Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La dieta non sana danneggia lo sviluppo delle celle grasse acerbe, manifestazioni di studio

24 ore. Ciò è tutta che catturi affinchè una cella grassa del cosiddetto precursore abbia sua “ricetta epigenetica„ su come svilupparsi correttamente in una cella grassa matura, riprogrammato. Questo cambiamento si presenta quando la cella è messa nel contatto con il palmitato dell'acido grasso o l'TNF-alfa dell'ormone, gli studi intrapresi dai ricercatori dal centro delle fondamenta di Novo Nordisk per la ricerca metabolica di base all'università di Copenhaghen mostra.

Le celle del precursore sono celle che ancora non hanno maturato per assumere una funzione specifica nell'organismo, per esempio la funzione di un muscolo o di una cella grassa. Il palmitato e l'TNF-alfa possono disturbare lo sviluppo della cella, inducente la a svilupparsi più successivamente in una cella grassa disfunzionale nella sua vita. In particolare, questo che riprogramma è trovato in pazienti obesi che soffrono dal diabete di tipo 2, i ricercatori ha trovato.

Siamo esposti al palmitato attraverso l'alimento che mangiamo. Particolarmente gli alimenti che contenente un gran numero di grasso saturato quali i prodotti lattier-caseario, la carne e l'olio di palma sono abbondanti in palmitato. l'TNF-alfa è un ormone infiammatorio che è secernuto nell'organismo durante la malattia. I pazienti obesi egualmente hanno un di più alto livello dell'TNF-alfa, poichè l'obesità è collegata ad infiammazione.

“I nostri risultati sollecitano l'importanza di una dieta sana e di uno stile di vita per la nostra salubrità metabolica nei prossimi anni. In larga misura, una dieta sana e uno stile di vita sano possono contribuire ad impedire riprogrammare delle nostre celle del precursore. A lungo termine, speriamo che il nostro studio possa essere all'origine di nuove strategie per invertire la programmazione anormale delle celle grasse del precursore, renderle in buona salute e funzionale ancora una volta„, dice Romain Barrès, che è alla testa dello studio.

I fattori ambientali svolgono un ruolo chiave

All'interno di cosiddetta ricerca epigenetica, parecchi studi hanno suggerito che le celle umane del precursore avessero una memoria delle esposizioni ambientali di esperienza. Ma finora nessuno ha potuto identificare i fattori che pregiudicano riprogrammare delle celle grasse del precursore o stabilire la rapidità a cui le celle sono riprogrammate.

In collaborazione con l'unità chirurgica della gastroenterologia all'ospedale di Hvidovre, i ricercatori hanno raccolto il tessuto grasso dalle 43 operazioni previste. 15 pazienti erano magra, 14 erano obesi e 14 erano obesi e sofferti dal diabete di tipo 2. Raccogliendo i campioni da tre gruppi differenti di pazienti, i ricercatori potevano confrontare la salubrità delle celle grasse del precursore dei tre gruppi.

Il gruppo ha imparato che le celle dal gruppo di pazienti obesi che soffrono dal diabete di tipo 2 erano state riprogrammate e quindi non hanno funzionato come il normale, celle grasse in buona salute. Esponendo le celle grasse del precursore sano ai due fattori esterni per appena 24 ore che i ricercatori potevano imitare riprogrammare essi aveva osservato in celle dai pazienti diabetici.

Un'area di ricerca di promessa

I ricercatori sono incerti se è possibile invertire la programmazione per rendere le celle in buona salute e funzionali ancora. Ed anche se è possibile, non sanno farlo.

“Ora sappiamo che le celle dei precursori possono essere riprogrammate in un modo che la funzione è alterata allo stadio finale del loro sviluppo, ma finora nessuno ha scoperto come invertire il trattamento. Ma è un campo di promessa„, dice Romain Barrès.

Lo studio, “Preadipocytes dagli esseri umani obesi con il diabete di tipo 2 epigenetico è riprogrammato ai geni che gestiscono la funzione del tessuto adiposo„ è stato pubblicato nel giornale internazionale dell'obesità.

Casella di fatto:

Immagini che le celle nei nostri organi abbiano un libro di ricetta con i programmi che dicono loro come svilupparsi nelle celle mature. I programmi dicono le celle all'interno del nostro tessuto grasso quali pagine del libro da leggere per svilupparsi nelle celle grasse. Tuttavia, l'esposizione a un gran numero di a palmitato o di TNF-alfa induce il libro di cucina a cambiare. Ora le celle non hanno accesso a tutte le pagine del libro e non potranno svilupparsi nel giusto modo. Ancora si sviluppano nelle celle grasse, ma sono disfunzionali.