Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il rischio della pancreatite nelle minoranze si è collegato all'alcool, alle colelitiasi ed agli alti trigliceridi

La pancreatite nelle minoranze etniche è collegata molto agli alti livelli dei trigliceridi ed il rischio ulteriormente è aumentato da abuso di alcool e dalle colelitiasi, secondo uno studio pubblicato nella pratica della ghiandola endocrina del giornale.

Il gastroenterologo Ayokunle Abegunde, MD della medicina di Loyola, è un co-author dello studio, pubblicato nella pratica della ghiandola endocrina del giornale.

La pancreatite è infiammazione nel pancreas, una grande ghiandola dietro lo stomaco che produce gli enzimi che aiutano nella digestione ed in ormoni che contribuiscono a mantenere il bilanciamento dello zucchero del bood. La pancreatite acuta è ogni anno responsabile di più di 220.000 ricoveri ospedalieri negli Stati Uniti ed ha un tasso di mortalità variare da 3 a 30 per cento.

I trigliceridi, un tipo di grasso che l'organismo usa per energia, possono aumentare il rischio di malattia di cuore. I livelli normali sono inferiore a 150 milligrammi per decilitro (mg/dL). I livelli elevati più superiore 500 mg/dL sono considerati molto, i livelli fra 1.000 e 1.999 mg/dL sono severi ed i livelli superiore a 2.000 mg/dL sono molto severi.

Gli studi precedenti hanno trovato che i livelli severi di trigliceridi sono associati con pancreatite, ma il livello di taglio non è stato confermato e c'è stato la ricerca limitata sulle popolazioni di minoranza. Il nuovo studio è il primo da riferire su pancreatite, dovuto i livelli severi di trigliceridi, in una popolazione multietnica di minoranza degli Stati Uniti.

I ricercatori hanno svolto uno studio retrospettivo di 1.157 pazienti adulti nella salubrità della contea di Cook & nel sistema degli ospedali che hanno avuti livelli del trigliceride più superiore 1.000 mg/dL. La ripartizione etnica era latino-americani, 38,4 per cento; Afroamericani, 31,6 per cento; Caucasians, 22,7 per cento; Asiatici, 5,7 per cento; ed isolani pacifici, 1,6 per cento.

Fra tutti i pazienti, 9,2 per cento hanno avuti pancreatite. Fra i pazienti con trigliceride livella più superiore 2.000 mg/dL, c'era un aumento di 4,3 volte in pancreatite rispetto ai pazienti ai livelli del trigliceride fra 1.000 e 1.999 mg/dL. Ciò che trova convalida il taglio suggerito della società endocrina di 2.000 mg/dL come fattore di rischio per pancreatite.

Gli studi precedenti hanno indicato che l'alcool è un altro fattore di rischio. Il nuovo studio ha trovato che i pazienti con una cronologia di eccessiva ingestione di alcol erano quattro volte più probabili da sviluppare la pancreatite.

Lo studio ha confermato i risultati più iniziali che la malattia della colelitiasi è un fattore di rischio supplementare. I ricercatori ancora trovato che in pazienti con pancreatite, la prevalenza delle colelitiasi era significativamente più alta in donne.

Soltanto 2 per cento dei pazienti con trigliceride livellano inferiore a 2.000 mg/dL hanno fatti confrontare la pancreatite, a 33,6 per cento dei pazienti che hanno avuti livelli del trigliceride più superiore 2.000 mg/dL ed altro un fattore di rischio.

Lo studio egualmente ha trovato che i più giovani adulti erano più probabili ottenere la pancreatite. “Non è chiari perché i pazienti più anziani con i simili fattori di rischio erano meno suscettibili dello sviluppare la pancreatite acuta,„ ricercatori ha scritto.

I risultati dello studio possono aiutare i medici a valutare il rischio della pancreatite fra i pazienti con i livelli severi di trigliceridi ed a decidere dell'urgenza e dell'intensità di gestione del rischio. L'individuazione tempestiva e consigliare sui fattori di rischio comportamentistici hanno potuto contribuire a diminuire il rischio di pancreatite, ricercatori hanno scritto.