmone della fase iniziale.

Egualmente ha identificato 29 componenti specifiche del ECM che potrebbero servire da biomarcatori per la diagnosi e la prognosi, date la loro dinamica anormale nella progressione del cancro. Il gruppo ha usato questi biomarcatori per creare un comitato novello del gene che potrebbe applicarsi clinicamente.

Il comitato rivelato essere affidabile nei risultati di sopravvivenza e negli indici di successo di predizione di chemioterapia in più di 2.000 pazienti con il cancro polmonare della fase iniziale. Un punteggio comune di taglio egualmente è stato determinato per la stratificazione paziente.

Lim si riferisce allo strumento come sviluppo molto emozionante che rappresenta un grande passo avanti nel permettere ai trattamenti di essere personalizzato per i malati di cancro.

Il nostro studio dimostra come possiamo sfruttare e trasformare la quantità senza precedenti di dati genomica in uno strumento decisionale utile che può essere applicato nella pratica clinica sistematica. Siamo eccitati circa il potenziale di applicazione del nostro approccio novello di bioinformatica nell'area emergente della biopsia liquida, che servisce da alternativa alla biopsia dilagante e dolorosa del tessuto.„

Il professor Lim Chwee Teck

Sorgente: