Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga della radioterapia usata per il trattamento dei cancri neuroendocrini rari può essere cassaforte, efficace per i pazienti

Una droga di radioterapia che tratta la feocromocitoma neuroendocrina rara dei cancri e il paraganglioma può essere sia efficace che sicuro per i pazienti, secondo i risultati di una prova multicentrata piombo dai ricercatori nel centro del Cancro di Abramson dell'università della Pennsylvania. Lo studio ha mostrato AZEDRA (iobenguane I131 del ultratrace) piombo ad una riduzione significativa degli effetti secondari cardiovascolari che sono associati con questi cancri mentre però fermando la crescita del tumore. La droga è destinata per trattare i moduli maligni, ricorrenti, o unresectable dei cancri - casi per cui ci sono corrente i trattamenti non chirurgici non approvati. I prodotti farmaceutici di Progenics, che fabbrica AZEDRA, recentemente hanno presentato i risultati di questa prova come componente di un'applicazione per approvazione negli Stati Uniti Food and Drug Administration. Il ricercatore principale Daniel A. Pryma, MD, un professore associato dell'oncologia di radiazione e della radiologia e capo dello studio di medicina nucleare e della rappresentazione molecolare clinica alla scuola di medicina del Perelman di Penn, presenterà i risultati alla società americana della riunione annuale clinica 2018 dell'oncologia in Chicago come estratto orale (#4005 astratto).

“Questo rappresenta la speranza reale per i pazienti, poiché a partire da ora, non ci sono terapie antitumorali disponibili per i pazienti con questi tumori che non sono candidati per chirurgia,„ Pryma ha detto.

La feocromocitoma e il paraganglioma sono tumori neuroendocrini che si formano dallo stesso tipo di tessuto. La feocromocitoma si forma nella ghiandola surrenale, mentre il paraganglioma si forma fuori della ghiandola. Ci sono ogni anno i 650 - 2600 nuovi casi stimati negli Stati Uniti, con fra 10 e 35 per cento dei casi metastatici o localmente dilagante alla diagnosi. Inoltre, quando la malattia ritorna, non può essere resectable chirurgicamente. Il tasso di sopravvivenza quinquennale di casi unresectable può essere basso quanto 12 per cento.

AZEDRA è una droga che attacca questi tumori con un livello, dose specifico-mirata a della radioterapia. FDA gli ha dato una designazione del medicinale orfano, uno stato della via accelerata e una designazione di terapia dell'innovazione negli Stati Uniti.

Dalla nella prova guidata Penn, 68 pazienti hanno ricevuto almeno una dose terapeutica di AZEDRA. Venticinque per cento dei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose hanno incontrato il punto finale clinico di prova del vantaggio ed il numero hanno saltato a 32 per cento in pazienti che hanno ricevuto due dosi. Che il vantaggio clinico è stato misurato tramite i 50 per cento o una maggior riduzione della quantità di farmaci ipertesi questi pazienti ha catturato durare almeno 6 mesi poichè l'ipertensione e gli effetti secondari cardiovascolari associati sono una causa importante di danno da questi cancri. Ulteriormente, 92 per cento dei pazienti evaluable che hanno ricevuto almeno una dose hanno raggiunto una risposta parziale o una malattia stabile.

“I nostri dati mostrano che questa terapia fornisce un vantaggio doppio ai pazienti non solo gestendo il tumore, ma anche i sintomi debilitanti causati dalla loro produzione in eccesso dell'ormone,„ Pryma ha detto.

La droga ben-è stata tollerata generalmente, con gli effetti secondari più comuni che sono coerenti con ché paziente sperimenterebbe con radiazione quali i conteggi dei globuli, la fatica, la nausea e le vertigini in diminuzione.