Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La selezione del diabete ha potuto mancare più della metà dei pazienti ad alto rischio

I pazienti della selezione per il diabete basato solamente sulla loro età e peso - una raccomandazione da un gruppo principale del medico specialista - potrebbero mancare più della metà dei pazienti ad alto rischio, secondo un nuovo studio nordoccidentale della medicina di un campione nazionale. Questi criteri di selezione limitati egualmente hanno mancato più razziale e le minoranze etniche, specialmente asiatici.

Non riuscire a schermare gli adulti ad alto rischio potrebbe piombo ai trattamenti in ritardo per impedire il diabete di tipo 2 o gestire il termine per coloro che già lo ha, possibilmente contribuente ad un peggioramento dell'epidemia del diabete. Prediabetes ed il diabete pregiudicano la metà degli adulti degli Stati Uniti con un costo stimato di $327 miliardo all'anno.

La forza convenzionale di servizio preventivo degli Stati Uniti (USPSTF) corrente raccomanda che i medici schermino i pazienti per il dysglycemia (prediabetes o diabete di tipo 2) quando hanno 40 - 70 anni e sono di peso eccessivo o obesi. Quanto segue questa raccomandazione, 53 per cento dei pazienti che hanno avuti i prediabetes o diabete di tipo 2 non sarebbero schermati. Lo studio ha indicato che schermando i pazienti che usando un insieme ampliato dei fattori di rischio, che il USPSTF suggerisce ma formalmente non raccomanda, avrebbe identificato la maggior parte dei casi dei prediabetes e del diabete di tipo 2.

Soltanto 23 per cento dei pazienti con i prediabetes o del diabete sarebbero mancati se i criteri di selezione ampliati fossero usati per prendere le decisioni della selezione, lo studio trovato. I criteri ampliati comprendono una storia della famiglia del diabete, cronologia del diabete gestazionale o corsa ovarica policistica o di sindrome o origine etnica di colore.

“Questo sembra come una facile soluzione schermare i pazienti che hanno qualcuno di questi fattori di rischio supplementari,„ ha detto il Dott. Matthew O'Brien, assistente universitario dell'autore principale di medicina alla scuola di medicina di Feinberg di Northwestern University. “Dimostrando come questi criteri ampliati funzionano nell'identificazione dei pazienti con i prediabetes ed il diabete, stiamo proponendo un migliore percorso per il USPSTF per rinforzare le sue linee guida della selezione.„

Lo studio è stato pubblicato oggi, venerdì 13 aprile, nel giornale di medicina interna generale. O'Brien presenterà oggi i suoi risultati alla società per la conferenza generale della medicina interna a Denver, Colorado. Ciò è il primo studio per riferire come questi criteri di selezione ampliati eseguirebbero in pratica in un campione nazionalmente rappresentativo degli adulti degli Stati Uniti.

Il USPSTF è rientrato nell'esame accurato per altre raccomandazioni della selezione, specialmente per cancro al seno. Ma c'è stato poca attenzione concentrata sulla linea guida della selezione del diabete più recente di questo gruppo.

I programmi intensivi di stile di vita ed alcuni farmaci si sono rivelati impedire o ritardare il diabete di tipo 2 fra gli adulti con i prediabetes. Un grande volume di ricerca durante le ultime tre decadi ha dimostrato che trattare il diabete di tipo 2 impedisce le complicazioni pericolose quali gli attacchi di cuore, i colpi e l'insufficienza renale.

“I pazienti più in anticipo sono diagnosticati con queste circostanze, più presto possono cominciare a combatterle,„ O'Brien ha detto.

Gli afroamericani ed i latini sviluppano il diabete di tipo 2 alle più giovani età, così aspettanti finché non abbiano 40 anni per schermarli siano problematici, O'Brien ha detto. Nello studio, 50 per cento dei bianchi con i prediabetes o il diabete di tipo 2 sono stati identificati facendo uso dei criteri limitati confrontati a soltanto 48 per cento degli afroamericani ed a soltanto 44 per cento dei latini.

Gli asiatici sono ad ad alto rischio del diabete di sviluppo anche ad un peso sano. Quanto segue le linee guida limitate e soltanto schermando i pazienti che sono di peso eccessivo o obesi, circa 30 per cento degli asiatici con i prediabetes o il diabete di tipo 2 sarebbero identificati. Quello lascerebbe 70 per cento degli asiatici con i prediabetes o del diabete undiagnosed fino alla loro prova di selezione seguente, in grado di accadere anni più successivamente.

Di studio i tocchi anche sulle implicazioni finanziarie di queste linee guida. Nell'ambito di una disposizione nella Legge accessibile di cura, tutti i servizi raccomandati dal USPSTF devono completamente essere coperti dagli assicuratori. Ma O'Brien ha detto che è poco chiaro se gli assicuratori saranno tenuti a pagare la selezione del diabete se i pazienti rispondono soltanto ai criteri ampliati.

“Questo potrebbe essere un problema particolare per la gente di stato socioeconomico basso che non può ad ad alto rischio del diabete di sviluppo e può essere pagare una prova di selezione,„ O'Brien ha detto.

Gli studi sono stati intrapresi in collaborazione con il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC), facendo uso dei dati raccolti ogni anno da un campione nazionalmente rappresentativo degli adulti degli Stati Uniti. Costruiscono sui risultati da uno studio precedente O'Brien condotto che ha compreso i dati elettronici della cartella medica da 50.515 pazienti adulti di pronto intervento ai centri sanitari della comunità nel Midwest ed al sud-ovest fra 2008 e 2013.

Sorgente: https://news.northwestern.edu/stories/2018/april/diabetes-screenings-miss-half/