Lo studio non trova associazione fra la gotta ed il rischio aumentato di frattura

La gotta, un'artrite infiammatoria dolorosa, non è associata con un rischio aumentato di frattura, secondo un grande studio piombo dall'università di Keele e pubblicato in CMAJ (giornale medico canadese di associazione).

Questi risultati contrappongono con quelli degli studi precedenti, che hanno trovato l'elevato rischio della frattura nella gente con la gotta.

La gotta è il modulo più comune dell'artrite infiammatoria, causato dall'accumulazione dei cristalli del urate in una giunzione. Può provocare il più spesso il dolore severo ed il gonfiamento nelle giunzioni, la base dell'alluce ma anche in altre giunzioni. Nel Regno Unito, 2,4% degli adulti sono afflitti.

C'è una certa prova che l'infiammazione cronica può aumentare il rischio di frattura.

I ricercatori dall'università di Keele hanno intrapreso gli studi nel Regno Unito facendo uso di grande database di pronto intervento. Hanno incluso 31 781 paziente con la gotta che sono stati abbinati a 122961 comando e li hanno seguiti per fra 6,8 e 13,6 anni fino alla prima diagnosi di una frattura. La tariffa della frattura era simile nella gente con e senza la gotta. Inoltre, il farmaco per abbassare i livelli del urate nella gente con la gotta non è sembrato avvantaggiare o pregiudicare avversamente il rischio a lungo termine di fratture.

“Il nostro uso di un gruppo nazionalmente rappresentativo dovrebbe permettere ai nostri risultati di studio di essere generalizzabili non solo nel Regno Unito ma anche ad altri paesi con i simili sistemi sanitari,„ scrive il Dott. Zoe Paskins, il centro di pronto intervento BRITANNICO della ricerca di artrite, l'università di Keele, Staffordshire, Regno Unito.