Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: I superstiti del cancro al seno non ricevono raccomandato a livello di selezione dopo chirurgia

I superstiti del cancro al seno non stanno ottenendo il livello raccomandato di selezione, post-chirurgia, secondo uno studio neo-pubblicato in JNCCN - giornale della rete completa nazionale del Cancro. Lo studio piombo da Kathryn rubicondo, il MD, il MPH, Direttore della sopravvivenza del Cancro per il dipartimento dell'oncologia, centro del Cancro della clinica di Mayo. Dott. Ruddy -; chi è egualmente un membro delle linee guida di pratica cliniche di NCCN nel comitato dell'oncologia (linee guida® di NCCN) per la sopravvivenza -; ha esaminato le tariffe di mammografia della post-chirurgia per le donne con assicurazione sanitaria. Mentre le linee guida di NCCN® raccomandano i mammogrammi annuali per presto-rilevazione della ricorrenza di malattia; questo studio ha trovato che anche le donne che sono rimanere Assicurati erano meno probabili rispettare quello standard, poichè sono diventato superstiti a lungo termine.

“L'uso dei mammogrammi regolari individuare un rendimento di cancro al seno prima che tutti i sintomi compaiano è associato con la migliore sopravvivenza globale,„ ha detto il Dott. Ruddy. “Di conseguenza, i clinici devono assicurarsi che i loro pazienti siano ben consapevoli del ruolo che questi mammogrammi annuali svolgono nella selezione per i nuovi cancri al seno come pure per le ricorrenze locali. Creando ed applicare le pianificazioni di cura di sopravvivenza con le chiare istruzioni di seguito possono contribuire ad assicurare che più superstiti aderiscano al raccomandato a di schermare i programmi.„

Ricercatore è seguito 27.212 paziente per un mediana di 2,9 anno dopo che cancro al seno chirurgia (a parte coloro che ha avuto mastetomia bilaterale, per cui i mammogrammi non sono necessari), con rimanere di 4.790 pazienti nel gruppo di studio per almeno 65 mesi. L'analisi retrospettiva ha usato il OptumLabs data warehouse, contenere i reclami da privatamente ha assicurato i pazienti ed i enrollees di vantaggio di Assistenza sanitaria statale dall'altro lato degli Stati Uniti. Un anno fuori da chirurgia, hanno trovato che 13% dei superstiti non aveva subito alcuna rappresentazione del petto. Il numero senza un mammogramma nell'anno scorso è aumentato a 19% entro cinque anni dopo chirurgia. Soltanto 50% dei pazienti che sono stati seguiti per almeno cinque anni ha avuto almeno un mammogramma ciascuno di quegli cinque anni.

“Questa mancanza di seguito della rappresentazione rappresenta un'opportunità mancante per identificare ricorrente o nuovi cancri al seno in un sottogruppo paziente ad alto rischio,„ ha detto Benjamin il O. Anderson, MD, FACS, professore di chirurgia e medicina globale di salubrità al centro di ricerca sul cancro di Fred e dell'università di Washington Hutchinson e vicepresidente per il comitato delle linee guida di NCCN per cancro al seno. “Di importanza uguale, questa trovare illustra che il nostro sistema sanitario può non riuscire a tenere la carreggiata i gruppi importanti di malati di cancro dopo il completamento del trattamento. Le linee guida di NCCN per la sopravvivenza delineano le emissioni di qualità di vita che i pazienti devono affrontare, che insieme alle prove come i mammogrammi di seguito dovrebbero fa parte di una pianificazione coerente ed integrata di sopravvivenza.„

Lo studio egualmente ha trovato che i superstiti afroamericani del cancro al seno erano meno probabili che le loro controparti bianche ricevere i mammogrammi secondo il programma raccomandato. Ciò può contribuire agli più alti tassi di mortalità per quella popolazione, dato che la ricorrenza di cancro nel petto è considerata come un driver importante per la prognosi difficile in donne afroamericane. Mentre le ragioni per questa disparità non sono chiare, ad accesso limitato a test genetico potrebbe essere un fattore.

Ci sono corrente nuovi strumenti in via di sviluppo da contribuire a supportare ed incoraggiare l'aderenza alle linee guida dopo trattamento della selezione, compreso i apps mobili ed i programmi del web. Ulteriore ricerca è necessaria esplorare come la variabilità nei risarcimenti per le prove della rappresentazione può urtare la prova di sorveglianza.