Studi i rapporti che fanno diminuire le tariffe di trapianto del fegato fra i pazienti di HCC negli Stati Uniti.

I pazienti con carcinoma epatocellulare (HCC) che aspetta un trapianto del fegato in U.S.A. ora sono significativamente meno probabili ricevere un nuovo fegato che erano intorno ad una decade fa. Uno studio nazionale presentato oggi al congresso internazionale 2018 del fegato a Parigi, Francia, ha confermato che i pazienti con HCC sulla lista del trapianto del fegato in U.S.A. erano più di 50% meno probabilmente per ricevere nel 2014-2016 un trapianto che erano nel 2005-2007. I pazienti con assicurazione di Medicaid erano egualmente significativamente meno probabili subire il trapianto del fegato che quelli con assicurazione privata/commerciale. “Questo è molto preoccupare la tendenza e riflette lo squilibrio continuato fra il numero dei pazienti con HCC necessitante trapianto del fegato ed il numero limitato dei fegati erogatori disponibili„, ha detto il Dott. Jennifer Wang dal centro medico pacifico della California, San Francisco, U.S.A., che ha presentato oggi i risultati di studio.

Il carcinoma epatocellulare è il tumore primario più comune del fegato, con la sopravvivenza media valutata di 18 mesi. Il trapianto del fegato è un trattamento linea guida-raccomandato per la gente con HCC, 3 sebbene le persone debbano rispondere ai criteri rigorosi per unire la lista di attesa. Uno studio recente ha indicato che HCC è l'indicazione più comune per trapianto ed il collocamento del fegato sulla lista di attesa in U.S.A. Tuttavia, la disponibilità limitata dell'organo e una domanda aumentante ha esteso i tempi di attesa del trapianto e la morbosità e la mortalità aumentate fra quelle quotate.

Lo studio presentato oggi è stato intrapreso per valutare le tendenze relative del camice alla probabilità di ricezione del trapianto del fegato fra gli adulti degli Stati Uniti con HCC sulla lista del trapianto. I dati dalla rete unita per l'organo che divide la registrazione del trapianto del fegato sono stati analizzati entro l'anno di elenco (2005-2007, 2008-2010, 2011-2013 e 2014-2016) e sono stati stratificati dal tipo di assicurazione e dell'età. Una volta stratificata dall'età, la probabilità di ricezione del trapianto del fegato in 1 anno di elenco era più alta fra i pazienti di HCC di 50-59 anni (64,6%) ed il più basso fra quelli ha invecchiato 60-69 anni (58,1%) (p<0.01). Una volta stratificata dal tipo di assicurazione, la probabilità di ricezione del trapianto del fegato in 1 anno era più alta fra quelle con assicurazione (63,6%) e più basso privati/commerciali fra quelli con assicurazione di Assistenza sanitaria statale (52,8%) (p<0.001). Nel 2005-2007, la probabilità di ricezione del trapianto del fegato durante il primo anno di aggiunta della lista di attesa era 81,5% rispetto nel 2014-2016 ad appena 51,7% (p<0.001). Un'analisi di regressione a più variabili ha confermato che i pazienti di HCC che hanno unito la lista di attesa del trapianto del fegato nel 2014-2016 erano significativamente meno probabili ricevere un trapianto che coloro che ha unito la lista nel 2005-2007 (ora 0,43; Ci 0,40, 0,46 di 95%; p<0.001).

“Questo significa che, malgrado i numeri aumentanti degli adulti con HCC che aspetta un trapianto del fegato in U.S.A., i pazienti ora sono 57% meno probabili ricevere uno che erano nel della metà del 2000 s„, ha detto il Dott. Wang.

Così come la mancanza di fegati erogatori, il Dott. Wang ritiene che i risultati dal suo studio egualmente riflettano le disparità nelle tariffe di trapianto del fegato fra i pazienti di HCC - particolarmente pazienti dagli ambiti di provenienza e da quelli di minoranza etnica con assicurazione Medicaid tipa. Egualmente crede che il carico aumentante dell'affezione epatica grassa analcolica come una causa di HCC ed i numeri aumentanti dei pazienti con la fase iniziale HCC che sono ammissibili per trapianto del fegato hanno contribuito alla situazione attuale.

“Infine, questa situazione migliorerà soltanto quando le più nuove terapie e le opzioni più curative per HCC diventano disponibili„, ha detto il Dott. Wang. “Nel frattempo, abbiamo bisogno della più ricerca di aiutarci a capire le disparità identificate nel nostro studio in moda da potere sviluppare gli interventi mirati a per assicurare l'accesso più equo a trapianto del fegato per tutti i nostri pazienti di HCC„.

“Questo aumento nel rapporto dei pazienti che sono candidati potenziali per trapianto del fegato sarà associato con un aumento irrimediabile nel tempo di attesa e dell'interruzione procedura dovuto la progressione del tumore„, ha detto prof. Alejandro Forner dalla clinica Barcellona, Spagna e membro di consiglio di amministrazione dell'ospedale di EASL. “Gli sforzi dovrebbero essere diretti progettare le strategie dare la priorità per facilitare l'accesso a trapianto del fegato per i pazienti influenzati da HCC, senza nuocere al quotato pazienti dovuto la funzione epatica alterata„.

Sorgente: http://www.easl.eu/