Lo studio clinico da trovare ha migliorato il trattamento per gli inizio viscerali della leishmaniosi in Africa orientale

Un nuovo studio per trovare ad un trattamento più sicuro, efficace e più adatto a paziente e gli strumenti diagnostici migliori per la gente che vive con la leishmaniosi viscerale (VL) ha cominciato in Africa orientale, all'interno di nuovo consorzio Afri-KA-DIAMETRO con il finanziamento dall'europeo & dall'associazione di test clinici dei paesi in via di sviluppo (EDCTP). Il test clinico su grande scala di fase III cerca di valutare l'efficacia e la sicurezza di una combinazione di miltefosine e di paromomycin nel trattamento del VL in Africa orientale.

VL è una diffusione tropicale trascurata di malattia dal morso di una sabbia-mosca femminile infettata. Ci sono fino a 90.000 nuovi casi di VL ogni anno mondiale. Interno se lasciato non trattato, corrente il suo più alto carico è in Africa orientale (l'Eritrea, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan del sud, Sudan ed Uganda) dove la maggior parte della gente ha pregiudicato viva nelle regioni isolate lontano dai servizi sanitari. I bambini sono particolarmente vulnerabili.

L'odierno trattamento prima linea nella regione - consistendo del paromomycin, una terapia iniettabile applicata congiuntamente allo stibogluconate del sodio, che è amministrato o attraverso l'iniezione o per via endovenosa - è stato indicato per essere efficace seguendo un test clinico effettuato dalla piattaforma dell'Africa orientale della leishmaniosi (LEAP), droga per iniziativa di malattia Neglected (DNDi) ed altri partner nel 2010. Tuttavia, questo trattamento rimane suboptimale, come i pazienti possono soffrire dagli effetti secondari rari ma pesanti, quale la cardiotossicità, epatotossicità e pancreatite ed è difficile da amministrare poiché i pazienti devono resistere a due iniezioni dolorose ogni giorno per i 17 giorni. Se trovato per essere efficace, l'introduzione del miltefosine (il primo trattamento orale registrato per VL nel 2002 in India ed utilizzato nel programma di eliminazione di VL nel 2005 in India, nel Bangladesh e nel Nepal) congiuntamente al paromomycin diminuirà la difficoltà nell'amministrazione del trattamento ed il lungo ospedale resta per i pazienti.

“Malgrado un miglioramento nel trattamento di VL, c'è un bisogno urgente per i nuovi trattamenti alternativi di combinazione che sono efficaci, sicuri, di breve durata, accessibile ed adatto a per le regioni isolate in Africa orientale,„ ha detto il Dott. Jorge Alvar, il coordinatore di progetto, il progetto Afri-KA-DIAMETRO. “La combinazione di miltefosine e di paromomycin ha indicato per riuscire molto in Asia del Sud. Ora dobbiamo adattarlo e provare in questa regione, poichè sarebbe una buona opzione per sostituire ai i trattamenti basati a antimoniale.„

Lo studio funzionerà congiuntamente con una valutazione degli strumenti diagnostici non invadenti innovatori nella gestione dei casi di VL all'interno di cura paziente sistematica. I paesi nella regione come Kenya ancora usano splenico aspirano per la diagnosi - una tecnologia diagnostica dilagante che è pericolosa se eseguito in modo errato.

“Questo pacchetto di cura che combinano il trattamento orale e uno strumento diagnostico specifico per VL primario potrebbero potenzialmente migliorare la gestione globale di caso in Africa orientale ed essere la pietra angolare di riusciti approcci di eliminazione e di controllo per i programmi nazionali nella regione,„ ha detto il Dott. Monique Wasunna, Direttore, DNDi Africa.

Il test clinico sarà condotto sotto l'egida di nuovo consorzio Afri-KA-DIAMETRO composto di dieci partner della ricerca e accademici che hanno condotto i test clinici innovatori di VL in Africa orientale in questi ultimi 12 anni. La prova sta applicanda nell'ambito del SALTO, di una ricerca e della piattaforma di formazione dedicate alle prove di conduzione nella leishmaniosi, coordinata dall'ufficio regionale di DNDi nel Kenya con i membri ricavati dall'Etiopia, nel Kenya, nel Sudan e nell'Uganda.

“Sono molto emozionante come il presidente corrente della piattaforma di SALTO che stiamo partecipando a questo studio importante nell'ambito del consorzio Afri-KA-DIAMETRO. Con tali associazioni, speriamo di trovare il migliore trattamento per i pazienti di VL,„ ha detto prof. Asrat Hailu, università di Addis Ababa.

Lo studio, che ha cominciato nel gennaio 2018, avrà luogo in otto siti in Etiopia, nel Kenya, nell'Uganda e nel Sudan per un periodo di tre anni ed iscriverà complessivamente 576 pazienti. Più di 20 pazienti già sono stati iscritti allo studio dai siti di prova in Etiopia, nel Kenya e nel Sudan.

Sorgente: https://www.dndi.org/2018/media-centre/press-releases/clinical-trial-find-new-treatment-visceral-leishmaniasis-begins-eastern-africa/

Advertisement