Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esposizione alla luce blu alla notte si è collegata all'elevato rischio di sviluppare il petto ed il carcinoma della prostata

Uno studio svolto da un gruppo internazionale piombo dall'istituto di Barcellona per salubrità globale (ISGlobal), da un centro di supporto “dalle fondamenta di Caixa della La„, dai rapporti un collegamento fra l'esposizione ad indicatore luminoso blu alla notte e dall'elevato rischio di sviluppare il petto ed il carcinoma della prostata. L'indicatore luminoso blu è un intervallo dello spettro dell'indicatore luminoso visibile emesso dalla maggior parte del LED bianco e da molti schermi del telefono e della compressa. I risultati sono stati pubblicati nelle prospettive di salute ambientale.

“il WHO è agenzia internazionale per la ricerca su Cancro (IARC) ha classificato il lavoro a turni di notte come probabilmente cancerogeno agli esseri umani. C'è prova che indica un'associazione fra l'esposizione ad indicatore luminoso artificiale alla notte, rottura del ritmo circadiano e petto e carcinoma della prostata. Con questo studio abbiamo cercato di determinare se l'esposizione di notte ad indicatore luminoso in città può pregiudicare lo sviluppo di questi due tipi di cancri„, spieghiamo il ricercatore di Manolis Kogevinas, di ISGlobal ed il coordinatore dello studio. “Sappiamo che secondo la sue intensità e lunghezza d'onda, l'indicatore luminoso artificiale, specialmente nello spettro blu, può fare diminuire la produzione della melatonina e la secrezione„, diciamo Martin Aubé, professore di fisica a CÉGEP Sherbrooke, nel Canada ed il co-author di studio.

Gli studi sono stati intrapresi nel quadro del progetto della MCC-Spagna finanziato “dall'en Red de Epidemiología y Salud Pública di Consorcio de Investigación Biomédica„ (CIBERESP) e comprendono i dati medici ed epidemiologici di più di 4,000 persone fra 20 e 85 anni in 11 regione spagnola. L'esposizione dell'interno ad indicatore luminoso artificiale era risoluta attraverso i questionari personali, mentre i livelli all'aperto di indicatore luminoso artificiale sono stati valutati per Madrid e Barcellona, in base alle immagini notturne catturate dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

I risultati ottenuti per entrambe le città indicano che i partecipanti esposti ai livelli elevati di indicatore luminoso blu hanno avuti i 1,5 e 2 volta l'elevato rischio di sviluppare il petto ed il carcinoma della prostata, rispettivamente, rispetto alla popolazione meno esposta.

Il ricercatore di Ariadna García, di ISGlobal ed il primo autore dello studio, dice: “Data l'ubiquità di indicatore luminoso artificiale alla notte, alla determinazione a del se aumenta o non al rischio di cancro è un'emissione di salute pubblica„. A questo punto, ulteriori studi dovrebbero comprendere i dati più diversi facendo uso per esempio dei sensori leggeri che concedono misurare i livelli di luminosità dell'interno. Egualmente sarebbe importante fare questo genere di ricerca in giovani che utilizzano estesamente gli schermi luminescenti blu„.

“Corrente, le immagini catturate dagli astronauti sulla stazione spaziale sono il nostro soltanto modo di determinazione del colore di illuminazione all'aperto ad una larga scala e la diffusione di bianco luminescente blu LED nelle nostre città„, nelle osservazioni Alejandro Sánchez de Miguel, scienziato all'istituto dell'astrofisica in Andalucía-CSIC ed università di Exeter.

Sorgente: https://www.isglobal.org/documents/10179/6225531/NdP+Luz+azul+cancer+ENG.pdf/ee390e95-a616-4e92-8fcf-ff0b856a96ea